CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Linux orientato alla didattica
    So.Di.Linux

    Linux orientato alla didattica

    Un ottimo esempio anche di green economy perché consente - essendo un software "leggero" - di riutilizzare computer ancora funzionanti ma poco potenti. Computer che rischiano di andare in discarica ma che con Linux tornano a "nuova vita"
    5 dicembre 2016 - Alessandro Marescotti
  • Richard Stallman a Firenze: Software libero ed economia solidale per difendere democrazia e libertà
    Stallman, chi era costui? :-)

    Richard Stallman a Firenze: Software libero ed economia solidale per difendere democrazia e libertà

    Per chi non è avvezzo al sistema operativo del "pinguino", il nome di Stallman non dice nulla. E per chi non segue le vicende del "software libero", o non sa che la Rete può diventare un'arma a doppio taglio, difficilmente avrà partecipato all'importante e seguitissimo incontro che si è tenuto a Firenze lo scorso 14 settembre 2013; ospite illustre, appunto, Richard Stallman.
    25 settembre 2013 - Roberto Del Bianco
  • Dal pensiero strade per innovare
    Tesi del Master "Scienza Tecnologia e Innovazione"

    Dal pensiero strade per innovare

    Software e comunicazione digitale, circolazione della conoscenza ed esigenze di tutela della proprietà intellettuale
    28 gennaio 2010 - Lidia Giannotti
  • Diretta Rai nuovamente visibile per gli utenti Linux
    Dopo la protesta di PeaceLink

    Diretta Rai nuovamente visibile per gli utenti Linux

    Ieri PeaceLink aveva rilanciato le preoccupazioni della comunità Linux, in particolare quelle del forum di Ubuntu, circa l'impossibilità di vedere in diretta i canali della Rai.
    16 febbraio 2010 - Associazione PeaceLink

Caso SCO, il giudice perde la pazienza

SCO lancia molte accuse ma non porta nessuna prova. Questa la posizione espressa dal giudice che segue il caso con cui SCO ha portato in tribunale IBM per avere distribuito codice Unix a favore di Linux. Per la società dello Utah orizzonte meno roseo.
14 febbraio 2005 - MacityNet

Troppe parole, poche prove e il giudice che sta valutando la querela contro IBM, accusata di avere distribuito parte del codice Unix in violazione ai diritti di SCO, sembra essere sul punto di perdere la pazienza. Questa l'impressione che si ricava da alcune dichiarazioni rilasciate in un pronunciamento diffuso della giornata di ieri e che sembrano non deporre a favore della posizione della società dello Utah.

Secondo Dale Kimbal, il magistrato chiamato a pronunciarsi sulla vicenda che iniziata quasi due anni fa ha messo a rumore il mondo dell'open source e preoccupato le imprese di tutto il modo che usano Linux, "è stupefacente come pur a fronte di una pletora di pubbliche dichiarazioni a proposito delle menzionate violazioni dei diritti di copyright di Linux SCO non abbia ancora presentato alcuna evidente prova riguardo al fatto che IBM abbia infranto i presunti diritti della stessa SCO attraverso le attività Linux". La durezza dei termini e l'impressione che davvero il magistrato possa avere perso la pazienza per l'impossibilità, in conseguenza della fumosità delle accuse, a pronunciarsi sulla richiesta di una sentenza preliminare sul caso, per molti osservatori suonano come una campana d'allarme per SCO.

Nonostante IBM non sia riuscita ad ottenere, come richiesto, la dismissione delle accuse, la dichiarazione della Kimbal è vista dalla maggior parte degli osservatori come una spada di Damocle che pende sulla testa dell'intero caso. Difficilmente, infatti, il giudice avrebbe potuto a questo punto essere in una migliore posizione di quello che la mette nella condizione di avere il magistrato che sostiene le sue stesse tesi: SCO portava avanti una battaglia di parole ma non fornisce fatti. Una posizione sostenuta anche dal mondo open source che fin all'inizio aveva chiesto alla società che detiene i diritti di Unix a mostrare dove il codice del sistema operativo fosse stato impiegato i Linux.

Il caso SCO è uno dei più complessi e importanti degli ultimi anni nell'ambito dei diritti sui sistemi operativi. Partita ad inizio 2004 la vicenda coinvolge non solo IBM e Sco, ma anche Red Hat Linux e Novell, in qualità di distributori di Linux, e alcune grandi società americane (tra cui Daimler Chrisler) che fanno uso del sistema operativo open source, portate in tribunale per avere impiegato il sistema operativo. Nell'intrico legale appare anche Microsoft che secondo alcuni difensori del sistema open source sarebbe il grande burattinaio e che avrebbe fornito supporto economico per coprire gli enormi costi legali, altrimenti insopportabili per una società di dimensioni ridotte rispetto a IBM. Infine all'orizzonte si intravedono rischi anche per diversi altri sistemi operativi che, minaccia la stessa SCO, potrebbero essere i prossimi della lista, tra cui Free BSD da cui deriva Mac OS X.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)