Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
  • Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    Abruzzo, non è la 'ndrangheta che mancava, è la coscienza diffusa che manca

    La recente scoperta di una vera e propria rete ‘ndranghetista, che ha cercato di dominare e opprimere la città di Francavilla e il circondario, è l’ultima (in ordine di tempo) dimostrazione che l’Abruzzo “isola felice” (come già scritto mesi fa) esiste solo nelle menti ipocrite di chi non vuol vedere, di chi vuol cullarsi in una pax borghese e disinteressata alle sorti comuni. La realtà dell’Abruzzo è questa da tantissimi anni.
    4 marzo 2017 - Alessio Di Florio
  • Bonificare conviene
    Analisi costi/benefici

    Bonificare conviene

    Gli studi economici e sanitari di Carla Guerriero sulle bonifiche dei siti inquinati
    Liliana Cori, Fabrizio Bianchi
  • PeaceLink pubblica i nuovi dati del disastro ambientale
    Conferenza stampa di PeaceLink del 28 ottobre 2016

    PeaceLink pubblica i nuovi dati del disastro ambientale

    Sotto l'Ilva c'è cromo esavalente cancerogeno, ed è finito nelle acque di falda. Necessaria e inderogabile la messa in sicurezza d'emergenza dell'area
    28 ottobre 2016 - Redazione Peacelink
Note dell'avvocato Stefano PALMISANO

Rifiuti. Bonifiche e decreto "Destinazione Italia"

"Destinazione ignota. Di sicuro, lontano dall’Europa". L'autore di queste note mette in luce la distanza del decreto dagli obiettivi Europei
26 dicembre 2014 - Lidia Giannotti

Sul sito http://lexambiente.it/rifiuti/179-dottrina179/10217-rifiuti-bonifiche-edecreto-qdestinazione-italiaq.html  è possibile leggere questo approfondimento in tema di bonifiche di Sin, mentre si interveniva con le norme di un decreto-legge. Per "SIN" si intende "siti d'interesse nazionali"; sono territori la cui contaminazione ambientale è di particolare rilevanza, tanto da prevederne per legge la bonifica ambientale (a volte è accaduto molti anni fa, come per le aree di Brindisi e di Taranto dichiarate SIN dal 1998, ma ancora non bonificate). 

Il decreto "Destinazione Italia"è stato convertito definitivamente in legge pochi giorni dopo l'articolo dell'avvocato Palmisano (D.L. 23 dicembre 2013, n. 145, convertito in legge n. 9 del 21 febbraio 2014).

PER L'EUROPA, IL RISCHIO AMBIENTALE VA FERMATO

L'estrema distrazione in Italia su temi importanti come il disinquinamento di territori contaminati - forse una conseguenza della distrazione di amministratori a lungo inadempienti e approssimativi, quando non addirittura corrotti - potrebbe rendere possibile qualche equivoco su ruoli e responsabilità ricoperti, rispettivamente, dal nostro Paese e dall'Unione Europea.  E' meglio, quindi, sottolineare che l'art. 191 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea (TFUE) stabilisce che “la politica dell'Unione in materia ambientale mira a un elevato livello di tutela". E' una politica fondata sui principi della precauzione e dell'azione preventiva, sul principio della correzione, in via prioritaria alla fonte, dei danni causati all'ambiente, nonché sul principio «chi inquina paga”. 

Purtroppo, a conclusione di questo approfondimento sul decreto "Destinazione Italia", l'autore è indotto invece a sostenere che, "quando mai fosse possibile, questo provvedimento serve a portare l’Italia ancora più lontano dall’Europa".  Di seguito, alcuni stralci.

Alcuni siti contaminati (bonifiche ENI)

RIFIUTI. BONIFICHE E DECRETO "DESTINAZIONE ITALIA"

di Stefano PALMISANO 

Nella logica classica si chiama “principio di non contraddizione”: non si può affermare, con riferimento allo stesso oggetto e contemporaneamente, una certa proposizione e un’altra di segno contrario alla prima, pretendendo che entrambe siano vere allo stesso tempo. E, soprattutto, pretendendo che chi ascolti ci creda.

In ambito giuridico, la trasposizione di quell’assunto si chiama “principio di unitarietà dell’ordinamento”: le varie branche di un sistema normativo devono esser tra loro armonizzate nei fini, devono, cioè, perseguire gli stessi complessivi obiettivi di politica del diritto, per quanto di rispettiva competenza dei vari ambiti del sistema stesso. 

Nello scorso dicembre, il Governo ha emanato il decreto 145\2013, che lo stesso Esecutivo e i suoi tecnici, con intuizione redazionale impregnata di odeporica creatività (un po’ viaggio di Gulliver un po’ metafora jheringhiana), hanno battezzato, restando evidentemente seri, “piano Destinazione Italia”. 

All’art. 4 (rubricato brillantemente “Misure volte a favorire la realizzazione delle bonifiche dei siti di interesse nazionale”, sic!), comma primo, che sostituisce una norma (l’art. 252 bis) del Testo Unico Ambiente (c.d. “TUA”, ossia il D. Lvo 152\2006), si legge che il Ministero dell’ambiente e quello dello sviluppo economico, d’intesa con le altre amministrazioni dello Stato competenti, “possono stipulare accordi di programma con uno o più proprietari di aree contaminate o altri soggetti interessati ad attuare progetti integrati di messa in sicurezza o bonifica, e di riconversione industriale e sviluppo economico produttivo in siti di interesse nazionale individuati entro il 30 aprile 2007 ai sensi della legge 9 dicembre 1998, n. 426, al fine di promuovere il riutilizzo di tali siti in condizioni di sicurezza sanitaria e ambientale, e di preservare le matrici ambientali non contaminate.”

A leggere quella disposizione, ma soprattutto i commi successivi alla stessa, però, qualche mente irredimibilmente preda di sindrome dietrologica potrebbe esser colta dal vago sospetto che gli obiettivi delle “condizioni di sicurezza sanitaria e ambientale, e di preservare le matrici ambientali non contaminate” non costituiscano precisamente quella che si definisce “ratio legis”, ossia il principio ispiratore del provvedimento legislativo. O, quantomeno, che quegli obiettivi non si vogliano perseguire in un contesto di legalità, per non dire di serietà, nazionale e comunitaria, come si vedrà appresso.  

Difatti, già dal testo su citato emerge che non si va tanto per il sottile ecologico pur di raggiungere il “fine di promuovere il riutilizzo di tali siti”, a partire dal primo elemento soggettivo riportato: “proprietari o altri soggetti”, a prescindere dal livello di responsabilità dei medesimi nella contaminazione (...)

(...) da rammentare il disposto di chiusura, una sorta di logico corollario, di questa gemma di tutela ambientale integrata:  “6. L'attuazione da parte dei soggetti interessati degli impegni di messa in sicurezza, bonifica, monitoraggio, controllo e relativa gestione, e di riparazione, individuati dall'accordo di programma esclude per tali soggetti ogni altro obbligo di bonifica e riparazione ambientale e fa venir meno l'onere reale per tutti i fatti antecedenti all'accordo medesimo.” (...)

Fasano, 8\2\2014

Per leggere l'articolo integrale: http://lexambiente.it/rifiuti/179-dottrina179/10217-rifiuti-bonifiche-edecreto-qdestinazione-italiaq.html.

Note:

Il testo del decreto 145/2013, convertito in legge n. 9/2014
http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto-legge:2013-12-23;145!vig=

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.7 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)