CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

E-democracy e partecipazione dal basso

Da alcuni anni un fenomeno è in rapida espansione su Internet: il weblog, o blog. Alcune considerazioni ed una semplice guida all'uso di questo nuovo e formidabile strumento.
27 giugno 2006 - Loris D'Emilio

Nato sul finire degli anni ’90 in America per rispondere alle esigenze dei netcitizens (i “cittadini della Rete”) di tenere un proprio diario personale da poter condividere con altri utenti, il Blog si sta viavia sempre più affermando come strumento di comunicazione ed interazione sociale, oltre che di critica “dal basso”, al punto che prestigiosi quotidiani quali il Washington Post (http://blogs.washingtonpost.com/) o il New York Times (http://nytimes.blogrunner.com) hanno aperto sui loro siti web una sezione dedicata ai blog per permettere ai proprio giornalisti di interagire con i lettori in tempo reale.
Anche in Italia Il Corriere della Sera, la Stampa e dopo il recente restyling La Repubblica ospitano i blog di alcuni giornalisti e persino dei lettori (è il caso del gruppo L’Espresso de la Repubblica sul portale Kataweb), segno che il fenomeno ha ormai preso piede anche qui.

Del resto, se il tribunale di Aosta condanna, per diffamazione a mezzo blog, un blogger reo di non aver “filtrato” alcuni articoli (commenti ad un post) equiparando il gestore del blog ad un direttore responsabile, mentre in America Apple perde una causa contro i gestori i un blog (anche qui equiparati a giornalisti) autorizzando questi ultimi a non rivelare le fonti delle loro informazioni, vuol dire che le modalità di comunicazione, e gli strumenti adottati per questa, stanno decisamente cambiando.
Il fenomeno è ormai talmente diffuso che dal virtuale inizia a spostarsi nel reale: è notizia recente che la casa editrice Unwired Media ha intenzione di pubblicare in una collana di libri gli articoli migliori apparsi sui blogs italiani, mentre il comune di Torino lancia il progetto SanpaBlog per il quartiere San Paolo, cercando di far diventare reale una piazza virtuale, e viceversa.

Ma perché il blog sta esplodendo in questo modo ? Una buona sintesi la possiamo trovare riportata nell’enciclopedia libera Wikipedia:
1. Un Blog è personale ma pubblico. Personale nel senso che è tuo e te lo gestisci tu come vuoi. Pubblico nel senso che possono leggerlo tutti.
2. Su un Blog puoi pubblicare quello che ti pare.
3. Un Blog è facile da usare, non necessita di competenze tecniche particolari.
4. Tutte le tue pubblicazioni (si chiamano post) vengono “etichettate” con la data e l’orario di inserimento e visualizzate in ordine cronologico inverso (dal più nuovo al più vecchio).
5. Un Blog mantiene l’archivio storico facilmente accessibile di tutto quello che pubblichi.
6. Chi ti legge può lasciare dei commenti a quello che hai scritto (se lo desideri e in certi casi se sei registrato).
7. Aprire un proprio Blog non costa nulla.
8. Un blog ti permette di avere un’identità alternativa.
9. Puoi aggiornare il tuo blog da qualsiasi parte del mondo, basta avere un pc ed un collegamento alla rete telefonica.

In una parola, un blog ti permette di dire la tua, di partecipare attivamente e democraticamente, di essere in qualche modo protagonista del fatto e/o produttore della notizia (“we the media” è il fortunato slogan del blog della O’Reilly Associated gestito da Dan Gillmor giornalista del San José Mercury News e noto blogger della prima ondata http://wethemedia.oreilly.com/), come dimostra il blog forse più conosciuto oggigiorno nel panorama italiano, www.beppegrillo.it, da dove sono partite fortunatissime campagne come “Parlamento Pulito” o la Lettera al Presidente Napoletano per mandare via i soldati italiani dall’Iraq, o il recente blog di Sabina Guzzanti (www.sabinaguzzanti.it/blog), altro blog fortemente impegnato nel sociale con la proposta di legge popolare per un’altra tv o le dieci richieste da fare al governo italiano.

I blog di Grillo e Guzzanti sono frequentati da centinaia di utenti (persone che si iscrivono al blog per partecipare attivamente alle discussioni) e frequentato da migliaia di visitatori, come dimostrano le numerosissime sottoscrizioni alle iniziative proposte sui siti.

E sono solo due, fortunatissimi, esempi di un panorama davvero sempre più ricco e fecondo su Internet della voglia dei cittadini di partecipare e di essere protagonisti nella vita sociale e politica del Paese.

di LDE
http://www.ldenews.info/?p=31

Cos’è un blog ?
Nel gergo di Internet, un blog è un diario in rete. Blog è la contrazione di web log, ovvero “traccia su rete”; il termine weblog è stato creato da Jorn Barger nel dicembre del 1997. La versione tronca blog è stata creata da Peter Merholz che nel 1999 ha usato la frase “we blog” nel suo sito, dando origine al verbo “to blog” (ovvero: bloggare, scrivere un blog).

