Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Le norme anti-covid e anti-inquinamento entrano in palese contrasto

Wind-day a Taranto, polveri ILVA sulla città ma le finestre delle scuole vengono aperte per il Covid

Il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente sottolinea che è preciso dovere del sindaco dichiarare la necessità di fermare dell'area a caldo dell'ILVA. Per combattere il Covid che si diffonde nelle scuole va fermata la produzione inquinante che fa salire il PM10 nelle aule che vanno arieggiate.
7 ottobre 2020
Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto

COMUNICATO STAMPA Polveri sulla città 4 luglio 2020 durante una tempesta di vento

Ai sensi del Piano contenente le prime misure di intervento per il risanamento della qualità dell'aria nel quartiere Tamburi (TA) per gli inquinanti PM10 e benzo(a)pirene, approvato con DGR n. 1944 del 02/10/2012, e dei connessi adempimenti previsti a carico delle Aziende interessate, l'Arpa Puglia ha comunicato che domani, 8 ottobre 2020, è previsto un "wind-day".

In caso di "wind-day" l'ASL di Taranto ha predisposto delle raccomandazioni in cui invita la popolazione, esposta alle emissioni dell’area industriale, ad attenersi alle misure di precauzione indicate nell’apposito documento ufficiale della ASL sui “wind-days” che a pagina 10 riporta quanto segue: "Si consiglia ai soggetti particolarmente sensibili di programmare eventuali attività sportive all'aperto nelle ore in cui i livelli di inquinamento sono inferiori, ovvero fra le ore 12 e le 18. Arieggiare gli ambienti chiusi negli stessi orari".

Tali raccomandazioni dovrebbero essere recepite dal Sindaco di Taranto, massimo responsabile della salute pubblica, e trasformate in indicazioni operative per le scuole. In base a quanto raccomandato dalla ASL, il Sindaco di Taranto dovrebbe dare indicazione di arieggiare i locali scolastici dalle ore 12 alle ore 18 durante i "wind-day". Ciò al fine di ridurre il PM10 nelle aule scolastiche che, ricordiamo, è classificato come cancerogeno dalla IARC (Agenzia Internazionale Ricerca sul Cancro) nella classe 1 (cancerogeno certo) e non dovrebbe superare, per le linee guida dell'OMS, i 20 mcg/m3 come media annua.

E' importante notare che le sopra citate raccomandazioni della ASL - in merito al ricambio di aria negli ambienti chiusi - scattano a partire dai 26 mcg/m3 per gli "individui particolarmente sensibili", fra i quali la ASL cita espressamente i bambini.

Quindi durante l'orario scolastico il sindaco dovrebbe dare istruzioni di non effettuare il ricambio di aria per poter ridurre il PM10. Ma questo entra in contrasto con la normativa anti-Covid che viceversa prevede una costante azione di ricambio dell'aria per evitare eventuali contagi dovuti al ristagno.

Il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente chiede al Sindaco di Taranto di porre la questione in termini ufficiali dichiarando in contrasto le norme sul Covid con le norme sui "wind-days". Chiede di conseguenza al Sindaco di Taranto, in quanto massimo responsabile della salute pubblica, di dichiarare l'ILVA incompatibile con la tutela della salute pubblica, in particolar modo nelle scuole esposte contemporaneamente al rischio Covid e al rischio PM10.

Il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente chiede al Sindaco di Taranto che vengano forniti in tempo reale i dati del PM10 ai cittadini mediante Internet, come ormai sancito dalla normativa europea, in modo che egli stesso possa avere un riscontro immediato del livello di pericolosità del PM10. Attualmente il Sindaco e i cittadini conoscono i dati del PM10 solo il giorno dopo, quando non è più possibile applicare le raccomandazioni della ASL in maniera appropriata e puntuale.

Il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente fa presente al Sindaco di Taranto che la copertura dei parchi minerali ha ridotto il sollevamente e lo spostamento delle polveri grossolane ma non il PM10 che è originato dai processi produttivi dell'area a caldo. Questo evidenzia come l'area a caldo vada chiusa e il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente di Taranto ribadisce che la produzione dell'area a caldo vada fermata immediatamente, dando anche attuazione al sequestro penale dell’area a caldo posto in essere dalla magistratura nel 2012 e mai annullato. 

Il Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente sottolinea che è preciso dovere del sindaco adoperarsi per il fermo dell'area a caldo, ribadendolo in ogni sede e con ogni mezzo a sua disposizione. Egli deve dichiarare l'incompatibilità degli inquinanti emessi dall'area a caldo con la salute pubblica e porsi alla testa di cittadini che a Taranto da tempo lo richiedono.

Per il Comitato Cittadino per la Salute e l’Ambiente a Taranto

Massimo Castellana

con le seguenti associazioni

  • Associazione PeaceLink (Alessandro Marescotti)
  • Comitato Quartiere Tamburi (Giuseppe Roberto)
  • Donne e Futuro per Taranto Libera (Lina Ambrogi Melle)
  • Genitori Tarantini (Cinzia Zaninelli)
  • LiberiAmo Taranto (Maria Arpino)
  • Lovely Taranto (Antonella Coronese)

Articoli correlati

  • Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto
    Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile
    Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma
    Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe
    Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)