Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Due sottomarini nucleari presenti all'esercitazione Dynamic Manta

Rischio atomico e mancata informazione dei cittadini
25 febbraio 2022

Esercitazione al largo della Sicilia orientale

In queste ore, a largo delle coste della Sicilia orientale, si sta svolgendo l’annuale esercitazione antisommergibile dell’Alleanza atlantica conosciuta sotto il nome di « Dynamic Manta ». Si tratta della più importante attività addestrativa aeronavale della NATO nel Mediterraneo e nel mondo, gemella della Dynamic Mongoose svolta nelle acque dell’Atlantico. Come di consueto, la base navale di Augusta, il porto di Catania e la base aerea di Sigonella, serviranno le prove di guerra condotte da migliaia di militari e decine di mezzi di guerra di 7 sette Paesi Alleati. E tra i navigli in azione nel mar Ionio fino al prossimo 4 marzo, si contano anche due sottomarini d’attacco a propulsione nucleare, appartenenti rispettivamente alla Francia e agli Stati Uniti d’America.

La base navale di Augusta, tra gli 11 porti nucleari d’Italia, è l’unica attrezzata in Sicilia ad accogliere il transito e la sosta dei navigli a propulsione e capacità atomica di Stati Uniti, Francia e Regno Unito. Una circostanza confermata ufficialmente dalla Prefettura di Siracusa solo nel luglio 2018, data di pubblicazione del Piano di Emergenza Nucleare, dopo oltre un decennio di denunce e campagne d’informazione condotte da associazioni e comitati ecologisti e pacifisti1 nella quasi totale indifferenza delle istituzioni locali, regionali e nazionali.

Quel Piano di Emergenza, tuttavia, ad oggi rimane lettera morta. Nessuna esercitazione periodica è stata mai svolta « per verificare l’adeguatezza del piano di emergenza », come invece imporrebbe la legge sin dal 1995 (art. 126, d.lgs. 230/1995) in attuazione delle direttive europee EURATOM in materia di radiazioni ionizzanti.

Dopo la pubblicazione del Piano sul sito della Prefettura di Siracusa, nessuna azione di sensibilizzazione pubblica è stata messa in campo. L’obbligo d’informazione rivolta alla cittadinanza è ad oggi disatteso dai Sindaci di Augusta, Priolo, Melilli e Siracusa, benché il Piano attribuisca a questi ultimi l’onere di « predisposizione della Campagna d’Informazione » a fini di una « diffusione capillare del materiale informativo » sulle conseguenze e sulle norme di autoprotezione in caso di incidente nautico-radiologico presso la rada e il porto di Augusta.

Del pari non risulta che l’Asp di Siracusa e il Distretto sanitario di Augusta abbiano eseguito quella « informazione sanitaria preventiva » (cfr. pag. 87 del Piano, parte generale) volta alla formazione professionale dei medici di base allo scopo di « veicolare alla generalità dei pazienti assistiti notizie e informazioni prevalentemente incentrate sugli effetti della radioattività sull’essere umano e sulle misure di protezione sanitaria applicabili in caso di emergenza ».

Nessuna trasparenza viene fornita nemmeno sui controlli della radioattività ambientale che, sempre in base alle previsioni del Piano, sono di competenza della Marina militare e del Corpo dei Vigili del fuoco e vanno obbligatoriamente eseguiti ogniqualvolta un’unità navale a propulsione atomica faccia sosta all’interno della rada megarese o presso il pontile Nato di Priolo. La conoscenza di questi dati di monitoraggio ambientale è stata infatti negata dal Comando di Marisicilia, opponendo il « segreto militare » alla richiesta di accesso avanzata da Legambiente, Peacelink e dal Comitato No Muos – No Sigonella.

Sullo sfondo dei giochi di guerra della NATO e delle manovre dei « reattori atomici galleggianti » a ridosso delle coste siciliane, i cittadini del Siracusano e i siciliani tutti continuano a subire la minaccia di un possibile incidente nautico-militare-nucleare che si somma agli altri rischi (sismico, industriale, idrogeologico) già presenti nell’area2. Un pericolo che le comunità non hanno mai scelto di correre e su cui, come se non bastasse, le istituzioni preposte omettono di fornire la debita informazione. Il tutto in un Paese, l’Italia, che con ben due referendum (1987 e 2011) ha sancito il definitivo abbandono del ricorso all’energia nucleare.

Coordinamento Punta Izzo Possibile

Comitato No Muos – No Sigonella

Note: Sui pericoli della navigazione nucleare, si veda: https://www.peacelink.it/disarmo/a/46659.html

Articoli correlati

  • Come può il nuovo leader australiano risolvere la questione dei sottomarini
    Disarmo
    La controversia sull'HEU, l'uranio altamente arricchito

    Come può il nuovo leader australiano risolvere la questione dei sottomarini

    Gli elettori australiani hanno spodestato il proprio governo a favore del partito laburista, che storicamente si oppone a energia e armi nucleari. Diventando un paese senza armi, né sottomarini nucleari, l’Australia creerebbe un precedente fondamentale
    16 giugno 2022 - Alan J. Kuperman
  • Indennizzi per vincoli militari, quali contributi per Augusta e gli altri comuni siciliani?
    Disarmo
    Occorre trasparenza sull'effettiva erogazione di questi fondi da destinare a fini sociali

    Indennizzi per vincoli militari, quali contributi per Augusta e gli altri comuni siciliani?

    Contributi annui ed entrate ordinarie per i comuni che subiscono la presenza di istallazioni e attività militari. Lo sancisce la legge dello Stato riconoscendo l'impatto della militarizzazione "sull’uso del territorio e sui programmi di sviluppo economico e sociale".
    21 settembre 2021 - Gianmarco Catalano
  • Sosteniamo don Palmiro Prisutto, “sacerdote di frontiera”
    Ecologia
    Lettera a Papa Francesco

    Sosteniamo don Palmiro Prisutto, “sacerdote di frontiera”

    Sono una docente di lettere di Augusta e come tale quotidianamente investita del delicato, difficile e bellissimo compito di educare i ragazzi che vivono accanto al polo petrolchimico più grande d’Europa. La notizia della rimozione del nostro sacerdote ha suscitato sconforto e smarrimento.
    11 agosto 2021 - Valeria Paci
  • Beati gli Ignavi
    Editoriale
    Solidarietà di PeaceLink a don Palmiro Prisutto

    Beati gli Ignavi

    C'è un filo invisibile che collega la rimozione di don Palmiro e l'impunità promessa dalla controriforma della giustizia. Il filo invisibile è la glorificazione dell'ignavia e della rassegnazione, tanto vincono i più forti. Ma noi ai più forti promettiamo resistenza, resistenza e ancora resistenza.
    11 agosto 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)