Ecologia

Lista Ecologia

Archivio pubblico

L'azienda siderurgica vuole rimuovere il vincolo di 24 ore per la distillazione del coke

In TV parlano di decarbonizzazione e poi vogliono aumentare gli sfornamenti di carbon coke

Opposizione di PeaceLink alla richiesta di cambiamento peggiorativo del piano ambientale dello stabilimento ILVA di Taranto da parte di Acciaierie d'Italia. Lettera al ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani per negare l'aumento degli sfornamenti accorciando i tempi di cottura
6 dicembre 2021
Associazione PeaceLink

Al Ministro Roberto Cingolani


Oggetto: opposizione di PeaceLink alla richiesta di cambiamento dell'Autorizzazione Integrale Ambientale dell'ILVA da parte di Acciaierie d'Italia "Taranto non si arrende"

Egregio Ministro,

sul sito del Ministero della Transizione Ecologica è stata pubblicata la richiesta di Acciaierie d'Italia volta a ottenere l'autorizzazione ad un maggior numero di sfornamenti di carbon coke dalle batterie attualmente in uso.
E' una richiesta che ci ha lasciato allibiti in quanto è una evidente modifica peggiorativa dell'autorizzazione integrata ambientale dell'ILVA del 2012 che fissa a 24 ore il tempo di distillazione del coke. Acciaierie d'Italia chiede di essere autorizzata a ridurre i tempi di distillazione del carbon coke. Una riduzione dei tempi di distillazione porta necessariamente a far marciare più rapidamente i forni e questo provoca tecnicamente un incremento delle emissioni. Tale modifica richiesta da Acciaierie d'Italia riguarda la cokeria, uno degli impianti più critici e inquinanti dello stabilimento ILVA, da cui fuoriescono sostanze notoriamente cancerogene come il benzene e gli idrocarburi policiclici aromatici.
Nell'Autorizzazione Integrata Ambientale del 2012 c'era una norma molto importante che, allungando il tempo di distillazione del coke a 24 ore, rallentava i ritmi di produzione della cokeria. Se venisse accettata la richiesta di Acciaierie d'Italia, i ritmi di produzione ritornerebbero ad essere accelerati e le tre batterie della cokeria in funzione produrrebbero per quattro, aggirando il recente stop della batteria 12. Riducendo le ore di cottura del coke verrebbero aumentati gli sfornamenti e con essi le famigerate emissioni di sostanze cancerogene della cokeria.
Stiamo assistendo sbigottiti a questo tentativo di allentare i vincoli dell'autorizzazione ambientale del 2012. L'ingresso dello Stato nell'azienda, così facendo, riduce le tutele ambientali invece di aumentarle, esponendo lavoratori e cittadini a ulteriori rischi sanitari inaccettabili che si sommerebbero a quelli certificati nella VDS (Valutazione Danno Sanitario) e nella VIIAS (Valutazione Integrata di Impatto Ambientale e Sanitario). E mentre si chiacchiera in televisione di idrogeno e di decarbonizzazione, l'unica cosa a cui assistiamo è l'esatto contrario. Lo Stato non punta all'eliminazione del carbone, dato che si chiede proprio di far produrre al massimo l'impianto della distillazione del carbone, ossia la cokeria, anche per evitare l'acquisto di carbon coke e per ridurre le perdite di esercizio. Lo Stato entra nell'azienda facendo il passo sbagliato, puntando sul carbone e mandando un pericoloso segnale in controtendenza rispetto agli impegni sui cambiamenti climatici, dato che lo stabilimento siderurgico tarantino è la massima fonte di CO2 in Italia, che brucia il gas di cokeria e di altoforno nelle sue centrali termoelettriche. Per ogni tonnellata di acciaio attualmente lo stabilimento produce circa due tonnellate di CO2, ed è gravissimo.
Il presidente di Acciaierie d'Italia Franco Berbabe aveva detto: «Pronti da subito per la decarbonizzazione». Ma questo annuncio non vale nulla se si ritorna a far marciare la cokeria a ritmi accelerati.
Signor Ministro, il suo ministero è stato ribattezzato "Ministero della Transizione Ecologica" ma questa definizione entra in netto contrasto con questa richiesta di modifica dell'autorizzazione integrata ambientale dello stabilimento siderurgico di Taranto che, se approvata dal Suo ministero, diverebbe il lasciapassare per nuove emissioni cancerogene e climalteranti. Signor ministro il nostro nemico è il carbone e lei non deve dare alcun lasciapassare al nemico.
Si allegano i documenti relativi alla richiesta di modifica AIA ILVA per la cokeria.


Distinti saluti

Alessandro Marescotti

Presidente di PeaceLink
www.peacelink.it

Allegati

Articoli correlati

  • Caro Luca
    Laboratorio di scrittura
    Hai scritto che la forza della cultura può cambiare il mondo

    Caro Luca

    Ho ricevuto la tua lettera dopo la puntata sull'ILVA di Taranto, curata per RAITRE da Domenico Iannacone, dal titolo "La polvere negli occhi". La tua lettera accompagnava un nutrito pacco di libri destinati ai miei studenti. Li hai invitati a resistere e a non abbandonare Taranto.
    30 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • “Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità”
    Taranto Sociale
    Manifestazione "Stop al sacrificio di Taranto" del 22 maggio 2022

    “Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità”

    Io la malattia la vivo nel mio corpo, in lotta da un anno contro la leucemia. Noi abbiamo un potere, abbiamo la possibilità di sovvertire quest’ordine di ingiustizie. Non aspettiamo che siano gli altri a trovare la soluzione per noi, la soluzione siamo noi
    23 maggio 2022 - Celeste Fortunato
  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)