Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Il webinar di Antonino Drago sulla messa al bando delle armi nucleari

Il trattato che bandisce le armi nucleari

Il questa pagina web c'è il video della videoconferenza assieme alle slides del relatore. Al centro della relazione c'è il trattato ONU che proibisce le armi nucleari, entrato in vigore il 22 gennaio 2021 al termine dei 90 giorni previsti dopo la 50esima ratifica.
Laura Tussi19 dicembre 2021

Ican con il trattato di proibizione delle armi nucleari Premio Nobel per la pace 2017

Il Premio Nobel per la pace con il TPAN

Un webinar di PeaceLink con il professor Antonino Drago per una panoramica a 360 gradi sui maggiori trattati mondiali inerenti le politiche in materia di armamenti nucleari.

 

Nuclear test explosion

Con la campagna internazionale Ican, premio Nobel per la pace 2017, le armi nucleari vengono concepite con una prospettiva di messa al bando di tipo giuridico.

Il premio Nobel per la pace Ican, campagna internazionale per la messa al bando delle armi di distruzione di massa nucleari ha consentito a tanti sfiduciati di continuare a credere a questa ottima prospettiva molto agile soprattutto dal punto di vista giuridico.

Il webinar di PeaceLink è l’occasione per discutere dell’abolizione e della messa al bando degli ordigni di distruzione di massa nucleari ed il relativo trattato TPAN/TPNW approvato in sede ONU il 7 luglio 2017 a New York a palazzo di vetro con 122 nazioni presenti e la società civile organizzata in Ican.

Il professor Antonino Drago conduce il webinar di PeaceLink sulle armi nucleari.

L’esperienza di obiezione di coscienza di Drago è nata con il carcere di Gozzini che scrive una lettera per fare politica anche dalle prigioni al fine di puntare su obiettivi politici a lunga scadenza.

Questo è un concetto di politica che ha illuminato Antonino Drago.

Infatti l’obiezione di coscienza è un impegno importante, soprattutto con le lotte del 1964 e l’obiezione fiscale alle spese militari per la modifica dell’assetto della difesa italiana.

Secondo Drago nell’immaginario collettivo non è entrato il concetto di pace ed è necessario recuperare un linguaggio e un simbolismo che portino alla pace. Il trattato di proibizione delle armi nucleari TPAN non è il solito discorso che propone l’elenco di tutte le orrende vicende legate al nucleare.

Sulla scena mondiale si sono sempre posti tentativi per il disarmo nucleare. Ma dagli anni ‘60 non si sono mai raggiunti punti e obiettivi decisivi e permanenti, ma solo trattative verticistiche. Esistono una via etica e popolare e una via seguita dagli Stati per l’uscita dall'incubo atomico.

Purtroppo molti scienziati lavorano per la guerra e il potenziamento del nucleare.

Il 50% degli scienziati lavorano direttamente per la guerra, e sono coinvolti nella corsa agli armamenti. Einstein e Russell nel loro manifesto sostengono di essere scienziati con il dovere di informare sulle bombe nucleari e con la massima responsabilità.

Einstein e Russell sono stati scienziati con la responsabilità verso i popoli perché hanno messo la scienza al servizio della pace.

Chiudi

Secondo il Guardian, la campagna britannica per il disarmo nucleare ha pubblicato un sondaggio secondo cui il 59% dell’opinione pubblica del Regno Unito sostiene l’iscrizione del Paese al TPNW, mentre il 77% è a favore di un “divieto totale di tutte le armi nucleari a livello globale”. Kate Hudson, segretaria generale della Campaign for Nuclear Disarmament (CND), ha invitato il governo britannico “a cessare la sua intransigenza e a impegnarsi in modo costruttivo con il nuovo trattato”, affermando che il sondaggio  ha dimostrato che questa posizione è quella che ha riscosso il maggior sostegno popolare.

Con la nascita dell’ONU si spera di aver posto fine alle armi e alla guerra soprattutto dopo l’orrore di Hiroshima e Nagasaki. Ma l’ONU è sottoposta alla politica estera delle superpotenze.

La spesa militare mondiale attuale ammonta a 2000 miliardi di dollari. L’ONU è molto piccola e impotente rispetto alle potenze mondiali nucleari. La corsa alle armi nucleari nei vari decenni è incrementata proprio con gli atomi per la pace e la costruzione delle centrali nucleari per tacitare la popolazione sul rischio di guerra.

