CyberCultura

Cina: la corruzione si combatte sul web.

Ho pagato una bustarella

Sull'esempio del sito web indiano "I-paid-a-bribe", anche i blog cinesi sono all’opera per smascherare la corruzione, nonostante i rischi di oscuramento.
30 agosto 2011
Redazione China Daily
Fonte: People's Daily Online - English - 09 agosto 2011

I siti web che smascherano la corruzione in Cina hanno messo in scena un ritorno tranquillo al termine di un mese di limbo a causa delle incertezze sul loro status giuridico.
I paid a bribe

Questi siti, dai nomi diversi ma che esprimono tutti la stessa idea, “Ho preso una mazzetta”, hanno ripreso tranquillamente i loro servizi online a metà luglio, dopo aver ottenuto il permesso di registrarsi presso le autorità che regolamentano Internet.

“Sono stato un po’ sorpreso quando ho saputo che la registrazione poteva essere approvata, “ ha detto Xiaoxiaosheng, fondatore di uno dei primi siti anti-corruzione, che ha sempre voluto condurre il suo sito con discrezione ed essere identificato solo con il suo nickname.

Le leggi cinesi prevedono che tutti gli Internet content provider in Cina registrino i siti web che gestiscono presso i locali uffici di gestione della comunicazione. I siti web che non riescono ad ottenere il permesso dalle autorità vengono oscurati.



Xiaoxiaosheng ha detto di non aver nutrito troppe speranze riguardo all’approvazione dopo che il sito è stato costretto alla chiusura alla fine di giugno proprio per mancanza di quella registrazione.

Al sito è stata consentita la registrazione presso l’autorità di regolamentazione il 14 luglio, quasi un mese dopo il suo lancio.

Chen Hong, fondatore di un sito web simile, ha detto che il suo sito ha ottenuto il permesso di registrazione il 24 giugno. A metà giugno, i siti “antibustarelle” sono aumentati rapidamente in Cina, quasi tutti ispirati da un sito web indiano che si chiama "I-paid-a-bribe" (Ho pagato una tangente).



Come il sito indiano, quelli cinesi forniscono uno spazio online in cui gli utenti di Internet possono condividere le loro esperienze quotidiane di corruzione.

Wu Yuliang, vice segretario del Partito Comunista della Commissione Centrale per le Ispezioni Disciplinari, ha affermato il 22 luglio che i siti web dovrebbero attenersi alla normativa che regola Internet in Cina.

Quando il suo sito è stato riaperto agli Internauti che si lamentano per la corruzione dilagante in Cina, Chen lo ha rinominato “Cina Trasparente”, e ha iniziato a cercare volontari che lo aiutassero a farlo funzionare.

Chen ha aggiunto che stava prendendo in considerazione la possibilità di una revisione del sito per prevenirne il coinvolgimento in accuse di diffamazione.

Tradotto da Antonella Recchia per PeaceLink . Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.

Articoli correlati

  • Perù: muore suicida l’ex presidente Alan García
    Latina
    Si è sparato poco prima dell’arresto della polizia

    Perù: muore suicida l’ex presidente Alan García

    Coinvolto nell’inchiesta Lava Jato per corruzione e riciclaggio di denaro sporco
    23 aprile 2019 - David Lifodi
  • Il Guatemala nelle mani della criminalità e di politici corrotti
    Latina
    Il paese è caduto in una profonda crisi politica ed economica. Nessuno spazio per i diritti umani

    Il Guatemala nelle mani della criminalità e di politici corrotti

    Il presidente Jimmy Morales dichiara guerra alla Commissione internazionale contro la corruzione e l’impunità (Cicig)
    16 gennaio 2019 - David Lifodi
  • Dietro l’attacco Usa agli smartphone cinesi
    CyberCultura
    L'americana Apple scavalcata come vendite dalla cinese Huawei, al primo posto la sudcoreana Samsung

    Dietro l’attacco Usa agli smartphone cinesi

    Sotto pressione del Pentagono e delle agenzie di intelligence, gli Usa hanno bandito gli smartphone e le infrastrutture di telecomunicazioni della società cinese Huawei, con l’accusa che possono essere usati per spionaggio, e premono sugli alleati perché facciano altrettanto.
    4 dicembre 2018 - Manlio Dinucci
  • Mafie in Abruzzo, il ventre oscuro dei colletti bianchi. Mentre la politica smarrisce spesso la polis …
    PeaceLink Abruzzo

    Mafie in Abruzzo, il ventre oscuro dei colletti bianchi. Mentre la politica smarrisce spesso la polis …

    Queste pagine, così come i precedenti capitoli, vengono dedicate alla memoria di Guido Conti, che quasi tutta la sua vita ha dedicato a combattere gli avvelenatori della nostra Regione a quasi un anno dalla sua tragica morte, Roberto Mancini, il cui esempio e la cui memoria sono fari per chi denuncia e lotta le eco camorre e i colletti bianchi che devastano l’ambiente e la salute, e Michele Liguori, la cui famiglia finalmente in queste settimane ha visto riconosciuto che è morto “vittima del dovere”.
    30 ottobre 2018 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.20 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)