"Se vuoi la pace chiedi la federazione europea": lettera aperta al movimento per la pace

22 maggio 2006
Nicola Vallinoto (Movimento federalista europeo)

europa e pace Ho letto con molta attenzione l'appello per il 2 giugno "La politica prenda il posto delle armi" e l'appello al nuovo Parlamento per la pace e la difesa dell'articolo 11 della Costituzione (di Zanotelli, Strada, Ciotti, Dell'Olio).

In entrambi è stato fatto riferimento alla Costituzione italiana e, in particolare, al suo articolo 11.

Di questo articolo, di fondamentale importanza per chi ama la pace, viene ripresa solo la prima parte: quella sul ripudio della guerra.

In realtà l'articolo 11, nella sua interezza, prevede che l'Italia, in condizioni di parità con gli altri Stati, debba consentire alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; ed in tal senso promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo.

Questa seconda parte è direttamente legata all'impegno dell'Italia per la pace e la giustizia tramite la costruzione di un sistema internazionale di diritto e di democrazia cosmopoliti superando la divisione politica in stati nazionali sovrani: a partire dall'Unione europea per arrivare fino alle Nazioni Unite.

Chi vuole costruire la pace non può accontentarsi di chiedere al governo italiano il ritiro delle truppe dall'Iraq. E' un passo necessario ma non elimina le vere cause della guerra nel mondo.

La pace è un bene comune dell'umanità intera e non può essere garantita da un sistema internazionale fondato sulla sovranità degli stati nazionali. La divisione dell'Europa in Stati nazionali sovrani è stata la causa delle due guerre mondiali nel secolo appena passato e solo il suo superamento verso una federazione continentale può fornire all'Europa lo strumento politico per garantire la pace e per opporsi agli unilateralismi dei governi e delle multinazionali.

L'esempio di come sia impotente l'attuale Europa 'disunita' di fronte alle tragedie del mondo ci è stato fornito dalla guerra all'Iraq. La decisione unilaterale americana di intervenire nel paese iracheno non è stata bloccata dalle posizioni contrarie di paesi europei importanti come la Francia e la Germania. E neanche dal popolo della pace che ha portato in centinaia di piazze e di strade in Europa e nel mondo milioni di persone a manifestare contro la guerra.

L'Europa unita politicamente non esiste. E non esiste una politica estera europea comune bensì esistono 25 politiche estere nazionali contrapposte che, alla fine, si annullano vicendevolmente lasciando agli Usa il potere di decidere unilateralmente, e male, le sorti dell'intero pianeta. Se si desidera un'Europa incapace di agire per la pace nel mondo basta lasciare le cose come stanno. La via della decadenza europea può anche essere una scelta ponderata. L'importante è esserne consapevoli.

Chi ama veramente la pace deve rilanciare il progetto politico delineato nel "Manifesto per un'Europa libera e unita" da un gruppo di antifascisti in confino nell'isola di Ventotene, nel 1941, come alternativa alle guerre e ai nazionalismi.

Chi vuole la pace chieda la federazione europea.

Articoli correlati

  • Le Città di Nova Milanese e Bolzano per la Memoria storica delle Deportazioni
    Pace
    Le Amministrazioni rendono pubbliche 4 nuove videotestimonianze

    Le Città di Nova Milanese e Bolzano per la Memoria storica delle Deportazioni

    Oltre 220 videotestimonianze di ex deportati civili per motivazioni politiche compongono l'importante Archivio Storico
    26 gennaio 2019 - Laura Tussi
  • Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia
    Conflitti

    Abbandoniamo i pesanti deficit di parresia su guerra, terrorismo ed economia

    Abbandoniamo l’alta filosofia, le raffinate (o interessate?) analisi geopolitiche o sociologiche. Mettiamo in fila, uno dopo l’altro, le banali, lineari verità che questi tempi ci raccontano. Ma che sembra proibito dire, un po’ come il famoso bambino del “vestito nuovo dell’imperatore”.
    3 gennaio 2019 - Alessio Di Florio
  • Dulce et decorum est
    Storia della Pace
    Testo in inglese con traduzione in italiano

    Dulce et decorum est

    Una poesia scritta durante la Prima Guerra Mondiale dal poeta inglese Wilfred Owen, uno degli esponenti dei cosiddetti "war poets". Nella poesia scrive: "Il gas! Il gas! Svelti ragazzi! Come in estasi annasparono, infilandosi appena in tempo le goffe maschere antigas".
    Wilfred Owen
  • PsyOps
    Editoriale
    I retroscena della guerra

    PsyOps

    Si chiamano Psychological Operations (PsyOps) e servono a manipolare l'opinione pubblica. I principali obiettivi delle PsyOPs oggi sono (paradossalmente) proprio i pacifisti. Come reagire? Diventanto esperti di fact checking, entrando nel vivo delle informazioni militari per verificarle con sistematicità, con metodo e con una buona dose di dubbio.
    10 maggio 2018 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.25 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)