Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

Gli Stati Uniti e le "comunità da sacrificare".

Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili

I nostri pozzi sono così inquinati che ora la nostra tribù deve comprare l'acqua. I popoli nativi convivono con minacce vecchie e nuove del petrolio e del gas che contaminano il suolo, i fiumi, le falde acquifere e l'aria. Ciò accresce la crisi climatica e impatta sulla salute.
7 gennaio 2021
Casey Camp-Horinek (attivista di Indigenous Rights of Natur)
Tradotto da Maria Pastore per PeaceLink

Casey Camp Horinek_ ph. Divina M. Photography

Nella mia tribù muore una persona ogni settimana a causa dei combustibili fossili, questo non è progresso, è un genocidio ambientale. I nostri pozzi sono così inquinati che ora la nostra tribù deve comprare l'acqua. La nostra terra è così impregnata di sostanze tossiche che il cibo biologico non può essere coltivato entro le 16 miglia.

Il viaggio della mia famiglia dalle nostre terre d'origine a quello che sarebbe diventato l'Oklahoma avvenne nel 1877. Mio nonno aveva otto anni. Centinaia di tribù sono state costrette a questi "Sentieri delle lacrime".
Milioni di persone non sono sopravvissute al viaggio e chi ce l'ha fatta è stato devastato nello spirito e nella cultura; tutto questo è parte della nostra memoria genetica. Così anche la nostra conoscenza ancestrale di vivere in equilibrio con la Terra e la filosofia di prendersi cura delle prossime sette generazioni a venire.

Il movimento "Landback" sta guadagnando il riconoscimento che merita, le statue razziste e i nomi stereotipati delle squadre sportive stanno scomparendo.
In mezzo a questi progressi, tuttavia, l' amministrazione Trump, i singoli Stati e l'industria dei combustibili fossili stanno tentando il più grande accaparramento di terre indigene dal 1830, anno dell'Indian Removal Act.
Il tempo utile per migliorare le condizioni del pianeta si sta esaurendo mentre gli americani vengono distratti dalla continua saga delle elezioni e le morti da Covid-19. L'industria dei combustibili fossili sta concludendo accordi per il controllo delle terre indigene con l'amministrazione uscente di Trump e i suoi alleati del Partito Repubblicano al Congresso.
Dai ghiacci dell'Alaska alle paludi del Bayou, i popoli nativi convivono con minacce vecchie e nuove del petrolio e del gas che contaminano il suolo, i fiumi, le falde acquifere e l'aria. Tutto questo accresce la crisi climatica e ha un impatto diretto sulla salute delle popolazioni. Siamo considerati "comunità da sacrificare".
L'Oklahoma è diventato uno Stato dipendente dai combustibili fossili. Oggi ospita la più grande convergenza al mondo di vecchi oleodotti e gasdotti e migliaia di terremoti causati dall'uomo a causa del fracking. Nella mia piccola tribù Ponca, teniamo un funerale quasi ogni settimana per malattie legate ai combustibili fossili. Tutte le nostre famiglie hanno più casi di asma, malattie cardiovascolari e tumori specifici di questo inquinamento.

Nel luglio 2020, sembrava che il cambiamento fosse vicino. In una decisione storica, la Corte Suprema ha ribadito che gran parte dell'Oklahoma orientale rientra nelle riserve indiane. Conosciuta come la sentenza McGirt, ha avuto implicazioni di vasta portata, inclusa la riaffermazione della sovranità tribale sulla legislazione ambientale.
Ma l'annullamento di una tale vittoria è stato progettato 15 anni fa.
A pochi giorni dal decreto della Corte Suprema, in consultazione con la Petroleum Alliance of Oklahoma, il governatore Kevin Stitt ha svelato che nel 2005, il senatore Inhofe aveva allegato abbastanza facilmente una postilla a un disegno di legge federale per le autostrade che conferisce allo Stato e all'EPA (Agenzia statunitense per la protezione dell'ambiente) autorità ambientale sui nostri territori.
Ad agosto, la pandemia di Covid aveva chiuso la maggior parte degli uffici in tutto lo Stato. I nostri rappresentanti sono stati informati per posta che avevano pochi giorni per "commentare" l'acquisizione dell'EPA. In violazione del nostro diritto al libero consenso preventivo e informato, l'amministratore dell'EPA, Andrew Wheeler, ha riferito che le tribù erano state "consultate", invece non è quello che è accaduto, ma l'affare è stato concluso.
Non è tutto, no. Il governatore Stitt vuole ottenere ancora molto altro.
Rivelato in uno slogan al Congresso chiamato "One Oklahoma", Stitt sta lavorando per spogliare le 39 tribù riconosciute a livello federale della nostra sovranità intrinseca. Questo piano apre la strada a un ulteriore sviluppo di petrolio e gas. È co-firmato da un certo numero di alleati di Trump, in particolare il "padrino del fracking", il multimiliardario Howard Hamm di Continental Resources, una delle più grandi compagnie petrolifere indipendenti della nazione. Minaccia di cancellare i nostri diritti dai trattati, il nostro patrimonio e la nostra cultura - e di dare vita così a un modello su come cancellare i diritti dei popoli nativi in ​​tutto il Paese.

