Disarmo

RSS logo

Mailing-list Disarmo

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Disarmo

...

Articoli correlati

È scandaloso quanto sta succedendo, abbiamo molti trattati internazionali contro le armi nucleari, ma questi non vengono rispettati

Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari

Esistono i trattati che vietano l’uso di armi nucleari, ma siamo pieni di basi statunitensi che pretendono di difendere la democrazia difendono solo i loro interessi. Occorre ribellarsi di fronte all’ingiustizia
13 novembre 2017 - Oscar Litwin (co-presidente regionale di IPPNW per l'America Latina)

Parlando ad una riunione internazionale sul disarmo intitolato: “Prospettive per un mondo libero dalle armi nucleari”, organizzato dal Vaticano, il vincitore argentino del premio Nobel per la Pace, Adolfo Pérez Esquivel, ha denunciato l’esistenza di sottomarini nucleari presso le Isole Malvinas.

Il suo j’accuse è stato: “È scandaloso quanto sta succedendo, abbiamo molti trattati internazionali contro le armi nucleari, ma questi non vengono rispettati. Nell’America latina esiste il trattato per il divieto di armi nucleari dal Tlatelolco [1], ma sono presenti sottomarini nucleari nelle Isole Malvinas, occupate dal Regno Unito.”

Al Vertice Vaticano, i vincitori del Nobel per la Pace sostengono che le religioni sono la chiave del disarmo nucleare

“In America Latina esistono i trattati che vietano l’uso di armi nucleari, ma siamo pieni di basi statunitensi che pretendono di difendere la democrazia ma difendono solo i loro interessi”, ha aggiunto, in un discorso nel quale disse “ribellarsi di fronte all’ingiustizia”.

Nella Nuova Aula del Sinodo è stato ascoltato da altri dieci vincitori del Premio Nobel per la Pace – tra i quali l’egiziano Mohamed El Baradei e Beatrice Fihn, direttore esecutivo di ICAN (la Campagna Internazionale che punta a vietare l’uso delle armi nucleari, il vincitore del Premio Nobel per la Pace di quest’anno), rappresentanti delle Nazioni Unite, della NATO, della Russia, degli Stati Uniti, della Corea del Sud, dell’Iran, diplomatici ed esperti nel settore delle armi, organizzazioni che lavorano nel settore e rappresentanti di varie conferenze episcopali. Tutti sono stati ricevuti in udienza da Papa Francesco il quale, in un discorso, ha condannato non solo la minaccia nucleare, ma anche il possesso di armi nucleari, cosa considerato un importante cambiamento della Dottrina Sociale della Chiesa.

Nel suo discorso, Pérez Esquivel, premio Nobel per la Pace nel 1980, senza mezzi termini, ha detto che se non c’è un disarmo nucleare è perché “non esiste una volontà politica”.

Ha anche ricordato che Giovanni XXIII, nella sua enciclica Pacem in Terris del 1963, ha fatto appello alla coscienza del popolo per fermare la corsa agli armamenti e vietare le armi atomiche. E ha sottolineato che da allora non solo l’arsenale non è stato ridotto, ma le armi nucleari sono aumentate. “Ci sono quattordicimila armi nucleari nelle mani degli Stati Uniti e della Russia, ci sono armi nucleari in Italia, Israele, Francia, Cina, dove sta andando il mondo con tutto questo? – ha chiesto – Non abbiamo ridotto l’arsenale nucleare, ma la povertà, la fame è aumentata, la fame è un crimine”, ha detto.

Ha anche detto che ha viaggiato in Iraq con il vincitore del Premio Nobel per la Pace Mairead Corrigan-Maguire, presente anche durante la riunione, dove ha visto l’“orrore” della guerra. A tal proposito ha denunciato che “nessuno parla delle bombe all’uranio impoverito che lasciano conseguenze indelebili per generazioni, acqua contaminata, mutazioni genetiche, la situazione sempre più degradante della natura e i saccheggi subiti dal popolo iracheno”.

Nonostante tutto, si è mostrato un “pessimista speranzoso”, convinto che ci sia una possibilità di cambiamento. “La storia è scritta dal popolo ed è qui che è necessario lavorare, i cittadini devono alzarsi in piedi, le chiese, le organizzazioni sociali, devono sollevare le loro voci per dire che ne hanno abbastanza, che non vogliono generazioni di schiavi. Dominare le grandi potenze che non vogliono disarmarsi perché stanno dominando il mondo”, ha detto.

Infine, ha chiesto una rivitalizzazione dell’organizzazione delle Nazioni Unite. “Oggi – l’ONU – è costituita da più di 193 stati, con cinque membri permanenti con potere di veto nel Consiglio di Sicurezza: questo è immorale e ingiusto, dobbiamo sollevare le nostre voci per sottolineare queste cose”, ha concluso, raccogliendo applausi nel pubblico.

Pérez Esquivel ha elogiato la chiamata del papa per parlare del disarmo e stimolare riflessioni sulla questione e si è rammaricato che in Argentina alcuni non capiscono quale leadership globale Papa Bergoglio ha acquisito.

Note:

[1] Nel massacro di Tlatelolco, avvenuto il 2 ottobre 1968 nella Plaza de las Tres Culturas presso Tlatelolco in Città del Messico, furono assassinati circa quattrocento studenti e civili da parte di militari e forze di polizia. Gli eventi sono considerati parte della guerra sporca messicana, quando il governo ha autorizzato l’uso della forza per reprimere l’opposizione politica. Il massacro è avvenuto circa 10 giorni prima dell’apertura dei Giochi Olimpici del 1968 a Città del Messico. Più di 1.300 persone sono state arrestate dalla polizia. Non vi è ancora un dato unanime su quanti sono stati uccisi quel giorno in Plaza de las Tres Culturas.

Tradotto da Giacomo Alessandroni per PeaceLink . Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.4 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)