Ma sappiamo che il passo è breve tra il nucleare civile e quello militare.

La via delle lotte popolari imposta il trattato che mette al bando i test nucleari nell’atmosfera, ma impone che si effettuino solo sotto terra. E corre l’anno 1963.

Con la via etica nel 1965, il Concilio condanna la politica del nucleare. Ma condanna l’uso dell’arma atomica, non il possesso. Quindi è accettata la deterrenza nucleare. Il TNP, trattato di non proliferazione regola il possesso delle armi nucleari e le dichiara legittime solo per alcune potenze. Il TNP attiva un controllo internazionale per non coinvolgere altre nazioni alla corsa agli armamenti nucleari. L’8 dicembre 1987 viene siglato tra Reagan e Gorbaciov il trattato INF che è stato successivamente abolito totalmente da Trump e non per il superamento di condizioni oggettive. Nel 1999 Usa e nato adottano la nuova dottrina del primo colpo nucleare, il cosiddetto first use che consiste in un grave atto di aggressività nel voler dichiarare guerra a tutto il mondo. I trattati sono momentanei, ma le armi nucleari vengono modificate e perfezionate in continuazione. Missili, aerei e sommergibili sono le tre gambe della difesa nucleare. Israele non firma il TNP. Il Mediterraneo così è dominato da Francia e Israele con i sommergibili nucleari. Il tutto nell’indifferenza delle superpotenze.

Sarebbe sufficiente uno scambio di gittate di cento ogive, ad esempio tra India e Pakistan, in eterno conflitto, per dare avvio a un inverno nucleare con un effetto irreversibile nell’assetto climatico e con il risultato immediato di ben un miliardo di vittime. Fortunatamente il 21 gennaio del 2021 il TPAN è entrato in vigore e le armi nucleari vengono dichiarate illegali.

Ma la strada della nonviolenza e del disarmo nucleare purtroppo è ancora ardua e impervia.

 

Allegati

Articoli correlati

  • "Le nostre vittorie nel 2021": da ICAN un resoconto di fine anno
    Disarmo
    Dal Coordinatore della Campagna ICAN Daniel Högsta

    "Le nostre vittorie nel 2021": da ICAN un resoconto di fine anno

    “Qualunque cosa sia successa quest'anno, il 2021 è stato una pietra miliare per il nostro movimento, dopo che il Trattato sulla proibizione delle armi nucleari è entrato in vigore il 22 gennaio 2021, rendendo le armi nucleari finalmente illegali secondo il diritto internazionale"
    23 dicembre 2021 - Roberto Del Bianco
  • Il diritto alla pace e al disarmo
    Disarmo
    In Italia e Germania: bombe nucleari B61-12 Nato nelle basi militari di Ghedi, Aviano e Buchel

    Il diritto alla pace e al disarmo

    Verso un coordinamento antinucleare europeo. L'obiettivo è di inserire la valutazione delle attività militari e belliche - e quindi il disarmo come soluzione al grave inquinamento da esse prodotte - negli accordi di Parigi sul clima.
    10 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Ambiente e disarmo nucleare. Un incontro a Roma con gli studenti liceali
    Disarmo
    Deterrenza, conflitti atomici, ambiente.

    Ambiente e disarmo nucleare. Un incontro a Roma con gli studenti liceali

    Nell'anniversario del Nobel a ICAN un'iniziativa interessante dal liceo "Augusto" a Roma, un video autoprodotto per far conoscere e riflettere.
    10 dicembre 2021 - Roberto Del Bianco
  • Decolla uno studio sullo status giuridico delle armi nucleari in Italia
    Disarmo
    Per il 2022 è atteso l'arrivo delle bombe nucleari B61-12 nelle basi di Aviano e Ghedi

    Decolla uno studio sullo status giuridico delle armi nucleari in Italia

    Lo studio è propedeutico ad azioni legali se si riscontrassero illeciti civili, penali o amministrativi. E' uno strumento a disposizione di tutto il pacifismo italiano sull’annoso problema della presenza di ordigni nucleari statunitensi nel nostro Paese.
    29 agosto 2021 - Elio Pagani
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)