Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Ma i favorevoli al disarmo ci sono andati vicino

Restano in Belgio le bombe: un risultato politico?

Il recente voto al Parlamento belga sull'eliminazione delle atomiche USA dislocate nel territorio
19 gennaio 2020

Bombe atomiche B61-11 Ancora una volta la politica prevale sul buonsenso? Le votazioni dello scorso 16 gennaio al Parlamento belga hanno visto schierate posizioni nette tra i "pro" e i "contro" all'eliminazione delle atomiche statunitensi dislocate nel proprio territorio. Si tratta delle 20 bombe B61 che il Paese, membro della NATO, ospita nella base aerea di Kleine Brogel sin dai tempi della Guerra Fredda. Un "segreto di Pulcinella" la loro esistenza - così come è stato per tanti anni anche qua in Italia.

66 i voti favorevoli, 74 i contrari, appunto, alla Risoluzione presentata poco prima di Natale dalla Commissione Esteri del Parlamento, richiedente l'eliminazione degli ordigni NATO dal territorio e l'ingresso nel Belgio nel TPNW - il Trattato Internazionale per la proibizione delle armi nucleari. A favore della risoluzione Socialisti, Verdi, il Partito di Centro (CDH), il Partito dei Lavoratori (PVDA) e il DéFI, il partito francofono. Mentre i 74 voti contrari sono arrivati dai gruppi fiamminghi di destra e centrodestra oltre che dai liberali fiamminghi e francofoni.

Quasi da aspettarsi una maggioranza favorevole alle regole del Patto Atlantico ma con un pizzico di ottimismo, corroborato anche dal recente sondaggio dell'aprile scorso, commissionato da ICAN a YouGov, che dava al 64% la percentuale di cittadini favorevoli alla firma del TPNW contro un 17% dei contrari. Certamente in Parlamento - in tutti i Paesi quasi un mondo a parte rispetto alle convinzioni dei cittadini - il rapporto è stato diverso ma già averne discusso in sede istituzionale è stato un segno di interesse al di là dello stretto legame con l'Alleanza Atlantica. Se poi andiamo ai numeri, la presenza dei tanti voti a favore - nonostante le pressioni subite da parte di USA e NATO - può essere segno che l'egemonia dei favorevoli alla deterrenza nucleare non è assoluta e può essere scalfita.

E adesso, chissà, arriverà anche in Italia un dibattito serio sul nostro destino? L'adesione al TPNW la chiede (sempre da sondaggio di YouGov) il 70% dei cittadini...


Per approfondire:


Articoli correlati

  • Vittorio Agnoletto: il costituzionalismo terrestre
    Pace
    Intervista: Dal profitto a una società della cura e della pace

    Vittorio Agnoletto: il costituzionalismo terrestre

    La nostra comune umanità e il sentimento e il sentire umano della nostra specie sono chiamate a affrontare e risolvere le gravi sfide globali, l'intreccio tra minaccia nucleare e militare, ecologica e climatica e della disuguaglianza e delle oppressioni sociali
    6 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Memoria e futuro
    Cultura
    In tutte le librerie dal 6 maggio 2021

    Memoria e futuro

    Il libro Memoria e futuro di Alfonso Navarra, Luigi Mosca, Laura Tussi, Fabrizio Cracolici è frutto di un impegno collettivo portato avanti dai Disarmisti Esigenti con i contributi di Vittorio Agnoletto, Moni Ovadia, Alex Zanotelli e molti altri
    25 aprile 2021 - Laura Tussi
  • Il Dottor Stranamore? E’ vivo e vegeto
    Disarmo
    Una pericolosa affermazione che spazza via deterrenza e alimenta paure

    Il Dottor Stranamore? E’ vivo e vegeto

    “Il Pentagono deve passare dal presupposto principale che l'uso di armi nucleari è quasi impossibile, a quello che l’impiego del nucleare è una possibilità molto reale", ha affermato l’ammiraglio Charles Richard, comandante del Comando strategico degli Stati Uniti (il Nuclear Strike Force)
    8 febbraio 2021 - Roberto Del Bianco
  • Trattato Proibizione Armi Nucleari: webinar
    Pace
    TPAN e educazione civica

    Trattato Proibizione Armi Nucleari: webinar

    La finalità del webinar di PeaceLink è quella di far conoscere il trattato ONU TPAN inserito in un percorso di educazione civica e di cittadinanza globale. L’educazione alla pace deve essere inserita nell’educazione civica, partendo dal fatto che in una democrazia le regole evitano la guerra.
    25 gennaio 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)