Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

Ferriera, in autunno le nuove analisi

Dopo l’estate verranno sottoposti al test delle urine anche gli altri 50 operai della cokeria esclusi dai controlli del novembre 2007 Patussi: «Non esiste un limite normativo e di carattere tecnico dell’esposizione professionale» La prima tranche di esami ha rilevato superamenti solo del valore medio della creatinina
18 aprile 2008 - Maddalena Rebecca
Fonte: Il Piccolo di Trieste

Acciaieria Servola Partirà indicativamente all’inizio dell’autunno la seconda fase del monitoraggio biologico sui lavoratori della cokeria di Servola. La nuova tranche di analisi interesserà una cinquantina di operai, quelli non sottoposti agli esami delle urine lo scorso novembre, e permetterà di scattare una fotografia complessiva sui livelli di esposizione a sostanze potenzialmente cancerogene come benzene e benzoapirene. Obiettivo finale verificare, e se necessario integrare, le indicazioni emerse dalla prima parte dello studio, illustrata proprio l’altro giorno a proprietà e sindacati. Uno studio, precisano l’Azienda sanitaria, che non ha assolutamente prodotto risultati allarmanti per i lavoratori.

«Le analisi non hanno evidenziato livelli di assorbimento di idrocarburi policiclici aromatici superiori alle soglie di legge - precisa Valentino Patussi, responsabile del Dipartimento di prevenzione e sicurezza del lavoro dell’Ass 1 -. Attualmente, infatti, non esiste un limite normativo e tecnico indicato per l’esposizione professionale.

Esiste soltanto un riferimento, 0,7 microgrammi per grammo di creatinina (un metabolita che evidenzia l’assorbimento di idrocarburi ndr), che corrisponde al valore medio riscontrato nella popolazione italiana. Valore che dipende anche da fattori come l’assunzione di cibi cotti alla piastra, ad esempio carni o pizza, dall’abitudine al fumo di tabacco e dall’utilizzo di riscaldamento a legna».

Il superamento dei valori medi, anche se sensibile come nel caso dei sei lavoratori impegnati nelle mansioni più a rischio in cui è stato rilevata una concentrazione di 7,33 microgrammi per grammo di creatinina, non corrisponde automaticamente ad un aumento dei rischi per la salute. «Quelli rilevati sono indicatori di esposizione e non di danno o di malattia - spiega ancora Valussi -. Non ci sono correlazioni certe tra l’assorbimento di inquinanti che hanno effetto cancerogeno e la probabilità di ammalarsi.

Il fatto che un lavoratore abbia concentrazioni più elevate, significa essenzialmente che è più esposto a benzene e benzoapirene. Questo vuol dire che è proprio nel suo reparto che dovremo intervenire a livello di prevenzione. Lo scopo delle analisi era proprio questo: riuscire ad avere, per la prima volta, un quadro chiaro della situazione all’interno della cokeria per poi calibrare e orientare gli interventi successivi».

La stessa filosofia, precisa ancora l’Azienda sanitaria, ha ispirato anche l’indagine ambientale all’interno della Ferriera, condotta attraverso 10 centraline fisse e 3 mobili del Cnr e una fissa dell’Arpa, che hanno effettuato tre rilevazioni quotidiane di otto ore per monitorare le concentrazioni di idrocarburi nell’aria.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)