CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Caso SCO, il giudice perde la pazienza

    SCO lancia molte accuse ma non porta nessuna prova. Questa la posizione espressa dal giudice che segue il caso con cui SCO ha portato in tribunale IBM per avere distribuito codice Unix a favore di Linux. Per la società dello Utah orizzonte meno roseo.
    14 febbraio 2005 - MacityNet
  • Antitrust, Microsoft risponde alla UE

    L'azienda presenta l'ultima documentazione utile per il procedimento della Commissione Europea sulla sua posizione di mercato. Intanto negli USA dà licenza a SCO
    22 ottobre 2003 - Punto Informatico
  • IBM rassicura i suoi utenti Linux a proposito di SCO

    IBM sta diramando comunicati in cui rassicura i suoi utenti riguardo le problematiche legali derivanti dall'azione legale di SCO, che vengono definite "pretese senza fondamento".
    22 ottobre 2003 - Linux Help
  • IBM: La crescita di Linux è inarrestabile

    Deborah Magid, di IBM, ha dichiarato che ormai la crescita di Linux e di tutto il software Open Source è inarrestabile. "Abbiamo supportato Java perchè era una piattaforma portabile su diverse architetture ed adesso facciamo lo stesso con Linux" ha dichiarato.
    20 ottobre 2003 - Linux Help

Fatture di Linux, SCO ci ripensa

Retromarcia di SCO su quella che molti consideravano un'azione estrema, se non addirittura illecita. Sconti sulle licenze SCO per tutto ottobre. Venghino venghino!
19 ottobre 2003 - Punto Informatico

Lindon (USA) - Con un dietrofront che sembra rivelare un'insolita prudenza da parte di un'azienda che fino ad oggi ha seguito una strategia tutta d'attacco, SCO Group ha deciso di rinunciare a spedire il "conto" all'indirizzo di quelle società che usano Linux.

Come si ricorderà, negli scorsi mesi SCO aveva pianificato l'invio di almeno un migliaio di fatture con l'obiettivo di sollecitare le aziende destinatarie ad acquistare un pacchetto di licenze per l'uso di Linux. È noto infatti come SCO ritenga che il codice di Linux infranga il proprio brevetto su Unix e, pertanto, tutte le aziende che lo utilizzano debbano "mettersi in regola" acquistando un'apposita licenza.

Secondo alcuni analisti, questa nuova mossa di SCO denota l'intenzione dell'azienda di muoversi con più cautela rispetto al passato e di attuare una strategia maggiormente basata sull'attesa, questo anche in prospettiva del fatto che i tempi della sua azione legale contro IBM non saranno certo brevi.

SCO ha anche prorogato, portandolo dal 15 al 31 ottobre, il termine oltre il quale il prezzo delle sue licenze Linux raddoppierà. Attualmente per un server Linux a singolo processore la licenza costa 699 dollari.

Da una recente indagine della società Credit Suisse First Boston sembra emergere che la stragrande maggioranza delle aziende non è particolarmente intimorita dalle minacce legali di SCO. Su di un campione di 100 aziende, l'84% di quelle che già adottano Linux non hanno infatti espresso l'intenzione di rivedere le proprie scelte e il 74% non prevede di modificare i propri piani relativi a nuove implementazioni di Linux.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)