CyberCultura

enciclopedia on line /2

Wiki addio, arriva l'esperto

21 settembre 2006
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Fork è una parolaccia, o meglio una disgrazia, nel mondo del software aperto: vuol dire biforcazione, ma anche rottura, scissione, separazione da una strada comune. Capita infatti che gli sviluppatori che lavorano volontariamente (e spesso gratuitamente) a un progetto, a un certo punto si trovino in disaccordo profondo.
Così profondo da decidere di andare ognuno per la sua strada. Questo evento è stato sempre scongiurato, per esempio, nella comunità di Linux, grazie al prestigio autorevole del benevolo dittatore Linus Torvalds. Non così nell'enciclopedia online Wikipedia, dalla cui costola sta nascendo un progetto simile, ma in realtà sostanzialmente divergente. Si chiama Citizendium, ovvero un Compendium dei Cittadini (www.citizendium.org). Nasce dal fatto che molte voci della madre Wiki sono poco accurate, non complete, o addirittura (si è visto in qualche caso) volutamente errate. I critici dicono che è colpa dell'eccessiva apertura del progetto che lascia(va) a ognuno, anche anonimo, scrivere e correggere le voci. Citizendium allora, partirà dalle voci esistenti di Wikipedia e le affiderà a esperti di ogni singolo settore perché le puliscano, correggano e rendano solide. Dopo di che, e solo allora, verranno ripubblicate. L'animatore del progetto è Lawrence Mark Ranger, detto Larry, che nel 2000 lavorava al progetto Nupedia, che appunto doveva essere una vera enciclopedia web, scritta da esperti. Il progetto non decollò mai e lo stesso Larry passò a tempo pieno a Wikipedia, di cui era il solo editor retribuito. Ora ha deciso di riproporre un'enciclopedia seria, ma questo porta inevitabilmente allo snaturamento del progetto originario di conoscenza diffusa e popolare. I due prodotti certamente potranno convivere e integrarsi, ma sono comunque due cose diverse: masse sapienti oppure élites esperte?

Articoli correlati

  • Giornalisti per Julian Assange (Speak up for Assange)
    MediaWatch
    Per la verità e la nonviolenza

    Giornalisti per Julian Assange (Speak up for Assange)

    Il 27 ottobre, provato da anni di cattività e abusi che un inviato ONU considera ormai torture, Assange potrebbe essere consegnato agli USA. La speranza è nella mobilitazione dei giornalisti e di chiunque si opponga a un futuro di menzogne e di violenza
    7 settembre 2021 - Lidia Giannotti
  • L’informazione della libertà
    Pace
    I social network etici consentono un’informazione realmente universale e immediata nella popolazione

    L’informazione della libertà

    I manifesti, i volantini, i giornali murali, hanno svolto e svolgono una funzione propagandistica, informativa e organizzativa molto importante. Si pensi al ruolo durante la prima guerra e la seconda guerra mondiale o nella lotta della Resistenza.
    1 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Disegnare il futuro. Quale leadership per un'ecologia integrale?
    Ecologia
    Corso gratuito – online sabato 24 aprile 2021 dalle 15 alle 18.30

    Disegnare il futuro. Quale leadership per un'ecologia integrale?

    Un'occasione per formarsi e informarsi sui temi posti dalle encicliche di Papa Francesco "Laudato si" e "Fratelli tutti"
    20 aprile 2021
  • Alexander, dall’umanità ai margini per riparare il mondo
    Pace

    Alexander, dall’umanità ai margini per riparare il mondo

    E’ ancora possibile fare politica insieme agli impoveriti e agli ultimi, ai piccoli e ai deboli, senza rimanere ingabbiati nei soliti rituali e nelle meschine dinamiche dei palazzi? Fare politica non per il potere ma solo per le vittime e gli sfruttati?
    5 luglio 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)