Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Cosa ne facciamo dell'F-35? Buttiamolo nella spazzatura

Nelle 18 pagine del rapporto inviato al Congresso si sottolinea la "mancanza di maturità" del programma
15 gennaio 2013

F-35

Secondo Winslow Wheeler, ex membro del Senato che dirige il Progetto di Riforma Militare “Straus” presso il Center for Defense Information, l'F-35 è un aereo mediocre perché le sue "diverse esigenze lo costringono a scendere a compromessi" e sostiene che il costruttore Lockheed Martin ha mascherato i costi esorbitanti.
"C'è solo una cosa da fare con l'F-35: buttarlo via. Le forze aeree americane meritano un aereo migliore, e i contribuenti meritano una spesa minore. La pattumiera lo attende.
Anche se non è costoso come l'F-22 Raptors, che ha un costo unitario di 678 milioni dollari, l'F-35 è il programma più costoso perché ha un costo totale (acquisto e gestione)di più di 1.5 trilioni di dollari.

L'agenzia di stampa britannica Reuters ha riportato, in data 13 gennaio, il contenuto sostanziale della relazione annuale del Pentagono in cui Michael Gilmore, sottosegretario del Dipartimento della Difesa per l'Operational Test and Evaluation, rivela importanti problemi non solo con tutte e tre le versioni del F-35, ma anche carenze nel rispettare le scadenze dei test di volo.

Nelle 18 pagine del rapporto inviato al Congresso, incluso un resoconto dettagliato di tali questioni, si sottolinea la "mancanza di maturità" del programma, perché rimangono irrisolti i problemi e le questioni di recente scoperta. Questo progetto è stato ristrutturato tre volte negli ultimi anni per rallentare la produzione e permettere il suo avanzamento nello sviluppo.

Nel documento http://timemilitary.files.wordpress.com/2013/01/f-35-jsf-dote-fy12-annual-report.pdf sono elencati tutti i problemi per versione, fra questi l'eccessivo peso quando il velivolo è armato, la delaminazione del rivestimento (che lo rende quasi invisibile) dovuta alla temperatura e velocità ad alta quota, le crepe nella parte inferiore della fusoliera, la poca memoria del casco per l'acquisizione dati. Senza contare che le restrizioni per i test di volo sono dovute ai ritardi nella consegna dei nuovi pacchetti software.

Ma i problemi per l'F-35 non finiscono qui e non riguardano solo questioni tecniche. Dopo Canada, Olanda e Australia, anche la Turchia sta rivalutando i suoi piani con il governo degli Stati Uniti e la Lockheed Martin, in quanto è insoddisfatta dello sviluppo del progetto e dei suoi costi.
http://www.turkishweekly.net/news/146396/turkey-delays-f-35-order-due-to-lacking-in-project.html

E l'Italia cosa fa? Il sole24ore promuove il ministro Di Paola perché
“ha messo a segno la legge di riforma dello Strumento militare nazionale, cioè la revisione del modello di difesa grazie alla quale sarà possibile una riduzione degli organici delle forze armate, compresi quelli di vertice. La riforma, pur riducendo i costi legati al personale, conquista l’acquisto dei caccia F35″.

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016
    Pace
    La lista di come hanno votato tutte le nazioni su quella risoluzione delle Nazioni Unite

    Dichiarazione ONU sul diritto alla pace del 19 dicembre 2016

    L'Assemblea Generale dell'ONU in quella data ha approvato la dichiarazione sul diritto alla pace (Risoluzione A/C.3/71/L.29 "Declaration on the Right to Peace") con 131 favorevoli, 34 contrari e 19 astenuti. Gli USA hanno votato contro da dichiarazione sul diritto alla pace. L'Italia si è astenuta.
    12 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)