Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Comunicato stampa del 16 marzo 2010 dell'Associazione PeaceLink

“Quanti precari occorre licenziare per acquistare 131 cacciabombardieri F35?”

PeaceLink aderisce al digiuno a staffetta contro l'acquisto degli aerei militari da parte del Governo Italiano
19 marzo 2010
Associazione PeaceLink

No-F35

L'Associazione PeaceLink aderisce al digiuno a staffetta per una settimana, dal 22 al 28 marzo, proposto nei giorni scorsi dalla testata online GrilloNews.it e dalla “Campagna di indignazione nazionale” contro l'acquisto di 131 cacciabombardieri F35 da parte del Governo Italiano.

Parteciperanno alla staffetta Alessandro Marescotti (22 marzo), Luca Kocci (23 marzo), Alessio Di Florio (24 marzo), Giacomo Alessandroni (25 marzo), Serena Miccoli (26 marzo) Lorenzo Galbiati (27 marzo), Milvia Renna (28 marzo).

In un momento di gravissima crisi economica, dove moltissime famiglie vengono colpite dalla mancanza di qualsiasi protezione sociale sufficiente e si decide di tagliare le spese sociali più preziose e indispensabili (scuola, sanità, pensioni, ammortizzatori sociali), è inconcepibile e assurdo spendere oltre 14 miliardi di euro in armamenti. Nei mesi scorsi la scuola è stata vittima del più grande licenziamento di massa che sia mai avvenuto in Italia.

“Quanti precari occorre licenziare per acquistare 131 cacciabombardieri F35? - domanda il segretario dell'associazione Giacomo Alessandroni – Quanti tagli sociali potremmo evitare se si rinunciasse a questi inutili strumenti di morte”.

“Rinunciando ad un solo cacciabombardiere si potrebbero acquistare e attivare 200 laboratori antidiossina in tutta Italia – aggiunge il presidente dell'associazione Alessandro Marescotti – A Taranto da diversi anni siamo in prima linea nel denunciare l'inquinamento da diossina e i terribili rischi per la salute umana. Non possiamo che riconoscere l'evidente connessione tra l'aumento delle spese militari e quanto potrebbe servire per la tutela di un bene pubblico preziosissimo”

PeaceLink sin dall'inizio ha sostenuto la campagna, nello spirito pacifista e nonviolento che anima da sempre l'associazione, dando grandissimo rilievo sul proprio sito internet alla petizione lanciata oltre un anno fa da Sbilianciamoci e dalla Rete Disarmo (alla quale l'associazione aderisce). Un impegno che continuerà nei prossimi mesi, continuando a seguire la campagna dal nostro sito internet e appoggiando le iniziative che verranno realizzate.

Alessandro Marescotti – presidente
3290980335
Giacomo Alessandroni – segretario
3488836608
Alessio Di Florio – coordinatore informativo
3494254406

 

 

Note: Informazioni e dettagli:

info@peacelink.it

Per aderire al digiuno:

iodigiuno@gmail.com

http://indignazionenazionale.splinder.com/tag/tu+sprechi+io+digiuno

Articoli correlati

  • Che fine hanno fatto gli F-35?
    Editoriale
    Un assurdo spreco di denaro pubblico

    Che fine hanno fatto gli F-35?

    Su Sociale.network potete seguire gli aggiornamenti sugli F-35 e collaborare voi stessi alla condivisione dell'informazione. Perché, mai come ora, dobbiamo passare mediaticamente all'attacco. Spendere soldi in armamenti mentre dilaga la pandemia è un'insensata follia.
    18 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • L'Italia spende per gli F35 dieci volte più che per l'emergenza scolastica
    Editoriale
    Perché trattiamo male la scuola?

    L'Italia spende per gli F35 dieci volte più che per l'emergenza scolastica

    Nell’ultimo Decreto Rilancio alla scuola italiana sono stati destinati un miliardo e 400 milioni. Per gli F35 si prevede invece uno stanziamento pluriennale di 13 miliardi di euro.
    23 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
  • Le fabbriche di armi continuano a lavorare senza sosta
    Editoriale
    PeaceLink aderisce alla richiesta di riconversione civile avanzata da molte associazioni

    Le fabbriche di armi continuano a lavorare senza sosta

    Nel "Decreto Nuove misure per l’emergenza coronavirus" sono "consentite le attività dell’industria dell’aerospazio e della difesa, nonché le altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale". Il governo potrebbe riconvertire e far produrre respiratori invece di armi.
    24 marzo 2020 - Redazione PeaceLink
  • Il virus Covid-19 non si ferma con le armi: “Questa non è un’esercitazione"
    Disarmo
    Le fabbriche degli F35 al tempo della quarantena

    Il virus Covid-19 non si ferma con le armi: “Questa non è un’esercitazione"

    E’ stata privilegiata la protezione dell’attività economica rispetto alla tutela della salute
    23 marzo 2020 - Rossana De Simone
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)