Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Prima riunione al ministero

La centrale elettrica della Ferriera chiede l'Aia a Roma

Il Comune ha fatto intendere che già piega verso un parere negativo. L’azienda ha ora 30 giorni per controdedurre. Primo incontro ieri a Roma all’Agenzia per la tutela del territorio e del mare del ministero dell’Ambiente al fine di esaminare la procedura per il rilascio dell’Autorizzazione integrata ambientale (Aia)
17 gennaio 2008 - Gabriella Ziani
Fonte: Il Piccolo di Trieste

Ferriera Lucchini Primo incontro ieri a Roma all’Agenzia per la tutela del territorio e del mare del ministero dell’Ambiente al fine di esaminare la procedura per il rilascio dell’Autorizzazione integrata ambientale (Aia) ad Elettra, la centrale di cogenerazione collegata alla Ferriera che produce energia bruciando i fumi di scarto dell’impianto siderurgico e che gode - nell’ambito della politica nazionale per la produzione di energia rinnovabile - degli incentivi statali denominati Cip 6, che avranno durata fino al 2015, e ai quali la Lucchini ha già legato i tempi di sopravvivenza economica dello stabilimento di Servola.

Per Elettra la certificazione ambientale è di competenza del ministero, per la Ferriera è regionale: l’Aia è stata deliberata dalla giunta regionale a fine 2007, col «no» del Comune. E lo stesso assessore comunale Maurizio Bucci era ieri a Roma assieme a due funzionari della Provincia e al dirigente regionale Pierpaolo Gubertini per prendere visione del piano di Elettra. «Il documento - dice Bucci - è risultato ampiamente carente, ne hanno preso atto anche i funzionari del ministero, già a questo punto sono state depositate ben 37 osservazioni e richieste di integrazione».

I punti critici?

«Non si tiene conto dell’inquinamento acustico e delle vibrazioni di cui invece i residenti si lamentano molto, e non è nemmeno previsto un piano di emergenza ambientale». Non solo, Bucci afferma di aver scoperto che «Elettra scarica a mare 120 megawatt termici per raffreddare così i macchinari, c’è scritto che ’’tanto nel golfo non ci sono pesci’’, inoltre si produce anche gas compresso, praticamente abbiamo già una sorta di rigassificatore calcolando gli effetti negativi sul mare».

Bucci rincara: «Per avere i benefici Cip 6 bisogna riciclare almeno il 60 per cento dei fumi negativi, invece risulta che Elettra usa il 55 per cento di gas metano, quindi si tratta - afferma l’assessore - di un business grosso e non in linea con la legge».

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)