Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Ma i favorevoli al disarmo ci sono andati vicino

Restano in Belgio le bombe: un risultato politico?

Il recente voto al Parlamento belga sull'eliminazione delle atomiche USA dislocate nel territorio
19 gennaio 2020

Bombe atomiche B61-11 Ancora una volta la politica prevale sul buonsenso? Le votazioni dello scorso 16 gennaio al Parlamento belga hanno visto schierate posizioni nette tra i "pro" e i "contro" all'eliminazione delle atomiche statunitensi dislocate nel proprio territorio. Si tratta delle 20 bombe B61 che il Paese, membro della NATO, ospita nella base aerea di Kleine Brogel sin dai tempi della Guerra Fredda. Un "segreto di Pulcinella" la loro esistenza - così come è stato per tanti anni anche qua in Italia.

66 i voti favorevoli, 74 i contrari, appunto, alla Risoluzione presentata poco prima di Natale dalla Commissione Esteri del Parlamento, richiedente l'eliminazione degli ordigni NATO dal territorio e l'ingresso nel Belgio nel TPNW - il Trattato Internazionale per la proibizione delle armi nucleari. A favore della risoluzione Socialisti, Verdi, il Partito di Centro (CDH), il Partito dei Lavoratori (PVDA) e il DéFI, il partito francofono. Mentre i 74 voti contrari sono arrivati dai gruppi fiamminghi di destra e centrodestra oltre che dai liberali fiamminghi e francofoni.

Quasi da aspettarsi una maggioranza favorevole alle regole del Patto Atlantico ma con un pizzico di ottimismo, corroborato anche dal recente sondaggio dell'aprile scorso, commissionato da ICAN a YouGov, che dava al 64% la percentuale di cittadini favorevoli alla firma del TPNW contro un 17% dei contrari. Certamente in Parlamento - in tutti i Paesi quasi un mondo a parte rispetto alle convinzioni dei cittadini - il rapporto è stato diverso ma già averne discusso in sede istituzionale è stato un segno di interesse al di là dello stretto legame con l'Alleanza Atlantica. Se poi andiamo ai numeri, la presenza dei tanti voti a favore - nonostante le pressioni subite da parte di USA e NATO - può essere segno che l'egemonia dei favorevoli alla deterrenza nucleare non è assoluta e può essere scalfita.

E adesso, chissà, arriverà anche in Italia un dibattito serio sul nostro destino? L'adesione al TPNW la chiede (sempre da sondaggio di YouGov) il 70% dei cittadini...


Per approfondire:


Articoli correlati

  • Indennizzi per vincoli militari, quali contributi per Augusta e gli altri comuni siciliani?
    Disarmo
    Occorre trasparenza sull'effettiva erogazione di questi fondi da destinare a fini sociali

    Indennizzi per vincoli militari, quali contributi per Augusta e gli altri comuni siciliani?

    Contributi annui ed entrate ordinarie per i comuni che subiscono la presenza di istallazioni e attività militari. Lo sancisce la legge dello Stato riconoscendo l'impatto della militarizzazione "sull’uso del territorio e sui programmi di sviluppo economico e sociale".
    21 settembre 2021 - Gianmarco Catalano
  • Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?
    Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
  • Era il 1524 e occorreva intervenire per salvare i bambini aztechi da morte sicura
    Editoriale
    Immaginate se a quel tempo, al posto del Real y Supremo Consejo de Indias, ci fosse stata la NATO

    Era il 1524 e occorreva intervenire per salvare i bambini aztechi da morte sicura

    Il dio Tlaloc chiedeva di immolare i bambini, in modo che poi le loro lacrime avrebbero bagnato la terra rendendola fertile. A quel tempo c'erano circa ventimila sacrifici umani all'anno, le vittime venivano tagliate a pezzi, la coscia spettava al sovrano, la pelle scuoiata andava al sacerdote.
    12 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Decolla uno studio sullo status giuridico delle armi nucleari in Italia
    Disarmo
    Per il 2022 è atteso l'arrivo delle bombe nucleari B61-12 nelle basi di Aviano e Ghedi

    Decolla uno studio sullo status giuridico delle armi nucleari in Italia

    Lo studio è propedeutico ad azioni legali se di riscontrassero illeciti civili, penali o amministrativi. E' uno strumento a disposizione di tutto il pacifismo italiano sull’annoso problema della presenza di ordigni nucleari statunitensi nel nostro Paese.
    29 agosto 2021 - Elio Pagani
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)