Dopo tutto, non siamo esseri umani che proteggono la natura; siamo la natura, che protegge se stessa.

La lotta per i diritti degli indigeni non è mai stata così importante per tutta l'umanità.
Non è un caso che oltre l'80% delle foreste e della biodiversità intatte rimanenti nel mondo siano nelle mani degli indigeni. Siamo leader mondiali dei movimenti verdi, compresi i "diritti della natura" che garantiscono una legittimazione legale agli ecosistemi. La mia tribù, con l'aiuto di gruppi come Movement Rights, è stata la prima negli Stati Uniti a riconoscere che la natura - di cui gli umani fanno parte - ha il diritto legale di esistere e rigenerare i suoi cicli vitali.

Nel 2016 quando centinaia di migliaia si sono uniti ai popoli indigeni nella Riserva di Standing Rock "Mni Wiconi", o "Water is Life", è entrato nel lessico americano. Siamo venuti per impedire che il gasdotto DAPL passasse sotto il fiume Missouri, per proteggere l'acqua sacra per conto di sei tribù e 17 milioni di americani a valle. Molti di noi hanno affrontato i cannoni ad acqua della polizia a temperature gelide; siamo stati feriti, arrestati, numerati con pennarelli sulle braccia e tenuti in gabbie per cani. Il mio numero era 138. Il numero di mio figlio era 4838.
Dopo Standing Rock, molti Stati incluso l'Oklahoma hanno approvato leggi che puniscono il semplice protestare contro le attività legate ai combustibili fossili. Il 27 ottobre 2020 a Standing Rock 141 membri della tribù Ponca sono stati arrestati mentre cercavano pacificamente di fermare il Dakota Access Pipeline.

Metteremo sempre in gioco i nostri corpi per proteggere la fonte di tutta la vita, la Terra e le generazioni future. Le soluzioni per un futuro verde basato sul vivere in equilibrio con la Terra esistono già e le popolazioni indigene le conoscono. Combatteremo in tribunale, al Congresso, firmando petizioni e in prima linea.
Abbiamo bisogno che tu ti unisca a noi. Dopo tutto, non siamo esseri umani che proteggono la natura; siamo la natura, che protegge se stessa.

Note: Casey Camp-Horinek è una anziana ambasciatrice ambientale per la Ponca Nation of Oklahoma e guida le campagne di Movement Rights Oklahoma e Indigenous Rights of Nature.
Tradotto da Maria Pastore per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.

Articoli correlati

  • Giustizia climatica: come contrastare l'emergenza climatica attraverso il diritto
    Ecodidattica
    Cambiamenti climatici e giustizia climatica

    Giustizia climatica: come contrastare l'emergenza climatica attraverso il diritto

    Le questioni climatiche vanno comprese e agite in chiave di cittadinanza globale per espandere i diritti umani in una prospettiva di tutela delle generazioni future, e delle aree più povere del pianeta
    16 luglio 2021 - Daniele Marescotti
  • Una sentenza storica per Vicky
    Latina
    Honduras

    Una sentenza storica per Vicky

    Corte interamericana condanna l'Honduras per l'omicidio di attivista trans, Vicky Hernández, attivista del collettivo Unidad Color Rosa, uccisa durante le prime ore del 28 giugno 2009, mentre nel paese era in corso un sanguinoso colpo di stato.
    1 luglio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Grave regressione dei diritti delle donne
    Latina
    Honduras

    Grave regressione dei diritti delle donne

    Proibizione dell’aborto e del matrimonio egualitario scolpita nella pietra
    22 gennaio 2021 - Giorgio Trucchi
  • Liuba, le altre e i figli da buttare via
    Sociale
    Donne che non hanno paura

    Liuba, le altre e i figli da buttare via

    A volte la discriminazione è più sottile, e non è meno grave. Ma ascoltare quello che Liuba è costretta a subire, con altre donne dipendenti della multinazionale dell'abbigliamento Yoox, fa accaponare la pelle
    10 dicembre 2020 - Lidia Giannotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)