Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Lo comunica l'assessore all'Ambiente della Provincia Stefano Arrighini

Monitoraggio delle diossine a Prato

Dalle analisi sul terreno valori dieci volte sotto il limite di legge.
Pratoblog

Prato, 18 febbraio 2010 - L'assessore all'Ambiente della Provincia Stefano Arrighini ha risposto ieri pomeriggio nel corso del Consiglio provinciale a una domanda d'attualità presentata dal gruppo consiliare PdL sull'impianto di incenerimento dei rifiuti di Montale e sul monitoraggio riguardo la presenza di diossine nel territorio.
Simbolo di pericolosità


L'assessore ha chiarito subito che il monitoraggio è diretto da un tavolo estremamente competente composto dalle autorità ambientali e sanitarie delle province di Pistoia e Prato. Il tavolo da molti mesi ha messo in atto uno scrupoloso programma di monitoraggio, con l'assistenza anche di esperti esterni che rappresentano strutture di grande autorevolezza scientifica come l'Istituto Superiore di Sanità.

Al momento è stato già concluso il programma di rilevamento dei terreni, attraverso una griglia di 38 punti di prelievo vasta e articolata sia in area pistoiese che pratese (in particolare nel Comune di Montemurlo) anche in zone molto lontane dalle aree di ricaduta, in modo da stabilire un confronto per i punti più vicini all'impianto e per quelli più critici, segnalati dal modello diffusionale di ricaduta dei fumi. Tutti i campioni analizzati, anche quelli delle aree più a rischio, sono quasi dieci volte inferiori al limite imposto dalla legge per le aree residenziali e quindi ampiamente nella norma.

L'altra parte del programma, ha proseguito Arrighini, riguarda la presenza di diossine e PCB nelle matrici biologiche, dagli aghi di pino fino ai polli, dove si verifica l'accumulo delle diossine. Si tratta di una indagine più complessa perché quasi tutte le diossine che si trovano in un organismo provengono da ingestione e non da inalazione. Ciò significa che l'accumulo dipende dall'alimentazione e non è immediatamente collegabile al territorio. In ogni caso i risultati avuti finora non destano alcun allarme, quelli definitivi si avranno entro l'anno.

L'assessore ha concluso ricordando che i dati sulla diffusione delle malattie scientificamente collegate agli effetti della diossina a Montemurlo sono assolutamente nella norma sia provinciale che regionale. La guardia comunque va tenuta alta e il tavolo ha un ruolo fondamentale, perché in caso di necessità è in grado di fornire ai sindaci, che rappresentano l'autorità sanitaria, gli elementi necessari per eventuali provvedimenti.

Articoli correlati

  • Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA
    Laboratorio di scrittura
    In risposta ad un appello su Sbilanciamoci

    Luciana Castellina e gli ambientalisti di Taranto "poco consapevoli" sull'ILVA

    Si parla di "giustificata resistenza dei lavoratori (il “meglio morti per cancro che di fame” degli operai Italsider di Taranto) a chi – ambientalisti poco consapevoli – insistono per drastiche chiusure di stabilimenti senza preoccuparsi per le conseguenze sociali che possono derivarne”.
    20 ottobre 2020 - Alessandro Marescotti
  • Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato
    Ecologia
    Come le polveri degli elettrofiltri MEEP, contenenti piombo e diossina, fecero il giro dell'Italia

    Onore a quell'operaio ILVA che ha parlato

    Ci raccontò che quelle "polveri velenose" erano state vendute e poi mescolate - da una società con tanto di partita IVA - a interiora di animali e raspi d'uva. Trasformate in palline, venivano poi rivendute come fertilizzante in tutt'Italia.
    1 giugno 2020 - Alessandro Marescotti
  • “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”
    Ecologia
    Le polveri degli elettrofiltri

    “Ilva ha venduto le polveri velenose come concimi”

    Le indagini della Finanza: fatture per la vendita dei rifiuti trattenuti dai filtri ad aziende che producono fertilizzanti
    Francesco Casula e Antonio Massari
  • PeaceLink
    Si è formato sui testi di Marx ma ha poi approfondito la nonviolenza di Gandhi

    Alessandro Marescotti, una vita per l’ambiente

    Da anni è impegnato nella battaglia di informazione e denuncia del disastro sanitario e ambientale di Taranto e della sua provincia. Un impegno iniziato quando per la prima volta scoprì che l’acciaieria Ilva emetteva diossina
    Gino Martina
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)