CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Torino: non solo smog. Arriva anche la diossina dell'Ilva

    Torino: non solo smog. Arriva anche la diossina dell'Ilva

    Il rifiuto è Teratogeno: nocivo per la funzione sessuale e fertilità
    17 novembre 2017 - Luciano Manna
  • Fino al 5 giugno

    Cinemambiente, a Torino per aprire gli occhi

    Diciassette anni di Film, iniziative per le scuole anche dopo il Festival e un ricchissimo archivio di documentari
    5 giugno 2014 - Lidia Giannotti
  • Gli e-book e il futuro della cultura
    Una soluzione per diffondere i libri in Africa e combattere il digital divide

    Gli e-book e il futuro della cultura

    In 160 grammi possiamo memorizzare vocabolario di italiano, enciclopedia, libri di storia e di letteratura e anche un vocabolario di lingua inglese. La batteria dura un mese e possiamo ricaricarla con un piccolo pannello solare.
    8 gennaio 2014 - Austilio Tinelli
  • Lettera all'Arcivescovo di Torino

    Franchezza - Chiesa di chiese - Senza confini - Gerarchia - Chiesa tele-visiva - Segnali opposti - Celibato più dell'eucaristia - Autorità più che verità - Chiesa e pace - Indifferenza politica - Pace e giustizia prima del culto - Rivoluzione dei ricchi - Chiesa non clericale - Collaborazione.
    6 marzo 2011 - Enrico Peyretti

