Ue: Costituzione - Chiesto voto congiunto Francia e Germania

Gli europarlamentari Cornillet e Leinen chiedono che Francia e Germania votino lo stesso giorno: l'8 maggio 2005. 60° anniversario della fine della seconda guerra mondiale.
10 dicembre 2004
Fonte: Ansa - 07 dicembre 2004

bandiera europea Francia e Germania votino la Costituzione europea nello stesso giorno, il prossimo 8 maggio: la richiesta dell'europarlamentare francese (Adle) Thierry Cornillet e del suo collega tedesco Joseph Leinen (Pse), che e' presidente della Commissione affari costituzionali del parlamento europeo (e presidente dell'UEF - Unione europea dei federalisti), è contenuta in una lettera aperta a Jacques Chirac e a Gerhard Schoeder.

Francia e Germania votino la Costituzione europea nello stesso giorno
l'8 maggio 2005: sarebbe di grande rilievo simbolico per l'unificazione europea e diventerebbe una data significativa per il futuro dell'Europa
I due europarlamentari vorrebbero che il referendum popolare in Francia e la ratifica parlamentare in Germania, in base alle procedure nazionali in vigore, si tenessero nello stesso giorno perchè - sostengono - sarebbe di grande rilievo simbolico per l'unificazione europea e diventerebbe una data significativa per il futuro dell'Europa. L'8 maggio 2005 ricorre il 60° anniversario della fine della seconda guerra mondiale.

La presidenza olandese dell'Ue non ha invece ritenuto di dover indicare una data unica per il voto, come avviene per le elezioni del Parlamento europeo.

Bruxelles, 7 dicembre 2004

Note: Sportello Europa dell'Ansa
http://www.ansa.it/europa

Articoli correlati

  • Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione
    Sociale
    Referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari del 20 e 21 settembre

    Le dieci ragioni del nostro NO in difesa della Costituzione

    Non crediamo nei finti risparmi che nascondono gli enormi sprechi della spesa militare e del finanziamento delle milizie libiche per deportare migranti
    7 settembre 2020
  • Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia
    Sociale
    Nel linguaggio giuridico un "vulnus" è l'offesa di un diritto

    Il taglio dei parlamentari: un vulnus per la democrazia

    Occorre domandarsi se un risparmio di spesa incerto, e scarsamente incidente sui costi della politica, costituisca un vantaggio tanto significativo da giustificare gli effetti distorsivi che la riforma rischia di determinare sulla democrazia, sulla rappresentanza politica e sul pluralismo.
    5 settembre 2020 - Area democratica per la giustizia
  • Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari
    Sociale
    Una richiesta alle persone amiche

    Referendum costituzionale in materia di riduzione del numero dei parlamentari

    Vorrei chiedervi di fare cinque cose che mi sembrano necessarie ed urgenti per contrastare la disinformazione e la manipolazione che probabilmente determinerebbero l'esito del referendum in assenza di un'azione di documentazione e coscientizzazione.
    3 settembre 2020 - Peppe Sini
  • Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte
    Sociale
    Riduzione da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori

    Referendum costituzionale, è il tempo delle scelte

    Dobbiamo chiederci: avere meno rappresentanti ci consentirà di far sentire meglio la nostra voce quando chiederemo giustizia sociale, investimenti, distribuzione equa delle risorse, un lavoro e una vita decente per tutti?
    25 agosto 2020 - Domenico Gallo
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)