Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

IO MI RIFIUTO!

Lettera di un rifiuto urbano al commissario Bertolaso
16 maggio 2007
Gianluca Ferrara

Caro dottor Bertolaso,
le scrivo questa lettera perché ultimamente non si fa altro che parlare di “gente” come me. Sento da tutte le parti, in TV, sui giornali, alla radio, parlare di rifiuti solidi urbani (anche se io sono della provincia), umidi, ecc…
Io sono un semplice rifiuto misto di periferia, precisamente della zona occidentale di Napoli, e sono diversi giorni che giaccio qui circondato da tanti miei colleghi. Devo dire che, a parte il rischio di essere schiacciato dalla ruota di qualche macchina o sventrato dai denti di qualche mostruoso roditore o essere bruciato da qualche incosciente, devo dire che qui non me la passo male.
Però, e qui esprimo il motivo per cui le scrivo, di recente ho sentito che volete cacciarci, spostarci… Ieri mattina, un mio collega, tutto orgoglioso, mi ha detto che lei vuole trasferirci in un’oasi, addirittura protetta dal WWF! Io ovviamente non gli ho creduto, a chi verrebbe in mente un’idea simile! Ho concluso che il mio vicino è il solito pazzo megalomane che circola in certi ambienti, però questo pomeriggio, ho sentito un altro sacchetto dire la stesa cosa...
Vede, caro dottor Bertolaso, qualora dovesse essere vera questa balzana notizia, io la ringrazio di cuore per questo pensiero, per questo suo “riconoscimento”, ma io non posso assolutamente accettare; io mi rifiuto di dimorare in un’oasi!
Lei leggendo, a questo punto penserà: <<Ma guarda che ingrato!>>. No, la mia non è ingratitudine, ma se lei veramente decidesse di portare “gente” come me in un posto così incantevole come ho sentito dire sia Serre, ci metterebbe in imbarazzo. Ci metterebbe in difficoltà! Lei salirebbe al Quirinale vestito di stracci e maleodorante ad un ricevimento organizzato dal Presidente della Repubblica? Io proverei un disagio simile! Cosa direi se la sera a venire a punzecchiare la mia ruvida pellaccia ci fosse un uccello raro o un simpatico scoiattolo, invece che una “zoccola” di dieci chili? Immagino che gli adorabili animaletti si ammalerebbero e questo non lo posso accettare, come non posso accettare che il nostro “aroma” si propagherebbe nell’aria coprendo quello dei fiori.
Io mi rifiuto di andare a Serre, ma mi rifiuto di andare anche a Terzigno, nel Parco Nazionale del Vesuvio, e se poi quello si dovesse arrabbiare ed iniziare a sputare fuoco? Lo sa che poi la “monnezza” bruciata fa male da respirare? Questo lo dovrebbe spiegare pure a quelli che ci vogliono gettare nell’incerenitore che in realtà temo che fino ad oggi stia bruciando solo i soldi di chi paga le tasse.

Caro dottor Bertolaso, un consiglio che mi permetto di darle, visto che in queste settimane avete sentito la versione di tutti tranne che quella dei diretti interessati, è quello di imitare ciò che stanno facendo in altri paesi, cioè di non creare proprio rifiuti ibridi come lo sono io, ma quello di differenziare in modo da poter poi riciclare. Dicono che creerebbe pure occupazione, e da queste parti non farebbe male. Per noi, invece, sarebbe un modo per non morire e anche per non uccidere…

Quindi, seppur ringraziandola per il suo “pensiero”, la prego di registrare il mio categorico rifiuto.
Saluti cordiali.
Un rifiuto solido urbano

Articoli correlati

  • PeaceLink Abruzzo

    A Maggio l'Arap chiese lo stop

    Appello delle associazioni: bloccate l’attuale procedimento, l’Ente ci comunica che in 3 mesi non ci sono state novità
    29 agosto 2018 - Arci Vasto, Cobas Chieti, Gruppo Fratino Vasto, Italia Nostra del Vastese, Stazione Ornitologica Abruzzese, Associazione Antimafie Rita Atria, PeaceLink Abruzzo
  • PeaceLink Abruzzo
    Verso l'importazione stabile dei rifiuti da fuori regione?

    Rifiuti in Abruzzo, privati subito all'attacco del nuovo Piano Regionale

    Proposta una nuova mega-discarica da ben 480.750 mc a Cupello non prevista dal Piano; le associazioni depositano durissime osservazioni alla V.I.A.
    29 agosto 2018 - PeaceLink Abruzzo, Associazione Antimafie Rita Atria, Stazione Ornitologica Abruzzese, Nuovo Senso Civico Onlus
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca
    Editoriale

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Abruzzo e mafie, quando si scuoteranno (e muoveranno) le coscienze?
    PeaceLink Abruzzo

    Abruzzo e mafie, quando si scuoteranno (e muoveranno) le coscienze?

    Le recenti parole di Claudio Fava, vicepresidente della Commissione parlamentare antimafia, sembrano calzare perfettamente anche alla nostra Regione: le mafie ci sono ma si preferisce troppo spesso non vedere, non cercare, girare la testa dall’altro. Per cullarsi nell’inganno dell’isola felice
    26 gennaio 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.26 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)