Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

A Caserta partono i monitoraggi sulle diossine

Lotta ai tumori: al via il monitoraggio delle aree inquinate

"Si indagherà sulla presenza di solventi organici aromatici ed idrocarburi clorurati nelle acque di falda e per lo studio preliminare sulla presenza di diossine in campioni ambientali ed alimentari sul territorio comunale".
2 gennaio 2008
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- L'amministrazione comunale di Marcianise dichiara guerra all'inquinamento del territorio, in tutte le sue forme. Nell'ultima giunta, infatti, sono state approvate tre convenzioni con il dipartimento di Scienze ambientali della Sun, diretto dal professor Antonio D'Onofrio.

Obiettivi: il monitoraggio dei campi elettromagnetici, l'avvio di un'indagine sui livelli di radioattività di campioni di acqua di falda e di suoli superficiali e la valutazione della qualità dell'aria ai fini della pianificazione degli interventi della pubblica amministrazione contro l'inquinamento. Altre due convenzioni, poi, sono state stipulate con il dipartimento di Chimica della Seconda Università di Napoli, per indagare sulla presenza di solventi organici aromatici ed idrocarburi clorurati nelle acque di falda e per lo studio preliminare sulla presenza di diossine in campioni ambientali (acque, suoli, ceneri di rifiuti, fogliame) ed alimentari sul territorio comunale. Entrambi gli studi saranno eseguiti dal professor Mario Iuliano, responsabile della ricerca nel dipartimento. Nella stessa seduta, è stato approvato anche lo schema di convenzione con la cooperativa «Galeno» per lo studio dei dati di incidenza delle patologie tumorali maligne all'interno del comune.

L'iniziativa fa seguito agli incontri tenuti dalla commissione tecnica comunale «Unità di crisi ambientale- sanitaria», di cui fa parte il dottor Guido Bernardi, in qualità di rappresentante della cooperativa Galeno, costituita da 42 medici. Scopo del progetto sarà quello di raccogliere ed elaborare i dati di prevalenza e di incidenza di patologie tumorali maligne su un campione di abitanti residenti nel comune di Marcianise, stratificati per sesso e per età.

«L'amministrazione comunale — spiega il sindaco Filippo Fecondo — intende avviare una grande campagna di studio sullo stato di salute della città, per la quale investiremo più di centomila euro.

Queste ricerche ci consegneranno un esame attento e dettagliato sulle condizioni ambientali del nostro territorio, offrendoci la possibilità di intervenire in modo serio e efficace sulle fonti di inquinamento».

Articoli correlati

  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
  • Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina
    Taranto Sociale
    Per qualcuno l'amore per la terra è una vocazione

    Una figlia racconta l'amore per la terra di suo padre che poi ha dovuto combattere la diossina

    Don Angelo Fornaro è il proprietario della Masseria Carmine, una delle sette danneggiate dalla diossina. E' presente a tutte le udienze del processo "Ambiente svenduto" che deriva anche da un suo esposto. Il 13 luglio 2019 ha compiuto 85 anni e sua figlia ha voluto raccontare la sua storia.
    21 luglio 2019 - Rosanna Fornaro
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)