Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Ricerca sui lavoratori ILVA di Taranto e sui cittadini esposti all'inquinamento

Frammentazione del DNA dello sperma: un marker precoce e affidabile dell'inquinamento atmosferico

I risultati della ricerca dimostrano che sia i lavoratori dell'acciaieria sia i pazienti che vivono in un'area altamente inquinata mostrano una percentuale media di frammentazione del DNA dello sperma superiore al 30%, evidenziando un evidente danno allo sperma
5 gennaio 2021

I fattori ambientali potrebbero avere un ruolo chiave nel continuo e notevole declino della qualità dello sperma osservato negli ultimi decenni. Questo studio ha confrontato i parametri seminali e il DFI spermatico (DNA fragmentation index) negli uomini che vivono in aree con diversi livelli di inquinamento atmosferico. I risultati dimostrano che sia i lavoratori dell'acciaieria che i pazienti che vivono in un'area altamente inquinata mostrano una percentuale media di frammentazione del DNA dello sperma superiore al 30%, evidenziando un evidente danno allo sperma. In questo lavoro, sono state utilizzate due diverse tecniche per misurare il danno al DNA spermatico nei gruppi di pazienti, riscontrando in entrambi i casi un DFI spermatico elevato nei pazienti che vivono in aree inquinate. Reputiamo la frammentazione del DNA dello sperma come un prezioso indicatore precoce della presenza e degli effetti nocivi dell'inquinamento. Suggeriamo che la valutazione del DNA spermatico possa essere sia un indicatore della salute individuale e della capacità riproduttiva, sia un dato adatto per collegare l'ambiente circostante con i suoi effetti.

Liana Bosco, Tiziana Notari, Giovanni Ruvolo, Maria C Roccheri, Chiara Martino, Rosanna Chiappetta, Domenico Carone, Giosuè Lo Bosco, Laura Carrillo, Salvatore Raimondo, Antonino Guglielmino, Luigi Montano 

autori della ricerca

Sperm DNA fragmentation: an early and reliable marker of air pollution

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/29448163/

Environmental Toxicology and Pharmacology 2018 Mar;58:243-249.
doi: 10.1016/j.etap.2018.02.001. Epub 2018 Feb 7

Spermatozoi

Articoli correlati

  • Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto
    Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile
    Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma
    Taranto Sociale
    Lettera al Ministro della Transizione Ecologica Roberto Cingolani

    Richiesta di fermo batteria 12 cokeria ILVA per mancata messa a norma

    E' stato autorizzato uno scenario emissivo (6 milioni di tonnellate annue di acciaio) a cui corrisponde un rischio cancerogeno inaccettabile. Tutto ciò è acclarato dalla nuova VDS (Valutazione Danno Sanitario) sarà segnalato alla Procura della Repubblica
    15 giugno 2021 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe
    Ecologia
    Produzione ILVA a Taranto

    Anche 6 milioni di tonnellate di acciaio sono troppe

    E adesso come faranno ad autorizzare 8 milioni di tonnellate/anno se già 6 mettono a rischio la salute della popolazione? Arpa Puglia, Aress e Asl fanno i calcoli ed emerge ciò che era ovvio. La VIIAS del 2019 aveva dato rischio sanitario inaccettabile a 4,7 milioni di tonnellate/anno di acciaio.
    20 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)