CyberCultura

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

Pop-up nel mirino dei grandi

Con l'ultima mossa di Yahoo! si ampliano gli strumenti a disposizione degli utenti per evitare l'apparire della forma di pubblicità meno gradita tra quelle disponibili su web
18 novembre 2003 - Punto Informatico
Roma - Si intensifica la guerra ai pop-up con l'arrivo di un nuovo strumento di Yahoo pensato per consentire agli utenti di scegliere da quali siti accettare le finestre pubblicitarie o se scartarle del tutto. Il nuovo strumento, che evolve un tool già utilizzato, consentirà di utilizzare il motore di ricerca di Yahoo dal proprio browser e sarà presentato ufficialmente tra pochi giorni.

Quella di Yahoo è però solo l'ultima mossa dei grandi fornitori di servizi online contro il dilagare di questo forma di pubblicità che garantisce un impatto sull'utente tanto forte quanto forte è l'opposizione di molti all'uso di questo strumento, al punto che c'è chi sfrutta software che bloccano i pop-up o browser che consentono di bloccarli facilmente.

Nel 2003, come previsto da studi come quello di Initiative Media, i pop-up hanno conosciuto un certo sviluppo per volontà degli inserzionisti ma ora si devono scontrare non più solo con l'opposizione di molti utenti, ma anche con le strategie di grandi nomi della rete.

Aveva cominciato America Online, il maggiore tra i provider americani, a fornire ai propri utenti una possibilità in più per disabilitare questo genere di "banner", una mossa seguita a ruota anche da altri importanti provider come Earthlink. Anche Google con la sua Toolbar offre questa possibilità ormai da tempo, per non parlare del peso che i sostenitori di browser come Mozilla danno alla funzionalità che consente la disabilitazione dei pop-up.

Nel caso di Yahoo!, però, si va un passo oltre. Sebbene non sia ancora definito in tutti i dettagli, il servizio consentirà infatti di selezionare siti dai quali si possono accettare quelle finestre pubblicitarie, una modalità che sembra voler evitare una guerra totale, per così dire, con gli inserzionisti andando comunque incontro alle esigenze dimostrate da molti utenti.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)