Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Ma i favorevoli al disarmo ci sono andati vicino

Restano in Belgio le bombe: un risultato politico?

Il recente voto al Parlamento belga sull'eliminazione delle atomiche USA dislocate nel territorio
19 gennaio 2020

Bombe atomiche B61-11 Ancora una volta la politica prevale sul buonsenso? Le votazioni dello scorso 16 gennaio al Parlamento belga hanno visto schierate posizioni nette tra i "pro" e i "contro" all'eliminazione delle atomiche statunitensi dislocate nel proprio territorio. Si tratta delle 20 bombe B61 che il Paese, membro della NATO, ospita nella base aerea di Kleine Brogel sin dai tempi della Guerra Fredda. Un "segreto di Pulcinella" la loro esistenza - così come è stato per tanti anni anche qua in Italia.

66 i voti favorevoli, 74 i contrari, appunto, alla Risoluzione presentata poco prima di Natale dalla Commissione Esteri del Parlamento, richiedente l'eliminazione degli ordigni NATO dal territorio e l'ingresso nel Belgio nel TPNW - il Trattato Internazionale per la proibizione delle armi nucleari. A favore della risoluzione Socialisti, Verdi, il Partito di Centro (CDH), il Partito dei Lavoratori (PVDA) e il DéFI, il partito francofono. Mentre i 74 voti contrari sono arrivati dai gruppi fiamminghi di destra e centrodestra oltre che dai liberali fiamminghi e francofoni.

Quasi da aspettarsi una maggioranza favorevole alle regole del Patto Atlantico ma con un pizzico di ottimismo, corroborato anche dal recente sondaggio dell'aprile scorso, commissionato da ICAN a YouGov, che dava al 64% la percentuale di cittadini favorevoli alla firma del TPNW contro un 17% dei contrari. Certamente in Parlamento - in tutti i Paesi quasi un mondo a parte rispetto alle convinzioni dei cittadini - il rapporto è stato diverso ma già averne discusso in sede istituzionale è stato un segno di interesse al di là dello stretto legame con l'Alleanza Atlantica. Se poi andiamo ai numeri, la presenza dei tanti voti a favore - nonostante le pressioni subite da parte di USA e NATO - può essere segno che l'egemonia dei favorevoli alla deterrenza nucleare non è assoluta e può essere scalfita.

E adesso, chissà, arriverà anche in Italia un dibattito serio sul nostro destino? L'adesione al TPNW la chiede (sempre da sondaggio di YouGov) il 70% dei cittadini...


Per approfondire:


Articoli correlati

  • La Russia non ha alcun interesse ad attaccare la Nato
    Conflitti
    Le cose da sapere per evitare le trappole della propaganda

    La Russia non ha alcun interesse ad attaccare la Nato

    La Russia ha una spesa militare di 109 miliardi di dollari annui, i paesi europei della Nato spendono 470 miliardi di dollari annui, gli Usa ben 916. Però Mosca sfrutta la sua superiorità militare regionale nella guerra in Ucraina: ha una schiacciante superiorità in uomini, munizioni e aerei.
    4 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
  • Tre lezioni dalla guerra in Ucraina
    Editoriale
    Un punto di vista pacifista sul fallimento della "guerra giusta"

    Tre lezioni dalla guerra in Ucraina

    Putin non è in ginocchio come prevedeva Biden ma è più forte di prima. L'esercito ucraino è a corto di uomini e risorse. L'esercito russo ha una superiorità schiacciante. Tutto ciò ci impone a una riflessione profonda sulle alternative alla guerra.
    5 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
  • In Ucraina la Nato è paralizzata in un "paradosso bellico"
    Editoriale
    Ecco come le super-bombe russe FAB stanno cambiando la guerra

    In Ucraina la Nato è paralizzata in un "paradosso bellico"

    L'invio di armi da parte della Nato, sebbene nelle intenzioni miri a sostenere le forze ucraine, non capovolge la guerra ma la prolunga e ne ingigantisce gli effetti, paradossalmente a tutto vantaggio della Russia. Gli esperti lo definiscono "war paradox" e lo hanno anche studiato.
    26 marzo 2024 - Alessandro Marescotti
  • La guerra della Nato contro la Russia: un incubo da evitare
    Editoriale
    Dichiarazioni irresponsabili del Pentagono

    La guerra della Nato contro la Russia: un incubo da evitare

    Come pacifisti, ci opponiamo con tutte le nostre forze a questa deriva militarista. La NATO, nata nel 1949 per difendere i suoi stati membri, si troverebbe a tradire il suo stesso statuto se decidesse di entrare in guerra contro la Russia.
    1 marzo 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)