Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

L'ambiente e la prevenzione non hanno prezzo

Salute bene indisponibile

Con la campagna elettorale riappaiono i fantasmi che delegittimano l'operato degli ambientalisti
24 marzo 2012 - Maurizio Portaluri (medico chirurgo Brindisi)
Fonte: generazione60.blogspot.it - 14 marzo 2012

ambiente salute

In un suo recente intervento su Nuovo Quotidiano il prof Federico Pirro ha sostenuto che le associazioni ambientaliste esercitano a Brindisi un «non ammissibile diritto di veto sul futuro industriale dello sviluppo cittadino».

Per il docente di storia industriale dell’Università di Bari le associazioni ambientaliste, non avendo ricevuto un mandato elettorale, non possono opporsi all’industrializzazione o meglio al protrarsi di un certo modo di fare industria sul territorio brindisino. La critica contiene l’invito implicito a misurarsi in campagna elettorale per ottenere la necessaria, a parer suo, legittimazione.

Il dott. Michele di Schiena ha fornito sulle stesse pagine una risposta sul piano giuridico e politico agli argomenti di Pirro, ricordando che l’opposizione al rigassificatore è stata unanimemente approvata dai consigli comunale, provinciale e regionale, che la libertà di esprimere e diffondere opinioni da parte di cittadini singoli ed associati trova legittimazione nella Costituzione e che il denunciato diritto di veto in realtà non esiste.

La tesi di Pirro in effetti è un fantasma. Il primo di una serie che sicuramente i poteri forti operanti sul territorio, in combinazione con settori politici e sindacali amici, metteranno in campo nei prossimi due mesi di campagna elettorale. I fantasmi servono a spaventare e quale migliore strumento della paura, per governare masse spesso non pienamente consapevoli della complessa realtà delle situazioni in discussione! La paura di pericoli inesistenti è un potente strumento di controllo sociale: paura del default, dell’art. 18 e, venendo al nostro tema, della chiusura delle fabbriche inquinanti a causa degli ambientalisti. Questo indistinto “nemico del futuro industriale” che sono gli ambientalisti diventa il “capro espiatorio” della crisi del sistema industriale incapace, da decenni ormai a Brindisi, di soddisfare l’offerta di lavoro e contrastare l’emigrazione lavorativa.

Un simile meccanismo (o dispositivo, per dirla con i sociologi) si mette in moto anche con le più recenti notizie diffuse dalla LNG sull’abbandono del progetto rigassificatore la cui responsabilità ricade sempre sugli ambientalisti. Sicuramente un fantasma si genererà per la dispersione di carbone sui terreni e nelle case degli agricoltori abitanti nei pressi della centrale di Cerano. E chissà cos’altro ancora.

A parere di chi scrive l’ambientalismo oltre ad essere una definizione indistinta e funzionale alla creazione del “capro espiatorio” è una ideologia che nasce in ambito capitalistico operando una disgraziata separazione tra salute e ambiente. Sembrerà incredibile ma la tesi del prof Pirro è una delle tesi dell’ambientalismo egemone, quello che inaugurato alla fine degli anni ’70 da Friedman, teorizza la necessità di regolare l’inquinamento affidandosi alla legge del mercato. I suoi principi sono: l’ambiente deve avere un costo, le responsabilità sono dei consumatori che non rinunciano ai consumi, non si deve applicare il "comando-controllo" pubblico sulle emissioni industriali, le regolamentazioni devono avvenire tramite "mercato", "chi inquina paga" (poco, e intanto può inquinare) ed infine la tesi del prof Pirro, I "Comitati" dei cittadini prevaricano la politica.

Una vera svolta si potrebbe avere solo ponendo al centro la questione salute, non nel modo di questi giorni, in cui si invocano “leggi per Taranto” e “leggi per Brindisi”, medicazioni tardive per le vittime e profittevoli per l’industria sanitaria, come quella della green-economy, gestita sempre dagli stessi capitani che hanno causato le epidemie, ma nel senso della vera prevenzione, come allontanamento delle nocività dagli uomini.
Ponendo l’accento sulla salute, principio fondamentale sancito della Costituzione, non c’è più margine di negoziazione per qualsiasi classe politica o delega a negoziare: si tratta di un diritto indisponibile.

Se gli uomini, le donne, i lavoratori, e soprattutto i bambini in carne ed ossa con il loro diritto alla salute diventeranno indisponibili alla trattativa tra la politica e l’industria, i fantasmi si dissolveranno e verrà fuori la concreta realtà. Spandere veleni sui lavoratori e sui bambini sarà forse una violenza involontaria e discreta ma ugualmente cruenta ed intollerabile.
Scriveva Giuseppe Dossetti, politico e poi monaco: “quando i poteri pubblici violano le libertà fondamentali e i diritti garantiti dalla Costituzione, la resistenza all’oppressione è un diritto e un dovere del cittadino”. Ed il teologo pastore Dietrich Bonhoffer, morto in campo di concentramento: “Quando un pazzo lancia la sua auto sul marciapiede, io non posso, come pastore, contentarmi di sotterrare i morti e consolare le famiglie. Io devo, se mi trovo in quel posto, saltare e afferrare il conducente al suo volante."

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)