CyberCultura

Telefonia cellulare e Paesi in via di sviluppo

25 novembre 2003
Noema Staff

Nokia, il più importante produttore di telefonia cellulare al mondo, stima che entro il 2008 i telefonini raggiungeranno due miliardi di utenti. Il CEO Jorma Ollila durante una conferenza stampa a Mosca ha rivelato come giungere a tale traguardo: mediante l'espansione nei mercati dei Paesi in via di sviluppo come l'India, le ex Repubbliche Sovietiche e in America Latina.

Secondo Nokia infatti, questi Paesi, avendo le potenzialità giuste, potrebbero sostituirsi - nel generare profitti consistenti - ai mercati occidentali ed asiatici, ormai saturi. L'indagine condotta da Nokia stima ancora che, nonostante il grande successo, la telefonia cellulare è stata raggiunta da soltanto il 20% della popolazione mondiale e che ben quattro miliardi di abitanti sulla Terra non hanno addirittura alcun accesso al telefono; in questo caso il cellulare potrebbe essere l'unico strumento per accorciare le distanze.

Per le nazioni in via di sviluppo Nokia ha quindi pensato ad un telefono semplice e privo degli accessori cui siamo abituati noi occidentali: si tratta di un GSM capace di esercitare anche in caso di avverse condizioni ambientali che sarà in vendita entro la fine del 2003 in India, Russia e Cina.

Articoli correlati

  • "La nuova acciaieria a Odisha rischia di provocare un'autentica sollevazione popolare"
    Legami di ferro
    Lo riferisce il sito di siderurgia Siderweb

    "La nuova acciaieria a Odisha rischia di provocare un'autentica sollevazione popolare"

    In India i cittadini della regione sono contrari al progetto di Jindal e difendono l'ambiente dal rischio di deforestazione. E' previsto un taglio di un'area forestale per far posto a un maxi-stabilimento della JSW Steel da 12 milioni di tonnellate annue di acciaio
    25 maggio 2020 - Redazione PeaceLink
  • Schede
    Video

    La Cina e Mao Tze Tung

    La lunga marcia, la rivoluzione culturale, la bomba atomica del 1964
  • Covit-19 Dalla Cina un annuncio: riconvertire si può
    Disarmo
    Il virus rappresenta un problema alla continuità sanitaria e quindi sociale

    Covit-19 Dalla Cina un annuncio: riconvertire si può

    Il produttore del nuovo jet da combattimento stealth J-20, Chengdu Aircraft Industry Group, ha convertito una catena di montaggio per cominciare a produrre dispositivi di protezione sanitaria individuale
    16 marzo 2020 - Rossana De Simone
  • La nuova corsa al riarmo atomico… e all’Artico
    Disarmo
    Misterioso incidente in Russia

    La nuova corsa al riarmo atomico… e all’Artico

    Un'esplosione vicino a un sito di test di missili nucleari balistici nel Mar Bianco, con rilascio di radiazioni nell'ambiente, apre inquietanti interrogativi sulle crescenti attività di riarmo nucleare e sulla parallela corsa ad appropriarsi dell'Artico
    30 agosto 2019 - Francesco Iannuzzelli
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)