Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

... Forse è ancora possibile sperare...

Dal Costa Rica un commento alla nuova ratifica al TPAN

L'ultima firma, dal governo delle Isole Fiji, ha fatto calare a 11 il numero di Stati ancora necessari per l'entrata in vigore del Trattato. Il Ministro degli Esteri costaricano approva e ne sottolinea la necessità
9 luglio 2020

Nobel Peace Prize - Torchlight procession  December 10th

Tre anni sono passati dall'approvazione alle Nazioni Unite del Trattato per la messa al bando delle armi nucleari (TPNW, Treaty on the Prohibition of Nuclear Weapons) e sembra che le ratifiche stiano avanzando a velocità sostenuta. L'ultima firma, dal governo delle Isole Fiji, ha fatto calare a 11 il numero di Stati ancora necessari per l'entrata in vigore del Trattato ai sensi del Diritto Internazionale.

Una dichiarazione importante e significativa viene dal Ministero delle Relazioni Estere della Repubblica del Costa Rica, che fu una delle prime Nazioni ad aderire e ratificare il Trattato.

"Tutti i paesi che l'hanno ratificato hanno l'obbligo legale di incoraggiare gli Stati non ancora facenti parte, a firmare, ratificare, accettare, approvare o aderire ad esso, con l'obiettivo di raggiungere l'adesione universale. Ad oggi, 81 Paesi hanno firmato e 39 hanno ratificato lo strumento." "Il Trattato è stato concepito per prevenire le catastrofiche conseguenze umanitarie che deriverebbero da qualsiasi uso di armi nucleari e rappresenta la volontà irremovibile della maggioranza dei popoli del mondo, di evitare il ripetersi dell'uso di queste armi, compresa la loro detonazione accidentale, errori di calcolo o progettazione. "

E la dichiarazione prosegue:

"Il fermo impegno del Costa Rica per il disarmo deriva, ma trascende, da una visione etica e umanistica. È il prodotto della propria esperienza storica e della conferma dell'impatto che un Paese ha optato per la smilitarizzazione. Certamente, con l'abolizione dell'esercito, in Costa Rica lo Stato ha disposto un incremento nella destinazione delle risorse in investimenti nell'istruzione, sanità e infrastrutture: i risultati di questo cambiamento della politica pubblica hanno generato una rapida trasformazione di tutti gli indicatori di sviluppo della società costaricana. È un chiaro esempio dei vantaggi di un sistema di sicurezza basato sullo sviluppo delle persone e delle capacità dello Stato."

Ricordo che il Trattato è stato negoziato sotto la stessa presidenza del Costa Rica, su mandato dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, con la Risoluzione 71/258 del 23 dicembre 2016. Al raggiungimento di almeno 50 firme di ratifica esso diventerà giuridicamente vincolante e sancirà la proibizione nel possesso, nell'uso e la minaccia dell'impiego delle armi nucleari. Un processo già raggiunto nel passato per le altre "Armi di Distruzione di Massa" batteriologiche e chimiche.

"Oggi più che mai è evidente che l'umanità deve ribaltarsi nel modo in cui alloca le sue scarse risorse. La pandemia di COVID-19 ha messo in luce la fragilità dei modelli di sviluppo e la necessità urgente di dedicare risorse al raggiungimento dell'Agenda di sviluppo delle Nazioni Unite per il 2030, riprendendosi dall'impatto della pandemia e affrontando l'altra grande sfida esistenziale dell'umanità, che è il cambiamento climatico. Il trattato sul divieto delle armi nucleari è una pietra miliare che prevede una riconcettualizzazione delle armi nucleari nella politica internazionale, le delegittima come strumento di sicurezza nel 21 ° secolo e colma un vuoto nel diritto internazionale, identificato dal parere consultivo della Corte internazionale di giustizia del 1996. Detto questo, è urgente che tutti, dai governi, dal mondo accademico e della società civile, contribuiscano alla sua rapida entrata in vigore."

