Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Sondaggi d'opinione, xenofobia e autoritarismo nel nuovo M5s

Il governo respinge i migranti ma accoglie le nuove bombe atomiche di Trump

Il 53% degli elettori pentastellati ritiene che "in Italia è meglio meno democrazia ma più ordine" e solo il 5% ritiene che il governo "dovrebbe sempre consentire gli sbarchi sul nostro territorio dei migranti soccorsi". Nel frattempo il governo accoglie la nuova versione delle bombe atomiche B61
14 gennaio 2019

Razzisti al governo

"Il governo dovrebbe dovrebbe mantenere una linea intransigente e impedire qualsiasi sbarco nel nostro territorio dei migrani soccorsi". Con questa affermazione è d'accordo il 70% delle persone intervistate che votano M5s.

Solo il 16% risponde "dovrebbe consentire lo sbarco nel nostro territorio, ma solo in questo caso specifico" (il riferimento è al caso delle due navi di Ong bloccate in mare, Sea Watch e Sea Eye).

Appena il 5% degli elettori pentastellati ritiene che il governo "dovrebbe sempre consentire gli sbarchi sul nostro territorio dei migranti soccorsi".

Questi sono i dati del sondaggio d'opinione illustrato il 12 gennaio 2019 sul Corriere della Sera da Nando Pagnoncelli.

Domenica 13 gennaio 2019 è apparso su La stampa un altro inquietante sondaggio d'opinione realizzato in Italia in cui il 44% degli intervistati del campione esaminato dichiara che "in Italia è meglio meno democrazia ma più ordine". Ma se si esamina questo dato all'interno degli elettori del M5s si vede che coloro che preferiscono "più ordine e meno democrazia" arrivano al 53%, per salire al 64% nella Lega. Negli altri del centrosinistra questa opinione scende al 24% e negli altri del centrodestra al 36%.

Nel frattempo il governo italiano si prepara ad accogliere le nuove bombe atomiche USA.

No bombs

Le nuove bombe atomiche sono destinate all’Aerobase di Ghedi. C'è un riscontro, timbrato e protocollato. Brescia Oggi scrive: "Basta consultare il sito istituzionale del ministero della Difesa per trovare un atto amministrativo, apparentemente banale, che ha tutta l’aria di costituire la prima prova documentale della funzione «Dual Capable» dei Tornado del 6° Stormo. Cioè della loro capacità di portare non solo bombe convenzionali, ma anche ordigni nucleari. Una capacità non solo teorica: sul tavolo del ministero c’è da mesi un progetto da 30 milioni di euro per aggiornare questa capacità, per adeguare i Tornado alla nuova versione delle famose B61, denominata B61/12 LEP, di cui sta per iniziare la produzione negli Stati Uniti per sostituire le vecchie bombe Nato".

E' del tutto evidente che la questione migranti sia, nelle mani del governo, uno formidabile strumento di distrazione di massa dalla inquietante vicenda delle armi nucleari di nuova generazione che stanno per arrivare in Italia. Gli F-35 sono gli aerei che trasporteranno le bombe atomiche di nuova gererazione e la portaerei Cavour è in fase di aggiornamento per ospitare gli F-35.

La portaerei Cavour è stata infatti trasferita presso l’Arsenale militare marittimo di Taranto per effettuare lavori di adeguamento finalizzati all’imbarco dei nuovi F-35 nella versione B, che andranno a sostituire gli Harrier. I lavori, per un importo pari a 74 milioni di euro, la manterranno fuori servizio fino all’estate 2020. 

La solerzia con cui il M5s porta soccorso ai gilet gialli in Francia non vede un'altrettanto convinta solerzia nel sostenere i pacifisti americani impegnati contro il riarmo nucleare e l'autoritarismo di Trump, con cui il governo Conte ha saldato un patto di ferro suggellato dagli F-35.

E ogni invito al M5s rivolto a sostenere la campagna ICAN (Premio Nobel per la Pace 2017) cade nel vuoto, data al volontà del governo di non appoggiare la messa al bando delle armi atomiche (il "tradimento" denunciato da padre Alex Zanotelli) ma di proseguire sulla strada dell'ammodernamento dell'arsenale nucleare.

Articoli correlati

  • La forza della nonviolenza
    Ecologia
    Come i bambini hanno cambiato la lotta all'inquinamento dell'ILVA

    La forza della nonviolenza

    Si chiude una settimana che passerà nella storia delle lotte popolari nonviolente italiane. Taranto ha scritto, con i suoi bambini e con il suo dolore, una delle pagine più luminose della resistenza nonviolenta alle ingiustizie. Adesso occorre fare altri passi avanti
    9 marzo 2019 - Alessandro Marescotti
  • Ecco tutti i dati che confermano l'aumento dell'inquinamento a Taranto
    Ecologia
    Pubblichiamo l'intera serie storica da quando ArcelorMittal ha preso possesso dell'ILVA

    Ecco tutti i dati che confermano l'aumento dell'inquinamento a Taranto

    Documentazione per la conferenza stampa. Le informazioni attestano un innegabile ed evidente aumento delle emissioni e dell'inquinamento. Si può consultare tutta la documentazione che PeaceLink ha inviato ad Arpa Puglia
    6 marzo 2019 - PeaceLink
  • Nuovo strappo fra M5s e pacifisti
    Disarmo
    Convegno a Roma su "Produzioni e commercio di armamenti: le nostre responsabilità"

    Nuovo strappo fra M5s e pacifisti

    Il sottosegretario pentastellato agli esteri Manlio Di Stefano ha dichiarato che l'export di armi italiane verso l'Arabia Saudita non si può interrompere. "E' sbagliato pensare che si possa risolvere il problema con l’interruzione dell’esportazione delle armi prodotte in Italia", ha detto.
    2 marzo 2019 - Redazione PeaceLink
  • "Ma che voce portano se non quella del loro padrone?"
    Taranto Sociale
    Contestati a Taranto i parlamentari M5s sull'ILVA

    "Ma che voce portano se non quella del loro padrone?"

    "La nosta scorta sarà la gente? C'erano più forze dell'ordine oggi che in tutte le contestazioni che ho fatto al PD in questi anni"
    18 febbraio 2019

Prossimi appuntamenti

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.16 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)