Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Quello che il governo non vi dice

Presto avremo in Italia gli F-35 con la bomba atomica

La bomba atomica B-61 mod. 12 sarà dotata di potenza regolabile elettronicamente, con 4 livelli di potenza sprigionabile: 0,3 chilotoni, 1,5 chilotoni, 10 chilotoni o 50 chilotoni (la bomba sganciata su Hiroshima sprigionò circa 15 chilotoni).
4 febbraio 2019

F-35, prossimamente dotati della bomba atomica

Fra un anno arriveranno le nuove bombe atomiche in Italia per gli F-35, ma il governo non ne fa oggetto di discussione. Come in passato tutto viene gestito nelle segrete stanze.

Per ora siamo nella fase di test delle nuove bombe atomiche: le B-61 mod. 12.

Esse saranno dotate di potenza regolabile elettronicamente, con 4 livelli di potenza sprigionabile: 0,3 chilotoni, 1,5 chilotoni, 10 chilotoni o 50 chilotoni (la bomba sganciata su Hiroshima sprigionò circa 15 chilotoni).

"L’Air Force continuerà a testare fino alla fine del 2019 la bomba B-61-12, prima di avviare la produzione di serie. Il primo lotto, quasi certamente destinato all’Europa dove sono presenti le versioni più obsolete della bomba B61, dovrà essere consegnato entro il marzo del 2020". Questo si legge in un interessante articolo a firma Franco Iacc. L'autore (analista accreditato con il Ministero della Difesa e con la NATO) scrive: "I Paesi come l'Italia che aderiscono al nuclear sharing della NATO dovranno decidere quanti F-35A destinare per l'interdizione nucleare".

Il titolo dell'articolo è infatti: "Quanti F-35A saranno destinati all'attacco nucleare?" 

Sarebbe una bella domanda da porre nella piattaforma Rousseau "in difesa dei diritti dei cittadini", in primo luogo quello alla conoscenza e alla trasparenza.

Articoli correlati

  • Nucleare civile e militare: una bomba!
    Disarmo
    Il trattato TPAN ha raggiunto la sua attuazione

    Nucleare civile e militare: una bomba!

    Il trattato ONU TPAN per la proibizione delle armi nucleari il 22 gennaio 2021 entra in vigore, anche se ha dei limiti perché non è stato ancora né firmato, né ratificato da nessuno dei paesi che detengono l’arma nucleare
    17 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • TPAN: depositata interrogazione parlamentare sulla mancata firma dell'Italia
    Disarmo
    il nostro paese ospita testate nucleari

    TPAN: depositata interrogazione parlamentare sulla mancata firma dell'Italia

    Il “nuclear sharing” in Italia si traduce nel dare ospitalità a decine di testate nucleare statunitensi
    25 novembre 2020 - Rossana De Simone
  • Che fine hanno fatto gli F-35?
    Editoriale
    Un assurdo spreco di denaro pubblico

    Che fine hanno fatto gli F-35?

    Su Sociale.network potete seguire gli aggiornamenti sugli F-35 e collaborare voi stessi alla condivisione dell'informazione. Perché, mai come ora, dobbiamo passare mediaticamente all'attacco. Spendere soldi in armamenti mentre dilaga la pandemia è un'insensata follia.
    18 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • L'Italia spende per gli F35 dieci volte più che per l'emergenza scolastica
    Editoriale
    Perché trattiamo male la scuola?

    L'Italia spende per gli F35 dieci volte più che per l'emergenza scolastica

    Nell’ultimo Decreto Rilancio alla scuola italiana sono stati destinati un miliardo e 400 milioni. Per gli F35 si prevede invece uno stanziamento pluriennale di 13 miliardi di euro.
    23 giugno 2020 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)