Ue: Costituzione - Chiesto voto congiunto Francia e Germania

Gli europarlamentari Cornillet e Leinen chiedono che Francia e Germania votino lo stesso giorno: l'8 maggio 2005. 60° anniversario della fine della seconda guerra mondiale.
10 dicembre 2004
Fonte: Ansa - 07 dicembre 2004

bandiera europea Francia e Germania votino la Costituzione europea nello stesso giorno, il prossimo 8 maggio: la richiesta dell'europarlamentare francese (Adle) Thierry Cornillet e del suo collega tedesco Joseph Leinen (Pse), che e' presidente della Commissione affari costituzionali del parlamento europeo (e presidente dell'UEF - Unione europea dei federalisti), è contenuta in una lettera aperta a Jacques Chirac e a Gerhard Schoeder.

Francia e Germania votino la Costituzione europea nello stesso giorno
l'8 maggio 2005: sarebbe di grande rilievo simbolico per l'unificazione europea e diventerebbe una data significativa per il futuro dell'Europa
I due europarlamentari vorrebbero che il referendum popolare in Francia e la ratifica parlamentare in Germania, in base alle procedure nazionali in vigore, si tenessero nello stesso giorno perchè - sostengono - sarebbe di grande rilievo simbolico per l'unificazione europea e diventerebbe una data significativa per il futuro dell'Europa. L'8 maggio 2005 ricorre il 60° anniversario della fine della seconda guerra mondiale.

La presidenza olandese dell'Ue non ha invece ritenuto di dover indicare una data unica per il voto, come avviene per le elezioni del Parlamento europeo.

Bruxelles, 7 dicembre 2004

Note: Sportello Europa dell'Ansa
http://www.ansa.it/europa

Articoli correlati

  • Non abbandoniamo l'Italia
    Sociale
    La solidarietà nella pandemia da coronavirus

    Non abbandoniamo l'Italia

    In Italia le persone muoiono come mosche e la Germania tentenna fino al punto che provare imbarazzo per qualcun altro non è più un’espressione figurata
    13 aprile 2020 - Petra Reski
  • Schede
    Film di Claude Autant-Lara

    Non uccidere

    La commissione censura nel 1961 ne vietò la visione in Italia perché trattava la questione dell'obiezione di coscienza in guerra. A Firenze Giorgio La Pira ne organizzò la proiezione, violendo i divieti e riaccendendo il dibattito
    5 aprile 2020
  • Schede
    Breve scheda

    Albert Einstein (1879-1955)

    Einstein non è stato solo un grande uomo di scienza, ma anche un uomo di pace. Celebre il suo manifesto per il disarmo nucleare, firmato con Bertrand Russell
    Peppe Sini
  • Schede
    Breve scheda

    Günter Anders (1902-1992)

    Filosofo e scrittore tedesco impegnato contro il riarmo nucleare. Celebre la sua corrispondenza con Claude Eatherly, il pilota americano pentitosi per il bombardamento su Hiroshima
    Peppe Sini
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)