Pace

Lista Pace

Archivio pubblico

Ekrem İmamoğlu, sindaco di Instanbul, condannato a 2 anni, 7 mesi e 15 giorni di carcere

Ha insultato alcuni funzionari della Commissione Elettorale Suprema turca nel 2019

16 dicembre 2022
Güncelleme Tarihi
Tradotto da Laura Zacchi per PeaceLink
Fonte: Hürriyet - 15 dicembre 2022

Commissione Elettorale Suprema turca

All’udienza hanno partecipato gli avvocati delle parti e diversi sostituti, ma non il Sindaco.
L’avvocato di İmamoğlu, Kemal Polat, ha chiesto che il ministro dell’Interno Süleyman Soylu fosse ascoltato come testimone (richiesta poi respinta dal Tribunale) e che fossero ascoltati anche gli altri testimoni presenti.

L’addetto stampa del Sindaco Murat Ongun, in veste di testimone, ha dichiarato quanto segue:

Quel giorno (alla conferenza stampa del 6 novembre 2019, NdT) ero insieme al nostro stimato Sindaco. In qualità di suo addetto stampa, sono io a mantenere le relazioni con i media. Molti giornalisti sostengono che durante la conferenza stampa il Ministro dell’Interno Süleyman Soylu abbia definito il nostro Sindaco “idiota”. İmamoğlu era deciso a rispondere a tono. A quel punto ho radunato i giornalisti, i quali, indicando il Ministro dell’Interno, hanno chiesto al Sindaco che cosa volesse dichiarare in proposito. In seguito ho chiesto al Sindaco se si fosse espresso duramente e lui mi ha risposto di essere stato perfino troppo buono.

Questo è tutto quello che so.

Non l’ho sentito dire niente a proposito della Commissione Elettorale Suprema (YSK). Ho lavorato accanto a lui durante l’intero processo elettorale e non ha mai detto una parola fuori posto in tal senso.

Polat ne ha chiesto l’assoluzione, affermando che le parole di İmamoğlu fossero una risposta a Süleyman Soylu in particolare e non alla Commissione Suprema in generale. Il Tribunale ha respinto la richiesta di far salire Soylu sul banco dei testimoni.

L’accusa ha controbattuto dichiarando che alla conferenza stampa che aveva fatto seguito alla nuova vittoria del Sindaco, egli avesse invece insultato alcuni funzionari della Commissione Suprema (İmamoğlu è il principale rivale di Erdogan e aveva vinto con un distacco di una decina di voti dall’avversario, l’ex premier Bildirim caro al Presidente. Le elezioni erano state annullate per “irregolarità”, salvo poi essere riconvocate qualche mese dopo, in occasione delle quali İmamoğlu aveva vinto nuovamente e con un netto distacco, NdT)

È stata pertanto chiesta una condanna pari a due anni, sette mesi e 15 giorni di reclusione per “insulti a pubblico ufficiale”.

Tradotto da Laura Zacchi per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: "Son dakika: İBB Başkanı Ekrem İmamoğlu'na 2 yıl 7 ay hapis cezası"

Articoli correlati

  • 12, 13 e 14
    Pace
    A 12 anni si sposa, a 13 partorisce a 14 viene uccisa

    12, 13 e 14

    Kader Ertem è stata assassinata. La ragazza, non si è suicidata con un fucile da caccia come inizialmente sostenuto, ma è stata uccisa dal suocero, Tahir Atak
    16 dicembre 2022 - Laura Zacchi
  • Comunicato in difesa del popolo kurdo e dei valori dell’Occidente
    Conflitti
    Da UDIK – Unione Donne Italiane e Kurde

    Comunicato in difesa del popolo kurdo e dei valori dell’Occidente

    Cedendo al ricatto della Turchia, la Nato ha aperto le sue porte alla Finlandia e alla Svezia e le ha chiuse alle leggi e ai trattati europei, alla giustizia, ai diritti umani e ai valori fondanti delle democrazie dell’Occidente.
    5 luglio 2022 - UDIK – Unione Donne Italiane e Kurde
  • Un capro espiatorio per la "democrazia" occidentale
    Conflitti
    Ed ecco rimosso il veto di Erdogan all'ingresso nella NATO dei due Paesi baltici!

    Un capro espiatorio per la "democrazia" occidentale

    La NATO ha aperto la porta a Svezia e Finlandia, chiudendo la porta della giustizia e dei diritti ai Kurdi; questo comportamento ha dato via libera e garanzie ad Erdogan per giustificare ogni sua azione militare in Rojawa contro i partigiani kurdi e la politica interna in Turchia.
    4 luglio 2022 - Gulala Salih
  • Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra
    Pace
    Affollata assemblea preparativa a Roma

    Il 20 maggio i lavoratori e le realtà sociali di tutta l’Italia scioperano per dire NO alla guerra

    “Il padronato vuole comprarci col bonus governativo di €200? Se li metta in quel posto”, ha tuonato un rappresentante sindacale. “Noi, il 20, scioperiamo contro la sua guerra che causa inflazione, aumento di prezzi, cassa integrazione nelle industrie vulnerabili, tagli alla sanità e ai servizi".
    8 maggio 2022 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)