La bocciatura di Rocco Buttiglione

La voce del Parlamento europeo

13 ottobre 2004
Fonte: Il Manifesto - 13 ottobre 2004

Volevo esprimere la mia soddisfazione, come federalista europeo, sulla bocciatura di Buttiglione da parte del Parlamento europeo, per almeno due motivi:

1) il Parlamento europeo, unica istituzione europea eletta direttamente dai cittadini, comincia finalmente a far sentire la propria voce laddove è possibile. Anche se la Commissione non è ancora un vero governo responsabile di fronte al Parlamento europeo e anche se Buttiglione diventerà Commissario avrà, comunque, un Parlamento vigile e attento a ogni sua mossa, cosiccome di tutti gli altri Commissari, in difesa dei diritti e della democrazia.

2) Buttiglione non è federalista nè europeista. In un suo intervento, durante un seminario federalista tenutosi lo scorso 5 settembre a Ventotene, il Ministro alle Politiche Comunitarie ha affermato di "non ritenere auspicabile una politica estera europea comune almeno per i prossimi cinque anni". Finchè parla da membro di un governo antieuropeista tale affermazione può anche avere una sua logica ma da vicepresidente della Commissione europea in pectore è un atto di irresponsabilità nei confronti di tutti i cittadini europei che, invece, si aspettano delle risposte, che vadano oltre i gretti interessi nazionali, dall'Europa e, in particolar modo, da coloro che li rappresentano nelle istituzioni europee.

Nicola Vallinoto

Articoli correlati

  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
  • “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”
    Sociale
    Sabato 9 ottobre alle ore 11 a Roma in piazza Santi Apostoli presidio del comitato 9 Ottobre

    “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”

    Presidio convocato dai parenti delle vittime di stragi come Vajont, Viareggio, ponte Morandi, Moby Prince e anche dai familiari dei morti sul lavoro e da tutte le associazioni che li sostengono. La Giornata nazionale è stata istituita sul ricordo della strage del Vajont del 9 ottobre 1963.
    9 ottobre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Edwin e Raúl sono già liberi
    Latina
    Honduras

    Edwin e Raúl sono già liberi

    Assolti da tutte le imputazioni
    21 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • La Camera dei Deputati si spacca sugli ecoreati
    Ecologia
    L'esame della riforma passerà a settembre al Senato dopo il voto alla Camera

    La Camera dei Deputati si spacca sugli ecoreati

    La maggioranza si è divisa sull'ordine del giorno sugli ecoreati. Il testo, che aveva il parere contrario del governo, è stato respinto con 186 voti contro 181. A favore ha votato il M5s e parte del Pd. La raccolta di firme di PeaceLink continua fino a settembre, quando il testo andrà al Senato.
    3 agosto 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)