Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • Conto Corrente Bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

La protesta di un gruppo di cittadini del comune di Lerici, frazione di Senato.

Rischio amianto nel Parco Montemarcello Magra

Colui che può intervenire è il sindaco di Lerici, la cui e-mail è info@comune.lerici.sp.it
7 marzo 2005 - Gianluca Sinisi
Fonte: L’articolo da cui è stata tratta questa notizia è stato scritto da Barbara Roncarolo sul giornale mensile Airone n.286 del Febbraio 2005, pagina 11.

Da qualche mese nel Parco regionale di Montemarcello Magra è in atto una controversia giudiziaria che contrappone un impianto di macinazione del serpentino (da cui si estrae l’amianto) e gli abitanti di Lerici, nella frazione di Senato, in provincia di La Spezia. Il motivo è il seguente: gli abitanti si sono lamentati perché l’impianto inquina l’ambiente con polveri e fanghi d’amianto. Questo impianto è stato sequestrato tre volte dalla procura della Repubblica di La Spezia, ma poi dissequestrato due volte dal Tribunale del riesame. Il cantiere è i proprietà della Viti Escavazioni, una società accusata, riporta il mensile Airone del febbraio 2005, per aver violato le leggi sull’amianto (legge n.257 del 1992) e sul trasporto e lo smaltimento dei rifiuti tossici (Decreto Ronchi, n.22 del 1997). È il sostituto procuratore Rodolfo Attinà che indaga sulla questione e inserisce tra le accuse anche i reati di distruzione e alterazione di bellezze naturali; questo perché l’impianto si trova nel Parco regionale di Montemarcello Magra. Il mensile Airone riporta le lamentele di chi sostiene che la ditta sarebbe in funzione da circa un decennio e che inquinerebbe l’ambiente con le polveri, che verrebbero disperse nell’aria, e con i fanghi, che sarebbero scaricati nel terreno vicino al fiume Magra. Ma il problema non è solo questo: le polveri disperse, secondo quanto lamentato, si andrebbero a depositare sul bucato e sui campi coltivati. Sono stati richiesti degli accertamenti per controllare che non ci siano pericoli per la salute degli abitanti, chiamando in causa anche l’Arpa, l’Asl e la procura di La Spezia. Dai primi risultati si è notato che i valori di amianto sono superiori a quelli massimi stabiliti dalla legge. Infatti Salvatore Garau, presidente del Comitato frazione di Senato (un ente che unisce gli abitanti di Lerici con le frazioni vicine), afferma che «sono presenti da 2.300 a 3.000 milligrammi per chilo, contro i 1.000 consentiti dalla legge. E nei cicli di lavorazione vengono periodicamente prodotti quintali di fanghi tossici». Dalla parte dei cittadini c’è anche il sindaco di Lerici Emanuele Fresco, il quale sostiene che «se ci sono seri problemi per la salute l’impianto si dovrà chiudere, si dovrà bonificare il sito e le spese dovranno essere a carico di chi ha inquinato». Il presidente del parco, Walter Baruzzo, crede che si dovrebbe spostare l’impianto perché «incompatibile con l’area protetta». Alcuni abitanti, però, stanno decidendo di trasferirsi perché «non si può vivere dove si respira amianto».

Note:

Per segnalare gli abusi si può chiamare il numero 02.43313552, oppure scrivere a telefonogiallo@edgm.it , o ancora ad Airone/Telefono giallo, corso Magenta 55, 20123 Milano.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)