E in questi giorni, ricordando...

Non ho molta simpatia per gli anniversari, spesso sono ricordati dai singoli o celebrati dalle istituzioni; ma ciò che ci ricorda (o ci fa conoscere per la prima volta...) non viene quasi sempre segnato nel profondo della mente e svanisce dalla memoria dopo poco...

Ma questa settimana ha offerto diverse date importanti accanto a quella del 7 luglio che ricorda l'approvazione del Trattato! e non sono sicuro che saranno in tanti ad averle conosciute.

Infatti:

  • L'8 luglio di 24 anni fa la Corte Internazionale di Giustizia ha pronunciato il suo storico giudizio sull'illegalità della minaccia o dell'uso di armi nucleari.
  • Il 9 luglio si celebra il 65 ° anniversario del Manifesto Russell-Einstein, un evento rivoluzionario che ha dato vita nel 1957 all'istituzione delle Conferenze di Pugwash su Scienza e Affari internazionali (a Pugwash viene assegnato nel 1995 il Premio Nobel per la pace) e l'Accademia mondiale delle Arti e della Scienza nel 1960.
  • E il 10 luglio infine ricorda un altro episodio forse dai più dimenticato: è l'anniversario del bombardamento terroristico del 1985 (come chiamarlo altrimenti?) subìto dalla nave di Greenpeace, la Rainbow Warrior in Nuova Zelanda, per impedire le iniziative di protesta contro i test nucleari francesi a Moruroa (la disputa che ne seguì tra Francia e Nuova Zelanda fu infine risolta attraverso una sentenza mediata dalle Nazioni Unite).

A firma Alyn Ware questa pagina che descrive tutto questo nel dettaglio. Remember your humanity!

http://www.unfoldzero.org/remember-your-humanity-anniversaries-of-russell-einstein-manifesto-icj-case-and-rainbow-warrior-bombing/

Note: Per conoscere e riflettere, segnalo "Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari : il prima e il dopo". Un lungo ed esplicativo articolo pubblicato su "Pressenza" a firma Luigi Mosca. Il cammino svolto per arrivare al Trattato e le prospettive future:

https://www.pressenza.com/it/2020/07/trattato-di-proibizione-delle-armi-nucleari-il-prima-e-il-dopo/

Articoli correlati

  • L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari
    Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • TPAN: una data storica per l’umanità
    Pace
    TPAN. Un’autentica svolta per l’umanità. Uno dei più grandi traguardi del pacifismo mondiale

    TPAN: una data storica per l’umanità

    Il 22 gennaio 2021 entra in vigore a livello mondiale il TPAN- Trattato di Proibizione delle Armi Nucleari, uno dei tanti tasselli del lavoro e del percorso per la pace del XXI secolo
    12 gennaio 2021 - Laura Tussi
  • Armi nucleari: inumane, inaccettabili, e adesso illegali
    Disarmo
    Giamaica, Nauru e Honduras gli ultimi Stati firmatari. Il "Nuclear Ban" diventa realtà.

    Armi nucleari: inumane, inaccettabili, e adesso illegali

    Dichiarazione di IPPNW - International Physicians for the Prevention of Nuclear War - al raggiungimento delle 50 adesioni per l'entrata in vigore del Trattato per la Proibizione delle armi nucleari.
    25 ottobre 2020 - Roberto Del Bianco
  • A un passo dalle 50 ratifiche
    Disarmo
    Una svolta storica si avvicina

    A un passo dalle 50 ratifiche

    Con le ratifiche di oggi di Giamaica e Nauru sono infatti 49 gli Stati che hanno aderito al Trattato di proibizione delle armi nucleari #TPNW: con la prossima ratifica si attiverà il percorso dell'entrata in vigore che si concluderà dopo 90 giorni. E ciò significherà per la prima volta l'esistenza
    23 ottobre 2020
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)