Un'arma contro il digital divide

Un mini computer, router e access-point autoconfigurante wireless. Ecco il Naaw, l'apparecchio in grado di rilevare la presenza di suoi simili e quella di una connessione internet wireless, sia essa Wi.Fi., WiMax, Gprs/Umts o satellitare. Intervista al professor Angelo Raffaele Meo, del Dipartimento di Informatica e automatica del Politecnico di Torino, che ha dato un contributo decisivo alla realizzazione del Naaw
8 giugno 2006 - Gabriele De Palma
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Si chiama Nuovo Apparato Autoconfigurabile Wireless ma sarà conosciuto con l'acronimo Naaw, e promette di risolvere molti problemi, dal digital divide alle emergenze causate dai disastri ambientali. E' stato realizzato grazie a una felice collaborazione tra il Politecnico di Torino e la società milanese IpWorld, con i finanziamenti del Ministero delle Attività Produttive e della Regione Lombardia, e consiste in moduli dalle dimensioni ridotte (dei cubi di 14 cm per lato) che sono alla stesso tempo mini computer, router e access-point autoconfiguranti wireless. Una volta in funzione i moduli Naaw rilevano la presenza di loro simili e quella di una connessione internet wireless, sia essa Wi.Fi., WiMax, Gprs/Umts o satellitare. Dopo essersi connessi alla dorsale internet, creano quindi una bolla Wi-Fi con tutti i Naaw interconnessi tra loro. Le mirabilie di tale soluzione sono numerose: la rete Naaw, innanzitutto, è altamente riconfigurabile, ovvero laddove alcuni elementi smettano di funzionare, i restanti si riorganizzano rapidamente by-passando il modulo non funzionante. Poi sono aggiornabili facilmente sia in termini di software - anche da remoto - che di hardware, essendo entrambi open source. L'hardware, oltre ad essere open, è anche modulare e quindi permette che al cubo si aggiungano progressivamente varie periferiche, da estensioni di memoria, a sensori di ogni sorta fino alle telecamere. Il vantaggio maggiore però dovrebbe risiedere nel prezzo che, sebbene non ancora stabilito, sarà molto inferiore alle altre soluzioni Wi-Fi oggi sul mercato. Ne abbiamo parlato con il professor Angelo Raffaele Meo, del Dipartimento di Informatica e automatica del Politecnico di Torino, il cui contribuito alla realizzazione del Naaw è stato decisivo.
Professor Meo, quali le applicazioni principali che immaginate per il Naaw?
Il loro uso primario è nelle aree dove non è economico portare la fibra o il cavo. Inoltre possono essere impiegati ovunque siano installati apparati Wi-Fi in sostituzione degli apparati wi-fi proprietari realizzando economie di costo dell'ordine di un fattore 5 o addirittura 10. Ciò è possibile in virtù del fatto che è una soluzione open hardware, ovvero il passo successivo all'open software.
Open hardware?
Hardware il cui know-how che appartiene alla comunità. Un prodotto «open hardware» può essere venduto e comprato perchè «open»non significa «gratis», ma la sua struttura e il suo disegno sono patrimonio collettivo.
Oltre a essere open, l'hardware è anche modulare, si aggiorna e potenzia senza traumi o sostituzioni.
La modularità , ossia la scomponibilità in unità diverse, è requisito importante per la riduzione dei costi e il miglioramento dell'ingegneria di prodotto. In questo momento usiamo moduli hardware presenti sul mercato, ma in prospettiva pensiamo anche di progettare e sviluppare prodotti nostri anch'essi open. Ovviamente già ora tutto il software è rigorosamente open e sarà coperto da una licenza gpl.
L'hardware è già compatibile con il nuovo sistema di numerazione di indirizzi web, l'ipv6?
Sì, nel senso che i nostri moduli hardware e software sono aperti alla gestione di indirizzi a sei byte. Ma forse è ancora presto per l'ipv6. Vedremo: la questione dell'ipv6 è giusta, ed ha una soluzione ottimale; purtroppo tutto l'installato è ipv4, e vi sono problemi di compatibilità che si possono risolvere ma con costi non indifferenti.
Quale le prime possibili applicazioni del Naaw?
In termini di volumi la primaria applicazione è la creazione di bolle wi-fi, dove la soluzione di Ipworld è uguale alle soluzioni offerte dal mercato ma è caratterizzata da costi molto più bassi. Poi vengono le applicazioni video e poi la realizzazione di reti ampiamente riconfigurabili, che interessano le applicazioni militari e quelle civili, che sono complessivamente le più importanti. Penso ai grandi disastri ambientali: io vado con l'aereo e butto giù sul territorio un certo numero di questi oggetti, che si configurano da soli e creano la rete dando in pochissimo tempo la possibilità di trasmettere e comunicare.
La protezione civile sembrerebbe essere molto interessata, e i Naaw sarebbero utili anche per la cosiddetta e-democracy.
Sì, la protezione civile dovrebbe essere interessata, e per l'e-democracy la soluzione dei Naaw è valida soprattutto nelle aree montane, dove non c'è la larga banda. E' quindi molto interessante anche come strumento per il superamento del digital divide
Il Naaw sarà brevettato?
Noi potremmo brevettarlo ma io sono contrario ai brevetti: quindi cercherò di convincere i colleghi che non è legittimo brevettare qualcosa che tutto sommato ha un contenuto di lavoro nostro pari a 1 per cento rispetto al contenuto di conoscenze collettive che abbiamo utilizzato. Questo ragionamento vale per tutti i prodotti di oggi, non per questo in particolare: qualunque brevetto oggi è una piccola truffa perchè nasconde un contenuto di originalità che è piccolissimo rispetto al know how pregresso che c'è dentro.
Insomma siamo confinati per sempre a essere nani sulle spalle dei giganti?
Sì, per fortuna. E questo è bello.
Il Naaw sembra una soluzione straordinariamente efficace. Quasi troppo. Non corre il rischio di trasformarsi da potenziale 'killer application' a 'killed application'? Non temete la reazione di chi fino a oggi ha avuto il monopolio del Wi-Fi e di dotare la nazione di connessioni a banda larga?
Eh, sino a quando siamo piccoli possiamo vivere serenamente; se poi diventasse molto frequente l'uso dei moduli Naaw, dovremmo attenderci la vendetta dei potenti.
Speriamo di no.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)