Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Siti geologici per le scorie nucleari

Sito nucleare USA Yucca Mountain, certificazoni contraffatte

Carte false per il sito Usa per le scorie nucleari. Grande imbarazzo ai vertici del Dipartimento dell'Energia
24 marzo 2005
Federazione Verdi
Fonte: http://www.verdi.it - 22 marzo 2005

Qualcosa a Yucca Mountain non sta andando per il verso giusto. Nelle montagna del Nevada scelta dagli Stati Uniti come sito geologico definitivo per le scorie nucleari, qualcuno potrebbe aver fatto carte false.

A denunciare le anomalie è stato il dipartimento dell’Energia, che ha scoperto una serie di e-mail scambiate fra i tecnici del servizio geologico che potrebbero provare l’esistenza di gravi omissioni e irregolarità nelle procedure che hanno stabilito la sicurezza del sito.

Dalle e-mail emerge che alcuni strumenti usati per misurare le condizioni interne alla montagna sono stati usati prima della procedura di calibro e addirittura prima ancora la strumentazione stessa fosse effettivamente disponibile. Altri strumenti risultano essere stati usati per mesi interi senza essere mai stati calibrati. Non è ancora chiara la dimensione e la gravità di queste falsificazioni, ma sembra sempre più credibile l’ipotesi che a Yucca Mountain siano stati creati dei dati ad arte relativi alla sicurezza.

Il segretario per l'energia Samuel W. Bodman non si è lasciato andare in descrizioni dettagliate, ma ha precisato di essere “molto turbato” e che il dipartimento molto altro materiale per verificare l’eventuale esistenza di ulteriori falsi.

I documenti contraffatti riguardano gli studi sulla possibilità che il sito geologico possa realmente essere un luogo sicuro per le migliaia di anni necessari a far decadere la radioattività delle scorie.

Yucca Mountain è un massiccio montuoso localizzato a circa 160 chilometri da Las Vegas. Sono stati necessari più di vent’anni e migliaia di documenti per arrivare ad indicarlo come sito adatto ad accogliere le scorie nucleari dell’industria civile e bellica in maniera definitiva. Mentre perduravano forti perplessità nella comunità scientifica, nel 2002 l’amministrazione Bush ha dato comunque il via libera ai lavori che dovrebbero terminare nel 2010.




Redazione
22 marzo 2005

Articoli correlati

  • Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".
    Pace
    Precisazione riguardante l’ipotesi di sanzioni UE contro gli USA e l’UK

    Our Voice: "Chi perseguita Julian Assange va colpito con sanzioni, purché mirate".

    Il movimento Our Voice (www.ourvoice.it) approva la richiesta di sanzioni contro gli USA e l’UK per i loro continui abusi contro il giornalista Julian Assange: “E’ una provocazione”, dice, “utile per evidenziare i doppi standard dell’UE”. Ma aggiunge che le sanzioni richieste devono essere mirate.
    9 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange
    Pace
    Basta con la criminalizzazione dell’editore di Wikileaks!

    Sanzionare gli USA e l’UK per le loro violazioni dei diritti umani di Julian Assange

    Attivisti statunitensi e italiani residenti a Roma hanno chiesto all’UE di sanzionare gli USA e il Regno Unito per i loro atti persecutori contro Julian Assange: detenzione arbitraria, tortura psicologica, censura – misfatti regolarmente sanzionati dall'UE quando a commetterli sono regimi autoritari
    7 ottobre 2021 - Patrick Boylan
  • Lettera a Virginio Bettini. A un anno dalla sua scomparsa
    Cultura
    In Memoria di Virginio Bettini

    Lettera a Virginio Bettini. A un anno dalla sua scomparsa

    È occorso parecchio tempo per preparare il tuo libro postumo perché come tu ci hai chiesto, necessitava dei contributi di due tuoi cari compagni. Il primo contributo di Maurizio Acerbo e il secondo di Paolo Ferrero
    21 settembre 2021 - Laura Tussi
  • Carla Fracci: la grande étoile era una testimonial contro il nucleare
    Pace
    Una donna per la pace

    Carla Fracci: la grande étoile era una testimonial contro il nucleare

    Ricordiamo il suo impegno civile per la messa al bando delle armi nucleari. Leggeva poesie il 6 agosto per ricordare Hiroshima e Nagasaki.
    28 maggio 2021 - Patrizia Sterpetti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)