Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Omero e le ragioni dei vinti

    La pace, il lato femminile dell'Iliade

    Nonostante l'Iliade possa apparire come un "monumento alla guerra", ha al suo interno un desiderio di pace espresso dalle donne
    Alessandro Baricco
  • Il caso Posco in India
    Un'acciaieria rifiutata dalla popolazione

    Il caso Posco in India

    L’aumento dei costi per l’investimento iniziale, associati alla crescita globale della produzione di acciaio e al conseguente crollo dei prezzi, ha dissuaso la Posco a continuare ad insistere sul progetto di Odisha, convincendo invece il gruppo coreano a rivolgere la propria attenzione verso altre regioni ed opportunità.
    3 marzo 2016 - Cinzia Marzo
  • Le donne, acqua nel deserto. Come le mimose...
    Recensione al nuovo libro di Ketty Carraffa:

    Le donne, acqua nel deserto. Come le mimose...

    Quattro storie dedicate alle vittime di ogni forma di violenza
    31 luglio 2015 - Laura Tussi
  • COORDINAMENTO DONNE per la PACE - Presentazione Libri

    COORDINAMENTO DONNE per la PACE - Presentazione Libri

    Vi presenteremo i libri e Vi mostreremo i nostri manufatti e, attraverso la loro vendita, sosterremo le associazioni che intervengono nei campi profughi in Siria
    18 giugno 2014 - Laura Tussi
terraterra

Stupefacenti ingegneri solari scalzi. E donne

17 luglio 2007 - Marinella Correggia
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Chennamma e Yelamma facevano le spaccapietre nello stato indiano dell'Andhra Pradesh. Difficile immaginare un lavoro più duro, un simbolo più adatto a indicare l'ingiustizia mondiale nella distribuzione della fatica.
Ma le storie di riscatto esistono. Adesso, le due ex spaccapietre praticamente analfabete lavorano come «ingegneri solari scalzi». Nei loro colorati sari di cotone assemblano e manutengono lampade fotovoltaiche, aiutando a illuminare in modo sostenibile i villaggi dell'Andhra Pradesh, zone che hanno conosciuto la tragedia dei tanti suicidi per disperazione fra i contadini. Chennamma e le altre si sono anche consorziate nella Women Barefoot Engineers Association (Wbsea). Di lavoro ce n'è: dei 586.000 villaggi indiani, oltre 140.000 devono ancora essere elettrificati e soprattutto in aree remote è costoso e difficile far arrivare i cavi. Il sole invece c'è ovunque. L'Andhra Pradesh Tribal Power Company, creata dal governo dello stato per realizzare progetti energetici nelle zone tribali, ha commissionato alla Wbsea la fornitura di energia solare nei villaggi di Pusalapalem e Thamingula, per oltre 120 nuclei familiari. Ogni unità è in grado di far accendere due lampadine, un ventilatore e perfino una tivù in bianco e nero per cinque ore al giorno. Il costo dell'installazione e quello ricorrente della manutenzione è così basso che ottanta famiglie hanno pagato sull'unghia, 18 in parte e le altre hanno contratto un prestito con il comitato di villaggio per l'energia e l'ambiente. Chennamma e le altre hanno inoltre formato donne del posto per la manutenzione; e guadagnano abbastanza bene per questo genere di lavori che il settore pubblico affida loro.
Ma com'è avvenuto il miracolo? Le donne hanno imparato a fabbricare collegare e installare sistemi solari a basso costo e piccoli circuiti solari nei laboratori della Social Work Research Unit del Barefoot College (potremmo tradurre: università a piedi scalzi) di Tilonia, Rajasthan. Il College è un centro di formazione per il miglioramento della vita rurale che dal 1972 insegna in India e in altri paesi a persone anche analfabete tecnologie innovative in molti settori essenziali - energia solare, raccolta di acqua piovana, potabilizzazione, educazione delle ragazze, salute e igiene, habitat, lavoro, preservazione comunitaria degli ecosistemi. Come spiegano gli stessi animatori del College (www.barefootcollege.org), «crediamo che la soluzione ai problemi rurali risieda nelle comunità», e «il nostro è un posto dove non si danno lauree e certificati perché nello sviluppo rurale non ci sono esperti titolati ma solo persone capaci di fare. Si spendono miliardi di dollari ogni anno in nome dei poveri e dei servizi di base a cui essi hanno diritto per soddisfare bisogni vitali. Ma organizzazioni, istituti, donatori occupano a questo scopo persone delle città e laureate che costano moltissimo» (molto di più se sono «esperti» di pelle bianca, ndr); «in questo modo ci sarà sempre l'interesse a mantenere le popolazioni rurali nella povertà, per poter perpetuare questo business che alimenta migliaia di posti di lavoro. E invece, esistono nei villaggi moltissime persone la cui saggezza, sapere, competenze non sono identificati né aiutati perché non hanno un'istruzione formale». Nell'uso dell'energia solare per l'illuminazione, la cottura dei cibi, il riscaldamento dell'acqua, fra i tanti destinatari dei corsi ci sono stati cinque villaggi afgani. Ogni villaggio ha selezionato i futuri «ingegneri» (anche tre donne, un fatto straordinario!) e li ha mandati a imparare per sei mesi in India. Sono tornati e tornate e in un mese hanno realizzato 5 laboratori e 124 case elettrificate. Così anche in Afghanistan è nata l'associazione degli ingegneri scalzi.
Il campus del College (che ha anche sedi decentrate) è stato realizzato negli anni '80 con materiali locali ed economici sotto la responsabilità di Bhanwar Jat, contadino analfabeta di Tilonia, e da 12 altri «architetti di villaggio».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)