Ecologia

RSS logo

Mailing-list Ecologia

< Altre opzioni e info >

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

Lista Ecologia

...

Articoli correlati

  • Il caso Posco in India
    Un'acciaieria rifiutata dalla popolazione

    Il caso Posco in India

    L’aumento dei costi per l’investimento iniziale, associati alla crescita globale della produzione di acciaio e al conseguente crollo dei prezzi, ha dissuaso la Posco a continuare ad insistere sul progetto di Odisha, convincendo invece il gruppo coreano a rivolgere la propria attenzione verso altre regioni ed opportunità.
    3 marzo 2016 - Cinzia Marzo
  • India: il movimento Chipko per la preservazione delle foreste

    India: il movimento Chipko per la preservazione delle foreste

    L'origine di un movimento di lotta per la sopravvivenza radicalmente nonviolento e guidato dalle donne contadine
    2 febbraio 2014
  • Alta tensione fra Italia e India: il caso AgustaWestland-Finmeccanica
    casi F-35 e M346

    Alta tensione fra Italia e India: il caso AgustaWestland-Finmeccanica

    i costi di sostentamento, il consumo di carburante o di energia, la manutenzione, la sostituzione e l’aggiornamento delle attrezzature o parti, il materiale di consumo e lo smaltimento, risultano superiori al costo dell’acquisizione del sistema d’ama
    25 marzo 2013 - Rossana De Simone
  • Incontrollato e insanabile, l'abuso sessuale sui minori in India

    Incontrollato e insanabile, l'abuso sessuale sui minori in India

    Episodi di abusi sessuali sui minori si verificano ovunque, ma in India la reazione ufficiale è sul serio una parte del problema
    7 febbraio 2013 - Heather Timmons

India: la grande pattumiera del mondo

Vandana Shiva punta il dito contro le politiche di liberalizzazione e privatizzazione del commercio agricolo che porta all'aumento dei costi produttivi ed al crollo dei prezzi dei prodotti agricoli.
23 dicembre 2004
Fonte: www.unita.it
6.12.04

Vandana Shiva L’India è stata letteralmente inondata di granate e razzi inesplosi ed esplosi provenienti dall’Iraq e dall’Afghanistan e destinati al riciclaggio come rottami metallici nel momento stesso in cui la sua industria del ferro e dell’acciaio viene distrutta dalle politiche di liberalizzazione e privatizzazione dei commerci.
Quanto è accaduto nel settore del ferro e dell’acciaio sta accadendo anche nel settore dell’agricoltura. Il governo sta rapidamente attuando politiche volte a liberalizzare il commercio agricolo e che stanno uccidendo i nostri agricoltori e distruggendo la nostra agricoltura. Oltre 25.000 contadini si sono tolti la vita quando si sono trovati preda dei debiti a seguito del lievitare dei costi di produzione e del crollo dei prezzi dei prodotti agricoli. E nel momento stesso in cui le granate vengono importate come rottami metallici mentre l’industria del ferro e dell’acciaio viene deliberatamente distrutta, gli organismi geneticamente modificati (Ogm) – l’equivalente in agricoltura delle granate inesplose – vengono introdotti malgrado il loro costo elevato per i contadini e gli alti rischi per l’ambiente.

Nei due anni in cui è stata piantata la prima coltura geneticamente modificata, il cotone Bt (cotone geneticamente modificato con il Bacillus thuringiensis, ndt), la resa è stata inferiore alla norma. Non di meno il governo – il Partito del Congresso al pari del BJP (Bharatiya Janata Party, ndt) prima di lui – ripete il ritornello falso dei raccolti elevati e del fatto che gli Ogm sono necessari per risolvere il problema della fame.
Sono appena tornata da un viaggio nell’Uttaranchal, in zone nelle quali si conservano i semi e si pratica l’agricoltura organica. Aziende agricole a input zero producono oltre tre tonnellate di riso greggio o oltre cinque tonnellate di amaranto, di dagussa e di caiano o oltre 15 tonnellate di frutta – guaiavi, banane, aranci, limette, pompelmi, manghi – per acro.
Al contrario, per quanto riguarda il cotone Bt, a fronte di un raccolto promesso di una tonnellata e mezzo, la resa è stata di appena 200 chilogrammi. E i contadini invece di vedere incrementato il loro reddito di 220 dollari per acro hanno subito perdite per 130 dollari l’acro.
Al cospetto del crescente numero di suicidi tra i contadini indebitati e del fallimento sempre più marcato delle colture a causa di semi non sperimentati, inadatti e non necessari venduti dalle multinazionali il cui solo obiettivo è quello di metterci in una situazione di dipendenza per quanto riguarda le sementi, il governo – qualunque governo responsabile – dovrebbe porre fine alla vendita di semi geneticamente modificati.

Gli Ogm sono un modo sicuro per distruggere la nostra sovranità e democrazia in materia di semi. Invece delle migliaia di colture di cui ci nutriamo, la nostra agricoltura verrà ridotta ai soli quattro raccolti geneticamente modificati attualmente commercializzati su scala significativa: soia, mais, cotone e canola.
Invece delle caratteristiche di resistenza alla siccità, di resistenza alle inondazioni, di resistenza alla salinità, invece dell’aroma e del gusto, invece delle caratteristiche nutrizionali e sanitarie per le quali i nostri contadini hanno selezionato centinaia di migliaia di varietà, gli Ogm hanno solamente due caratteristiche: resistenza agli erbicidi e presenza delle tossine Bt.
Entrambe le caratteristiche incrementano i livelli di tossine nei nostri alimenti e nell’agricoltura. Entrambe non sono sostenibili in quanto invece di controllare le erbacce e gli insetti nocivi, creano “super erbacce” e “super insetti nocivi”.

Invece di 600 milioni di donne indiane che tenendo i semi nelle loro mani li risparmiano e li selezionano con cura e intelligenza, una multinazionale, la Monsanto, diventa “proprietaria” dei nostri semi, spesso tramite la bio-pirateria – come nel caso del brevetto EP 445929 su una varietà di frumento indiana concesso dall’Ufficio Europeo Brevetti ma revocato lo scorso ottobre come era già accaduto in precedenti casi di bio-pirateria con il neem e il basmati – impoverendo contadini già poveri che si vedono costretti a pagare i diritti per i semi o minacciando di multarli per furto di proprietà intellettuale dopo che la Monsanto ha diffuso i suoi geni tossici mediante impollinazione – come è accaduto a Percy Schemiser, un agricoltore canadese citato in giudizio dalla Monsanto per violazione di brevetto quando il suo campo e’ stato contaminato con la canola della Monsanto “pronta al raccolto” che ha rovinato la purezza della sua coltivazione.

La dittatura dei semi e l’imperialismo genetico sono stati respinti dalla maggior parte dei Paesi. In appena quattro Paesi si trova il 94% di tutti i semi geneticamente modificati piantati.
La scrittrice Vandana Shiva e’ stata artefice di una campagna internazionale per le donne e l’ambiente. Ha ricevuto nel 1993 il Right Livelihood Award.

Note:

Ripreso da: www.greenplanet.it

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)