Motore di ricerca in

Lista Pace

...

Articoli correlati

  • Referendum costituzionale del 4 dicembre

    Voto no per tutelare l'ambiente per le future generazioni

    Con la modifica dell’art.117 si arriva ad una concentrazione nelle esclusive “mani“ del governo le autorizzazioni su porti, infrastrutture, energia, inceneritori eliminando qualsiasi possibilità di partecipazione delle comunità e dei governi locali nelle decisioni. Non è un caso che le lobby del petrolio e Confindustria si siano schierate per il Sì. Proprio il presidente di Confindustria Boccia al convegno di Comunione e Liberazione dell’estate scorsa motivava il Sì al referendum non per ragioni politiche ma economiche. E’ qui la sostanza, per nulla segreta, della riforma: far ripartire l’Italia piegando l’ambiente e la sua tutela a quelle logiche che vorrebbero il nostro paese essere terra di conquista per cementificatori, asfaltatori e petrolieri.
    2 dicembre 2016 - Angelo Bonelli
  • Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga
    REFERENDUM

    Le ragioni del NO alla riforma costituzionale - con Vittorio Agnoletto, Lucrezia Ricchiuti, Loris Maconi, Alessandro Braga

    Organizza Il Comitato ANPI e aderenti del NO alle Modifiche Costituzionali di Nova Milanese
    21 ottobre 2016 - Laura Tussi
  • In attesa del referendum costituzionale

    C'è chi dice NO

    Dieci ragioni per bocciare la riforma della Costituzione, scritta sotto dettatura del governo. Renzi dice che "riduce i costi della politica", ma questo obiettivo si poteva raggiungere in altri modi.
    29 agosto 2016 - Giacomo Alessandroni
  • Occorre un pronunciamento popolare che difenda la Costituzione repubblicana

    Perché votare NO al referendum sulla modifica della Costituzione?

    Perché asservisce il parlamento alle sue voglie, di fatto si appropria abusivamente del potere legislativo e rompe la separazione e l'equilibrio dei poteri; con la qual cosa uccide nei suoi medesimi fondamenti la democrazia rappresentativa e lo stato di diritto.
    18 agosto 2016 - Peppe Sini

UE: da Firenze un piano per referendum su costituzione europea

11 febbraio 2007
Fonte: Ansa - 10 febbraio 2007

Da Firenze parte oggi una nuova moblitazione per ridare ali al progetto di Costituzione europea, dopo le bocciature nei referendum di Francia e Olanda. Il Forum dei cittadini europei, riunito stamane in Palazzo Vecchio, ha promosso un appello, per il quale è già avviata la raccolta di firme, in cui si chiede l' indizione di un referendum consultivo che potrebbe tenersi in combinata con le elezioni europee del 2009. Al convegno, nel corso del quale sono stati discussi anche gli aspetti giuridici di questa proposta, hanno preso parte tra gli altri funzionari della Ue, studiosi, gli europarlamentari Casini, Guidoni, Musacchio, Sacconi, Sbarbati e Tajani, il parlamentare Valdo Spini, i presidenti della giunta e del consiglio della Toscana, Claudio Martini e Riccardo Nencini.

I promotori propongono al Parlamento europeo, alla Commissione, ai Parlamenti e ai governi nazionali un percorso preciso: "Di convocare - si legge nell' appello - una nuova convenzione - o, in alternativa, di avviare una procedura democratica che coinvolga il Parlamento europeo - con il mandato di mantenere le parti I e II, indispensabili per il buon funzionamento dell' Unione, ed estrapolare quelle disposizioni della parte III già previste dagli attuali Trattati e non aventi carattere strettamente costituzionale, aggiungendo, se necessario, nuove dichiarazioni o nuovi protocolli". Il testo - con le parti dedicate alle istituzioni e alla Carta dei diritti - dovrebbe essere sottoposto a 'consultative ballot' "prevedendo - recita l' appello - che la Costituzione, se otterrà la maggioranza dei consensi dei cittadini europei in una maggioranza degli Stati membri, entri in vigore negli Stati che l' avranno ratificata".

Parlando dei ripetuti tentativi di dare una Costituzione all' Europa unita, il presidente del Movimento Federalista Europeo Guido Montani ha osservato come "il referendum nazionale su questioni europee non è il massimo della democrazia: è come se un consiglio comunale in Italia bloccasse l'attività del Parlamento".

Il referendum consultivo europeo avrebbe una base democratica più vasta, ma i nodi giuridici che lo rendono di difficile realizzazione sono diversi. In alcuni paesi, per indirlo, sarebbe persino necessario modificare la Costituzione. Per questo, gli esperti del Forum, riuniti ieri in un seminario, hanno elaborato proposte alternative che tuttavia non snaturano l'iniziativa originaria da cui muove l'appello. Per esempio, l'indizione di un referendum, nella stessa data e con lo stesso quesito, in tutti i paesi che devono svolgere il referendum e in quelli in cui i Governi si sono impegnati a farlo. (ANSA)

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.6 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Posta elettronica certificata (PEC)