Strutturazione e funzionamento
Gli elementi fondamentali di un blog sono:
Editor HTML: consente di creare automaticamente una pagina web pur senza conoscere lo specifico linguaggio HTML;
Templates: vesti grafiche ce consentono una personalizzazione della pagina web attraverso i fogli di stile CSS;
Link: collegamenti ad altri siti, : la sezione che contiene links ad altri blog è definita blogroll.
RSS: Really Simple Syndication (o Rich Site Summary, o ancora RDS Site Summary). Standard per la creazione di flussi (feed) informativi in XML, in grado di offrire in modo strutturato e indipendente da particolari scelte di impaginazione le notizie comparse su un sito. Le notizie così fornite potranno essere riprese da altri utenti o da altri siti (syndication).
Un blogger è colui che scrive e gestisce un blog, mentre l’insieme di tutti i blog viene detto blogsfera (in inglese, blogsphere). All’interno del blog ogni articolo viene numerato e può essere indicato univocamente attraverso un permalink, ovvero un link che punta direttamente a quell’articolo. Ogni articolo pubblicato è generalmente legato ad un thread, in cui i lettori possono scrivere i loro commenti e lasciare messaggi all’autore.

Tipologie di blog
Tra le tipologie più diffuse troviamo:

* blog personale – Come già accennato, è la categoria più diffusa. L’autore vi scrive il suo diario personale.
* blog di attualità – Molti giornalisti utilizzano i blog per dare voce alle proprie opinioni su argomenti d’attualità o fatti di cronaca, o più semplicemente per esprimere la propria opinione su questioni che non trovano quotidianamente spazio fra le pagine dei giornali per i quali scrivono
* blog tematico – punto d’incontro per persone con interessi in comune.
* blog directory – Alcuni blog si specializzano nella raccolta di link su un argomento particolare.
* photoblog – Sono blog su cui vengono pubblicate foto invece che testi.
* blog vetrina – Alcuni blog fungono da “vetrina” per le opere degli autori, come vignette, fumetti, video amatoriali o altri temi particolari.
* blog politico – Vista l’estrema facilità con la quale è possibile pubblicare contenuti attraverso un blog, diversi politici lo stanno utilizzando come interfaccia di comunicazione con i cittadini, per esporre i problemi e condividere le soluzioni, principalmente a livello locale.
* watch blog – Blog in cui vengono criticati quelli che l’autore considera errori in notiziari on-line, siti web o altri blog.
* m-blog – Blog utilizzati per pubblicizzare le proprie scoperte musicali e renderne gli altri partecipi attraverso la pubblicazione di mp3 (da qui il prefisso) o file audio dei più disparati formati.
* vlog o video blog – blog che utilizza filmati come contenuto principale, spesso accompagnato da testi e immagini.
* Audio Blog e podcasting – blog audio pubblicati attraverso il Podcasting. La peculiarità di questo tipo di blog è la possibilità di scaricare automaticamente sia sul proprio computer che sui lettori mp3 portatili come l’ipod gli aggiornamenti attraverso i feed RSS con gli audio incapsulati.
* wikiblog – chiamato anche Bliki è un blog a cui vengono aggiunte le funzionalità di wiki.

Come creare un blog
Dal 2001 ad oggi sono nati molti servizi in italiano che permettono di gestire un blog gratuitamente. Tra i più utilizzati citiamo: Splinder, Clarence, Blogsome, Tiscali, Blogger, Iobloggo, Bloggerbash, Bloggers, Tuoblog.org, Libero, MSN. Esistono poi alcuni network autogestiti (ad es: BlogNation).
Chi invece vuole creare un blog da gestire in totale autonomia, può utilizzare una delle numerose piattaforme di gestione blog; le più diffuse sono: Wordpress, MovableType, Nucleus, Pivot, Dotclear. Queste piattaforme possono essere utilizzate su un dominio proprio (anche con hosting a pagamento), per generare un servizio maggiormente personalizzato.

Note:

http://it.wikipedia.org/wiki/Blog
http://www.laterza.it/internet/leggi/internet2004/online/12_glossario.htm

I blogger? Sono direttori responsabili
di Daniele Minotti – Fa riflettere e preoccupa una sentenza emessa dal Tribunale di Aosta che configura un precedente pericoloso, che potrebbe dare non poche noie a chi gestisce un sito web. Il quadro e l’analisi
http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1526869

Torino, il blog come piazza cittadina (http://www.sanpablog.it/)
http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1526046

Blog italiani diffusi su carta (http://www.scrittomisto.it/)
Parte l’iniziativa editoriale di Unwired Media, che lancia la ripubblicazione cartacea di alcuni testi apparsi sui blog italiani più popolari. Saranno diffusi con licenza Creative Commons
http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1505965

Apple perde la causa contro i blogger
In California la legge equipara l’attività dei blogger al lavoro dei giornalisti o degli investigatori: non sono tenuti a rivelare le fonti. La Mela sperava di fermare la fuga di notizie sui suoi prodotti
http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1504340

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)