Disarmo

Lista Disarmo

Archivio pubblico

Una frase particolamente significativa che condensa la tragedia

Se saremo abbastanza fortunati...

Se questo conflitto finisce senza l'annientamento della nostra specie dovrebbe essere considerato come un'esperienza a un passo dalla morte su tutto il pianeta e il "Popolo delle Nazioni Unite" dovrebbe chiedere l'eliminazione totale delle armi nucleari nel più rapido modo umanamente possibile
14 marzo 2022

E' riportata da Ira Helfand (membro del board di IPPNW) una riflessione, veramente significativa, di Earl Turcotte, un ex negoziatore canadese per il disarmo.

Se saremo abbastanza fortunati... "Se questo conflitto finisce senza l'annientamento della nostra specie, dovrebbe comunque essere considerato come un'esperienza a un passo dalla morte su tutto il pianeta, e il "Popolo delle Nazioni Unite" dovrebbe chiedere l'eliminazione totale delle armi nucleari nel più rapido modo umanamente possibile, così come l'istituzione di nuove misure di sicurezza comuni che ci avvicinino molto a una pace sostenibile in tutto il mondo".

"La frase 'esperienza a un passo dalla morte (cfr orig. near-death experience) in tutto il pianeta' - è adesso il commento del dott. Helfand - riassume in modo potente come qualsiasi altra cosa ho letto sulla gravità della nostra situazione. È il messaggio che dobbiamo trasmettere al mondo se siamo abbastanza fortunati da sopravvivere e la verità che deve motivare il nostro lavoro per eliminare le armi nucleari.

Ed ecco un pensiero che a volte - sgusciando tra le pieghe del crescente pessimismo - mi si affaccia allo scoperto. Da questa tragedia, se ne usciremo fuori, potrà forse finalmente incunearsi saldamente, anche nei "grandi del mondo", la consapevolezza che l'arma atomica dev'essere eliminata al più presto, e tutti insieme?

Articoli correlati

  • “Dio è nostro alleato e ha i galloni ucraini sulla spalla”
    Editoriale
    Zelensky si appella alla religione per contrastare l’aumento dei renitenti alla leva

    “Dio è nostro alleato e ha i galloni ucraini sulla spalla”

    Kiev affronta una situazione sempre più difficile nello scontro militare con la Russia. I giovani ucraini non vedono più una prospettiva d’uscita ma solo la retorica della vittoria che cozza contro una serie di continue e sanguinose sconfitte.
    5 maggio 2024 - Alessandro Marescotti
  • Poesie contro la guerra
    Cultura
    Da stampare e distribuire ovunque

    Poesie contro la guerra

    Portare la cultura della pace fra la gente con una poesia è una delle cose più belle e significative che possiamo fare oggi
    Redazione PeaceLink
  • Sanzioni alla Russia: efficaci o solo chiacchiere?
    Economia
    Mentre la Nato invia armi in Ucraina le banche europee triplicano i loro profitti in Russia

    Sanzioni alla Russia: efficaci o solo chiacchiere?

    Il Financial Times rivela che le sette principali banche europee - tra cui anche UniCredit e Intesa Sanpaolo - hanno registrato in Russia un profitto combinato di oltre 3 miliardi di euro nel 2023. Una cifra tripla rispetto a quanto guadagnato nel 2021.
    30 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
  • Zelensky prigioniero della sua retorica bellica: ha firmato un decreto che gli vieta di negoziare
    Editoriale
    La via della pace in Ucraina: un'urgente necessità

    Zelensky prigioniero della sua retorica bellica: ha firmato un decreto che gli vieta di negoziare

    Siamo di fronte al fallimento di un'intera strategia che doveva portare alla vittoria e sta portando alla sconfitta. In questo contesto, i pacifisti emergono come l'unica voce ragionevole. Tanto che anche partiti che li deridevano oggi li cercano per dare un po' di lustro alle loro liste elettorali.
    30 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)