Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Greenpeace pronta all'attacco

L'Islanda riapre la caccia alle Balene

19 ottobre 2006
Salvatore Barbera

Lavoratore in islanda impegnato a lavorare una carcassa di balena

Dopo quasi 18 anni di moratoria, il Governo islandese ha deciso di consentire la caccia alle balene nelle proprie acque territoriali. Si tratta di una quota di 30 balene minori e 9 balene comuni. Quest'ultime - in particolare - a dispetto del loro nomi, sono in grave pericolo d'estinzione.
Greenpeace, che si batte contro la caccia alle balene sin dal 1975, si è mossa subito. Da ieri è on line una petizione nella quale Greenpeace si impegna a sostenere l'ecoturismo in Islanda, chiedendo in cambio di non riprendere le attivtà di caccia.

Ad oggi nel paese sono presenti 12 compagnie di whale watching per un giro d'affari stimato nel 2001 in 8,5 milioni di dollari. Per un piccolo paese come l'Islanda il turismo costutisce un importante risorsa e un'industria in forte crescita.

"I turisti vanno in Islanda per osservare le balene, non per vederle squartate dai balenieri, tanto più che non c'è mercato per questa carne mentre il profitto che viene dall'ecoturismo è molto più elevato. Una balena vale più da viva che da morta" afferma Alessandro Giannì, responsabile mare di Greenpeace.

L'idea di Greenpeace di utilizzare l'ecoturismo come materia di scambio è nuova: già tre anni fa l'Islanda aveva provato a riaprire la caccia alle balene, ma fu fermata da 70.000 potenziali turisti che avevano risposto all'appello di Greenpece.

Note: Trovate la Cyber Action di Greenpeace qui: http://oceans.greenpeace.org/en/stop-icelandic-whaling
http://www.greenpeace.org/italy/news/caccia-balene-islanda
http://oceans.greenpeace.org/en/stop-icelandic-whaling

Articoli correlati

  • Come 14 milioni di automobili
    Disarmo
    L'impatto ambientale della militarizzazione in Europa

    Come 14 milioni di automobili

    E' stato pubblicato uno studio pioneristico ma parziale, per via della mancanza di dati in questo ambito, e che getta un primo allarmante sguardo sul reale impatto ambientale delle attività militari. Gli autori si sono concentrati su 6 stati dell'Unione Europea, tra cui l'Italia.
    12 marzo 2021 - Francesco Iannuzzelli
  • Educazione e Ambiente 
    Ecologia
    Esperienze didattiche

    Educazione e Ambiente 

    L'amore e l'interesse per la natura sono stati la forza motrice del progetto "Educazione e ambiente", un viaggio nel quale i miei colleghi e io ci siamo confrontati all’unisono. È servito a stimolare numerose discussioni pedagogiche e ha incoraggiato l’applicazione di diverse teorie educative.
    7 dicembre 2020 - Laura Tussi
  • Perché la tecnologia 5G e perché piace tanto al mondo militare?
    Disarmo

    Perché la tecnologia 5G e perché piace tanto al mondo militare?

    Unione Europea e NATO devono collaborare e convincere i loro stati membri a sviluppare la tecnologia 5G
    4 ottobre 2020 - Rossana De Simone
  • Punta Izzo e tutela delle coste, 6 domande agli aspiranti Sindaco
    Disarmo
    Per un'informazione civile che vada oltre spot e comizi senza contraddittorio

    Punta Izzo e tutela delle coste, 6 domande agli aspiranti Sindaco

    Sono 5 i candidati in corsa per la poltrona di Sindaco alle elezioni municipali di Augusta del 4 e 5 ottobre. A loro gli attivisti di Punta Izzo Possibile hanno rivolto 6 domande sui temi della tutela del paesaggio e del patrimonio costiero. Beni comuni primari da difendere.
    19 settembre 2020 - Gianmarco Catalano
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)