Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Il certificato dell´Inail: il primo per la fabbrica di pneumatici

Bridgestone, morto per amianto

Riconosciuto il nesso tra il male e il luogo di lavoro. Ma altri 13 operai denunciano l´ente infortunistico per i ritardi "Bridgestone, morto per amianto". Il certificato dell´Inail: il primo per la fabbrica di pneumatici L'azienda "tutte le norme sulla sicurezza sono state sempre rispettate
5 gennaio 2008
Fonte: Repubblica

Il problema Amianto "Si certifica che il signor Benedetto Piscazzi è affetto da malattia professionale causata da esposizione all'amianto". Poche righe per una comunicazione privata, ma molto importante per tutti gli ex operai della Bridgestone Firestone, la fabbrica di pneumatici con sede alla zona industriale di Bari.

Il certificato è stato spedito a casa dell´ex dipendente, a Cassano, dall´Inail che ha per la prima volta riconosciuto a un lavoratore della Bridgestone il nesso tra esposizione all´amianto e un mesotelioma pleurico che poi lo ha portato alla morte.

L´uomo, deceduto alcuni anni fa, era elettricista per una ditta esterna che lavorava esclusivamente nella Bridgestone e per 25 anni ha prestato la sua opera negli ambienti di lavorazione della fabbrica. Ai suoi eredi, oggi, l´istituto riconosce così il diritto alla concessione dei benefici previdenziali, come previsto dalla legge 271/93, che detta le linee per l´ottenimento dei benefici pensionistici a fronte dell´esposizione.

Ma l´Inail viene tirata in ballo anche da 13 ex operai, che ieri si sono presentati in procura per denunciare l´istituto, responsabile, a loro dire, di non aver dato seguito alla richiesta del riconoscimento di accesso ai benefici previdenziali, o di averlo fatto con «grave ritardo». I 13 di ieri si sommano ad altri otto che nelle scorse settimane hanno depositato altrettanti esposti nei confronti dell´Inail.

«Noi abbiamo fatto i nostri accertamenti e prima di Natale - commenta il direttore regionale Alfredo Violante - abbiamo ricevuto una delegazione di lavoratori, dando loro disponibilità a esaminare nuovamente i nostri orientamenti sulla base della nuova documentazione presentata. Abbiamo chiesto loro il tempo per visionarla, prendiamo atto che ora stanno perseguendo la strada giudiziaria. In presenza di un intervento della procura, l´Inail non potrà che astenersi da ogni decisione e aspettare la magistratura».

E il procuratore capo, Emilio Marzano, si dovrà occupare anche di un´altra denuncia, presentata sempre ieri da un uomo di 69 anni nei confronti dei rappresentanti della Bridgestone. Michele Basile, che ora è assistito dall´avvocato Patrizia Dibari (come tutti gli altri dipendenti che si sono rivolti alla magistratura) ha lavorato per 17 anni nei reparti taglio tele e vulcanizzazione.

Tre anni dopo essersi dimesso, ha scoperto di avere un adenocarcinoma gastrico, a causa del quale gli è stato asportato l´intero stomaco: «Mio padre ha inalato per tanti anni l´amianto, oltre alle sostanze tossiche della gomma - spiega Angela, una delle figlie - Si è salvato grazie al medico di famiglia che ha voluto vederci chiaro, perché lui aveva solo un leggero mal di stomaco. Sì, è vero, oggi è vivo e lo abbiamo ancora con noi, ma sopporta ogni giorno disagi enormi. Finora abbiamo lasciato perdere, ora vogliamo giustizia per la vita che conduce».

E sulle accuse mosse, l'azienda precisa: «La Bridgestone conferma il costante rispetto delle normative sulla sicurezza e che tutte le indagini ambientali svolte non hanno mai evidenziato anomalie».

Articoli correlati

  • Quante Lilian nelle nostre strade? E quante coscienze sporche rivestite?
    PeaceLink Abruzzo

    Quante Lilian nelle nostre strade? E quante coscienze sporche rivestite?

    Quante sofferenze, dolori, lacrime vengono soffocati dai più schifosi aguzzini della nostra società perbenista e ipocrita, quanti mercanti di morte quotidianamente continuano a lucrare e prosperare?
    16 dicembre 2019 - Alessio Di Florio
  • Arcelor Mittal: Usb denuncia azienda per mancata sicurezza lavoro
    Taranto Sociale
    Amianto

    Arcelor Mittal: Usb denuncia azienda per mancata sicurezza lavoro

    La denuncia è stata presentata “dopo aver constatato la presenza di dispersione di amianto in una zona in cui operavano diversi lavoratori nello stabilimento di Taranto di ArcelorMittal”. Nel capannone - dice l’Usb - c'erano lavoratori delle ditte in appalto che hanno operato ignari dell'accaduto.
    3 aprile 2019 - AGI
  • Studentessa di Mediazione Interculturale picchiata da uno studente italiano
    Migranti
    E' accaduto ieri a Bari

    Studentessa di Mediazione Interculturale picchiata da uno studente italiano

    Domani manifestazione di solidarietà davanti al municipio di Bari. La notizia è nella pagina Facebook degli Studenti Stranieri Università di Bari
    31 gennaio 2019 - Redazione PeaceLink
  • Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia
    PeaceLink Abruzzo

    Terremoto 2009, non c’è memoria senza giustizia

    Nel novembre 2009, grazie all’associazione Kabawil e all’Abruzzo Social Forum, Hebe de Bonafini a nome delle Madres de Plaza de Mayo incontrò i familiari delle vittime della Casa dello Studente. Le Madres hanno insegnato al mondo che memoria fa rima con giustizia, che non c’è vera memoria senza giustizia. E’ quel che hanno testimoniato nell’Argentina post dittatura. E’ quello che, nell’infinita notte mai giunta all’alba e rimasta ferma alle 3.32 del 6 aprile 2009, che L’Aquila, l’Abruzzo e tutti i territori teatri di “tragedie” impongono.
    6 aprile 2017 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.34 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)