No Muos

Rimandiamo politicamente al mittente l'avviso a Nadia Furnari

Avviso di garanzia per essersi, in concorso con altri, "introdotta arbitrariamente in un luogo ove l'accesso è vietato nell'interesse militare dello Stato e, nello specifico, all'interno della base statunitense "naval radio Transmitter facility (NRTF) d contrada Ulmo a Niscemi (CL), fatti accaduti in contrada Ulmo a Niscemi(CL) in data 09/08/2013"
8 febbraio 2014
Associazione Antimafie Rita Atria

Nadia Furnari

L'avviso di garanzia ricevuto da Nadia Furnari, fondatrice di questa associazione nonchè membro del consiglio direttivo nazionale della stessa, "avvisata" ai sensi dell'Art.682 cp, per essersi, in concorso con altri, "introdotta arbitrariamente in un luogo ove l'accesso è vietato nell'interesse militare dello Stato e, nello specifico, all'interno della base statunitense "naval radio Transmitter facility (NRTF) d contrada Ulmo a Niscemi (CL), fatti accaduti in contrada Ulmo a Niscemi(CL) in data 09/08/2013"ci indigna e ci induce a fare le seguenti considerazioni:

a) se è vero che la Costituzione Italiana sancisce che la responsabilità penale è personale, sul piano squisitamente politico, è altrettanto vero che è tutta l'associazione Antimafie "Rita Atria" ad essere "avvisata". Dentro la base quel giorno c'era idealmente e non solo, tutta l'associazione che unitariamente, con tutti i suoi presidi siciliani e nazionali,   si è sempre battuta e continuerà a farlo, contro uno strumento di guerra , di illegalità e contro l'ambiente quali sono il MUOS e le 46 antenne NRTF.

b) l'Associazione Antimafie "Rita Atria" rimanda politicamente al mittente il suddetto  "avviso" ritenendo che se si parla di "intrusione abusiva" questa va contestata a chi, abusivamente, si è introdotto, fin dagli anni 90  all'interno di una riserva naturale, la "sughereta" di Niscemi,  violentandola e  stuprandola con la costruzione di una base militare prima e con l'installazione del MUOS poi; una riserva naturale di interesse Comunitario (SIC) la cui tutela è garantita dalla Costituzione Repubblicana italiana e dallo Statuto speciale della Regione Siciliana; Costituzione e Statuto che sono diventate carta straccia davanti alle evidenti complicità istituzionali nazionali e regionali. Pendono ,a proposito, numerosi ricorsi giudiziari e a breve i cittadini saranno informati e capiranno a chi attribuire le responsabilità di tutto ciò.

c) se appare scontata la solidarietà dell'Associazione Antimafie "Rita Atria" alla nostra Nadia Furnari la stessa viene espressa a tutti gli altri "avvisati" alcuni dei quali, insieme alla nostra fondatrice, si sono sempre prodigati in prima persona a far si che le sacrosante proteste , pur se condotte con ferma e determinata convinzione, si mantenessero dentro i binari del rispetto dei canoni di giustizia e non violenza. Lo stesso non si può dire, purtroppo, di chi, passa come un rullo compressore sopra il diritto di un popolo di autodeterminare la gestione del territorio dove vive , lavora e produce.

Questo avviso di garanzia assume un connotato intimidatorio stante che è un dato pacifico che Nadia Furnari era anche tra i mediatori del corteo NO MUOS e l'autorità di pubblica sicurezza; in tal senso, se lo mettano bene in testa i signori della guerra, non ci faranno indietreggiare di un  millimetro.

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)