CyberCultura

Si riaccende la cyberwar Corea-Cina

L'intelligence sudcoreana denuncia una serie di attacchi ai computer governativi da parte di cracker cinesi che, in alcuni casi, sarebbero entrati in possesso di dati top secret
15 luglio 2004
Punto Informatico

Seul (Corea del Sud) - Verrebbe da chiedersi quanti e quali sono i dati classificati mantenuti dai server istituzionali connessi ad Internet in tutto il mondo dopo che l'intelligence sudcoreana ha annunciato che cracker cinesi hanno copiato online informazioni top secret.

L'annuncio segna il riemergere di una cyberwar tra Cina e Corea del Sud che solo di quando in quando arriva agli onori delle cronache e che perlopiù corre sommersa tra i canali dei servizi segreti dei due paesi.

I servizi sudcoreani considerano gli attacchi subiti di estrema gravità, visto che i cracker hanno avuto accesso ad almeno 10 diverse agenzie governative e centinaia di computer di Stato, compresi i network della Difesa e in particolare quelli coinvolti nello sviluppo di nuovi armamenti.

Sebbene l'intelligence abbia fatto capire di non avere certezza di quali materiali siano stati effettivamente visionati dai cracker, che avrebbero usato dei trojan per ottenere i documenti, il governo sudcoreano ha immediatamente chiesto a quello cinese di condurre una propria inchiesta sull'accaduto. Sul piano formale, naturalmente, nessuna accusa è stata formulata nei confronti del regime di Pechino. I cracker avrebbero utilizzato per il loro attacco anche quel cavallo di Troia noto come Peep il cui autore è stato arrestato a Taiwan nei mesi scorsi.

Secondo gli esperti della difesa informatica della Corea questi attacchi non hanno precedenti non solo per ampiezza e sistematicità ma anche per capacità di arrivare "in profondità". "Sospettiamo - ha dichiarato uno dei responsabili del Centro per la Cybersicurezza Nazionale - che informazioni chiave siano trapelate".

Rimangono evidentemente aperte le domande sulla gestione della sicurezza per i computer violati e i quesiti che possono sorgere sulla possibilità che agenzie di tale importanza siano "infettate" da un trojan come Peep.

Articoli correlati

  • Schede
    Video

    La Cina e Mao Tze Tung

    La lunga marcia, la rivoluzione culturale, la bomba atomica del 1964
  • Covit-19 Dalla Cina un annuncio: riconvertire si può
    Disarmo
    Il virus rappresenta un problema alla continuità sanitaria e quindi sociale

    Covit-19 Dalla Cina un annuncio: riconvertire si può

    Il produttore del nuovo jet da combattimento stealth J-20, Chengdu Aircraft Industry Group, ha convertito una catena di montaggio per cominciare a produrre dispositivi di protezione sanitaria individuale
    16 marzo 2020 - Rossana De Simone
  • Kritik_Se / Allora / Altrimenti… ti uccido
    Disarmo
    Ciò che non è riproducibile è l’intelligenza umana

    Kritik_Se / Allora / Altrimenti… ti uccido

    Lo sviluppo tecnologico è destinato a mutare profondamente i rapporti di potere nella società globale
    3 luglio 2019 - Rossana De Simone
  • Dietro l’attacco Usa agli smartphone cinesi
    CyberCultura
    L'americana Apple scavalcata come vendite dalla cinese Huawei, al primo posto la sudcoreana Samsung

    Dietro l’attacco Usa agli smartphone cinesi

    Sotto pressione del Pentagono e delle agenzie di intelligence, gli Usa hanno bandito gli smartphone e le infrastrutture di telecomunicazioni della società cinese Huawei, con l’accusa che possono essere usati per spionaggio, e premono sugli alleati perché facciano altrettanto.
    4 dicembre 2018 - Manlio Dinucci
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)