Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Il caso Posco in India
    Un'acciaieria rifiutata dalla popolazione

    Il caso Posco in India

    L’aumento dei costi per l’investimento iniziale, associati alla crescita globale della produzione di acciaio e al conseguente crollo dei prezzi, ha dissuaso la Posco a continuare ad insistere sul progetto di Odisha, convincendo invece il gruppo coreano a rivolgere la propria attenzione verso altre regioni ed opportunità.
    3 marzo 2016 - Cinzia Marzo
  • Alta tensione fra Italia e India: il caso AgustaWestland-Finmeccanica
    casi F-35 e M346

    Alta tensione fra Italia e India: il caso AgustaWestland-Finmeccanica

    i costi di sostentamento, il consumo di carburante o di energia, la manutenzione, la sostituzione e l’aggiornamento delle attrezzature o parti, il materiale di consumo e lo smaltimento, risultano superiori al costo dell’acquisizione del sistema d’ama
    25 marzo 2013 - Rossana De Simone
  • Incontrollato e insanabile, l'abuso sessuale sui minori in India

    Incontrollato e insanabile, l'abuso sessuale sui minori in India

    Episodi di abusi sessuali sui minori si verificano ovunque, ma in India la reazione ufficiale è sul serio una parte del problema
    7 febbraio 2013 - Heather Timmons
  • I miliardari del gruppo italiano Riva potrebbero chiudere il loro più grande stabilimento

    I miliardari del gruppo italiano Riva potrebbero chiudere il loro più grande stabilimento

    Una delle famiglie più ricche d’Europa sta fronteggiando una potenziale catastrofe dopo essere stata accusata di immettere nell'aria delle tossine che provocano il cancro ed avere visto confiscati quasi 2 miliardi di dollari in beni da parte di un giudice italiano
    26 gennaio 2013 - Kambiz Foroohar e Chiara Remondini

India: il movimento Chipko per la preservazione delle foreste

L'origine di un movimento di lotta per la sopravvivenza radicalmente nonviolento e guidato dalle donne contadine
2 febbraio 2014
Fonte: © womeninworldhistory.com

Una antica leggenda indiana racconta di una ragazza, Amrita Devi, che morì cercando di proteggere gli alberi che circondavano il suo villaggio.
Nel racconto i taglialegna del locale Maharajah giungono con l'intenzione di tagliare gli alberi dei contadini, per ricavarne il legno per costruire una nuova fortezza. In alcune versioni della leggenda gli sforzi drammatici degli abitanti del villaggio riescono ad impedire la distruzione della foresta; in altre versioni Amrita muore nel generoso tentativo.

Questa storia ispirò le azioni di un gruppo di donne - in massima parte contadine, che negli anni '70 lanciarono in India simili spettacolari forme di protesta.

Per le donne contadine, preservare l'ambiente è cruciale per la sopravvivenza economica. In quanto raccoglitrici dei principali alimenti, del legname per il fuoco, e dell'acqua, le donne hanno forti interessi nell'invertire i processi di deforestazione, desertificazione, e inquinamento dell'acqua. Le donne che con grandi sforzi si guadagnano da vivere nelle valli Himalayane, utilizzando le foreste come fonti di cibo, legname, e foraggio per i propri animali, sono messe di fronte a una sfida particolarmente severa. L'Himalaya, un complesso montuoso giovane e soggetto a erosione, necessita di foreste sui suoi ripidi pendii per consentire l'assorbimento dell'acqua e prevenire le alluvioni. La disintegrazione delle foreste Himalayane cominciò più di un secolo fa. Negli anni '60, lo sforzo dell'India per lo sviluppo economico nazionale spianò sempre più alberi, al fine di esportare il legno per ottenere in cambio valuta estera. Il suolo collinare fu dilavato, causando frane, alluvioni e accumulo di sedimenti nei fiumi a valle delle colline. I raccolti e perfino le case vennero distrutti, le donne furono costrette ad andare a cercare sempre più lontano il legname, il foraggio e l'acqua.

In fin dei conti, furono le donne le maggiori vittime delle politiche di deforestazione dell'India.

Contro queste dannose politiche di deforestazione nacque un movimento chiamato Chipko. "Chipko" in Hindi significa "aggrapparsi", ad indicare la principale tecnica delle protestatarie: abbracciare gli alberi destinati ad essere tagliati, e rifiutare di muoversi. La partecipazione delle donne al movimento può essere rintracciata in una remota cittadina collinare dove a un imprenditore nel 1973 era stata data l'autorizzazione statale ad abbattere 3000 alberi per una fabbrica di articoli sportivi. La zona era stata già pericolosamente spogliata. Nel momento in cui era previsto che arrivassero i taglialegna, gli uomini furono attirati fuori dal villaggio con una scusa, lasciando le donne a casa a sbrigare le incombenze domestiche. Appena apparvero i taglialegna, risuonò un allarme e la donna a capo del villaggio, una vedova cinquantenne, radunò ventisette donne e insieme corsero nella foresta. Le donne supplicarono i taglialegna, chiamando la foresta la loro "casa materna", e spiegando le conseguenze del taglio degli alberi. I taglialegna, tra le grida e con violenza, minacciarono le donne con le armi. Le donne a loro volta minacciarono di abbracciare gli alberi contrassegnati e di morire con essi. E funzionò! I lavoratori fiaccati nel morale se ne andarono, l'imprenditore recedette dal suo proposito. Nel 1974, alcune donne di un'area vicina usarono la stessa tecnica di abbracciare gli alberi per protestare contro lo spianamento delle foreste delle loro terre. E nel 1977, in un' altra area, le donne legarono sacri nastri intorno agli alberi destinati a morire.. un gesto simbolico nel costume Hindu, che indica il legame delle relazioni fratello-sorella. Dichiararono che i loro alberi sarebbero stati preservati anche a costo delle loro vite.

Donne del movimento Chipko in India discutono la deforestazione

Negli anni '80 le idee del movimento Chipko si diffusero, spesso tra donne che ne parlavano nei luoghi di raccolta dell'acqua, sui sentieri dei villaggi, e nei mercati. Le donne decisero che non erano impotenti; c'erano azioni che potevano prendere e un movimento che le avrebbe supportate. Furono create canzoni e slogan.

In una l'imprenditore dice:

"Voi stupide donne di paese, lo sapete che cosa fruttano queste foreste?
Resina, legno, e tanta valuta straniera!"

Le donne rispondono:

"Sì, lo sappiamo. Cosa fruttano le foreste?
Terra, acqua, ed aria pura,
terra, acqua, ed aria pura."

Come azione organizzata, il movimento Chipko ha avuto un certo successo.

Qualche volta ha ottenuto moratorie attraverso decreti governativi o battaglie giudiziarie; talvolta ha organizzato il reimpianto degli alberi nelle aree vicine alle abitazioni dei villaggi. Nel 1987 il movimento Chipko fu prescelto per un "Premio per il Diritto alla Sussistenza", noto come il premio "Nobel alternativo". Il premio fu giustamente meritato per questo piccolo movimento dominato dalle donne che era diventato una campagna nazionale per la preservazione delle foreste.

 

Tradotto da Fabio Petrosillo per PeaceLink . Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)