Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • Il nostro vicino nucleare

    Il nostro vicino nucleare

    La così detta Françafrique è ancora oggi il pilastro del neocolonialismo francese e della sua stessa grandezza economico/militare
    11 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare
    I casi di Google, Amazon, KAIST

    La sfida fra le grandi potenze mondiali per la supremazia tecnologica. Oltre la guerra commerciale e militare

    “sistemi di apprendimento autonomo, processi decisionali collaborativi uomo-macchina, operazioni umane assistite, operazioni avanzate con sistemi senza equipaggio e reti di armi autonome”
    3 maggio 2018 - Rossana De Simone
  • Referendum costituzionale del 4 dicembre

    Voto no per tutelare l'ambiente per le future generazioni

    Con la modifica dell’art.117 si arriva ad una concentrazione nelle esclusive “mani“ del governo le autorizzazioni su porti, infrastrutture, energia, inceneritori eliminando qualsiasi possibilità di partecipazione delle comunità e dei governi locali nelle decisioni. Non è un caso che le lobby del petrolio e Confindustria si siano schierate per il Sì. Proprio il presidente di Confindustria Boccia al convegno di Comunione e Liberazione dell’estate scorsa motivava il Sì al referendum non per ragioni politiche ma economiche. E’ qui la sostanza, per nulla segreta, della riforma: far ripartire l’Italia piegando l’ambiente e la sua tutela a quelle logiche che vorrebbero il nostro paese essere terra di conquista per cementificatori, asfaltatori e petrolieri.
    2 dicembre 2016 - Angelo Bonelli
  • Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga
    REFERENDUM

    Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga

    Organizza Il Comitato ANPI e aderenti del NO alle Modifiche Costituzionali di Nova Milanese
    21 ottobre 2016 - Laura Tussi

Per l'unità della sinistra in Francia e in Europa votate OUI

REFERENDUM SULLA COSTITUZIONE EUROPEA - A pochi giorni dal voto referendario importanti personalità della sinistra europea rivolgono il seguente appello ai cittadini francesi.
27 maggio 2005

«Che cos'è la Costituzione? È la cornice di un quadro, tocca agli Europei dipingerlo con i propri colori»
Josep Borrell, Presidente del Parlamento Europeo (PSE, Spagna)

«La Costituzione apre alla sinistra nuove opportunità di lotta per un'Europa sociale»
Sylvia-Yvonne Kaufmann, Vice Presidente del Parlamento Europeo (GUE, Germania)

«Sostengo con convinzione la Costituzione europea nella misura in cui essa fornisce ai socialdemocratici d'Europa nuovi strumenti per affrontare la globalizzazione e per creare nuovi e migliori posti di lavoro»
Poul Nyrup Rasmussen, Presidente del Partito Socialista Europeo, Parlamentare europeo (PSE, Danimarca)

«Bisogna votare OUI se vogliamo che il nostro sistema politico e sociale regga l'urto e costituisca un vero contrappeso alla globalizzazione, poiché l'obiettivo della Costituzione non è un'Europa liberale bensì l'economia sociale di mercato»
Daniel Cohn-Bendit, Presidente del Gruppo dei Verdi/ALE al Parlamento europeo

«Sono i cittadini a trarre vantaggio dalla Costituzione, poiché essa fa avanzare l'Europa democratica e sociale»
Jo Leinen, Parlamentare europeo (PSE, Germania), Presidente della Commissione Affari Costituzionali del Parlamento europeo

«I valori e gli obiettivi enunciati nella Costituzione sono quelli condivisi da tutti i socialisti del nostro continente. Il contrasto con il capitalismo all'americana non potrebbe essere più chiaro»
Richard Corbett, Parlamentare europeo (PSE, Gran Bretagna), Co-Rapporteur del Parlamento europeo sulla Costituzione

«Ovunque in Europa, ad Est come ad Ovest, i cittadini vogliono beneficiare degli stessi diritti sociali: essi saranno garantiti dalla Costituzione europea»
Libor Roucek, Parlamentare europeo (PSE, Repubblica Ceca)

«Nessun paese può immaginare da solo il suo futuro. E l'Europa sarà il futuro di ognuno di noi. Per un'Europa di pace, sviluppo e giustizia sociale è indispensabile il sì della Francia al Trattato costituzionale»
Piero Fassino, Segretario Generale dei DS (PSE, Italia)

«L'Europa di domani sarà più giusta, equa e sostenibile solo se essa metterà in comune i propri valori sociali. La Costituzione raccoglie questa sfida e fornisce le basi politiche per rilanciare la crescita ed il nostro modello sociale»
Mercedes Bresso, Presidente della Regione Piemonte, Presidente dell'Unione dei Federalisti Europei (UEF)

«Per più diritti sociali ai cittadini, per meno diritto di veto ai Governi nazionali, noi, la giovane generazione della sinistra, sosteniamo la Costituzione»
Giacomo Filibeck, Presidente dell'ECOSY - Giovani Socialisti Europei

«I capitalisti non hanno bisogno della Costituzione europea, noi (i Sindacati europei) sì»
John Monks, Segretario Generale della Confederazione Europea dei Sindacati (CES)

CON QUESTA COSTITUZIONE NOI CI IMPEGNIAMO A DARE MAGGIORI POTERI IN EUROPA AI CITTADINI ED AI LAVORATORI.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)