Riflessioni a staffetta sulle Feste patronali

NON FUOCHI D'ARTIFICIO MA COMPASSIONE!

I fuochi d'artificio concludono, quasi sempre, la festa del santo patrono. Lo spettacolo pirotecnico finale è entrato nelle aspettative dei partecipanti alla festa. Al Sud l'organizzazione delle feste patronali parrocchiali è diventato un autentico business, un affare che coinvolge molte persone che più che esprimere devozione verso il Santo da festeggiare ne approfittano per fare soldi.
1 gennaio 2007
Padre Giorgio Poletti (Missionario comboniano - Castelvolturno)

Fuochi d'artificio

Comitati e commissioni si danno da fare per raccogliere fondi spesso battendo casa per casa finendo per opprimere la popolazione che spesso si sente costretta a fare l'offerta. Si moltiplicano le feste durante l'anno per aumentare i guadagni. Il Sacro diventa l'occasione per fare denaro equivoco e illecito.
Grava su queste feste il sospetto che dietro a questi comitati organizzativi si celi la presenza della criminalità organizzata che non perde l'occasione per fare denaro. Ci sono parroci che si oppongono e soffrono perché si rendono conto che il più delle volte queste feste sono espressioni più pagane che cristiane dove la fede viene dissociata dai gesti religiosi esterni. I gesti esterni durante queste feste spesso non hanno niente a che fare con la fede profonda. A volte sono ricordi di un avvenimento straordinario iniziato molti anni prima: un miracolo, una visione, un evento. Si ripetono i gesti o le processioni e si sono perdute le motivazioni legate all'avvenimento straordinario. La festa patronale in alcuni posti diventa più festa profana che religiosa. Ci sono parrocchie che fanno a gara invitando la cantante di grido con spese notevoli. Ma anche qui purtroppo bisogna fare 'audience' e attirare molta gente.
La festa patronale è un bisogno umano e religioso. Riflette la necessità di interrompere la fatica del lavoro quotidiano per riposare.
In passato il lavoro manuale era estremamente faticoso e la giornata lavorativa cominciava all'aurora e finiva all'imbrunire. Il periodo estivo era particolarmente massacrante per la lunghezza della giornata. La Chiesa, nella sua saggezza, aveva moltiplicato le feste per dare riposo agli operai e ai braccianti. In un tempo in cui le Sacre Scritture erano riservate agli "illuminati" e l'accesso al libro sacro era riservato ai pochi il popolo esprimeva la sua fede in maniera semplice e collettiva. Tante feste religiose sono state la 'conversione' di feste pagane legate al ciclo della natura e della riproduzione, trasformate in feste cristiane.
L'avvenimento straordinario del Concilio Vaticano II conclusosi nel 1964 tra le tante novità dello Spirito Santo, ci ha introdotti e immersi nella Parola di Dio e siamo appena all'inizio di questa 'immersione'. Una fede adulta si alimenta con le Scritture, non ha bisogno di molte devozioni. La Sacra Scrittura non produce devozioni, non conduce alla devozione verso i Santi ma alla figura centrale che è il Cristo. La Sacra Scrittura dà vita ad una forte spiritualità cristocentrica. Nella nostra vita religiosa i santi devono stare al loro posto e non occupare luoghi religiosi interiori della nostra vita di fede.
E' Gesù di Nazaret il Cristo, il centro della nostra vita. Una recente inchiesta sulla religiosità degli italiani ha rivelato che Cristo è in basso nella graduatoria degli invocati e dei pregati. Prima vengono altri santi dai miracoli facili. Qualche volta dietro la sponsorizzazione di alcuni santi ci sono lobby con forti interessi economici che finiscono per fare forti pressioni popolari e mediatiche.
Padre Giorgio Poletti (Missionario comboniano). Qualche santo italiano è un'autentica miniera economica e attorno a lui si moltiplica il denaro e sono convinto che questi si "rivolta nella tomba" per come viene usato e strumentalizzato. I Santuari sono le oasi all'interno di un mondo che diventa sempre più secolarizzato dove Dio viene messo al margine.
Frantumati da questa società che non fa più da contenitore, ma al contrario spezza, frantuma tutti noi abbiamo bisogno della festa per rimetterci insieme, per fare unità dentro di noi e ritrovare pace e unità interiore. La festa patronale è il luogo dove dovremmo ritrovare noi stessi, il momento di metterci un po' davanti a Dio, per stare con Lui e fare il punto della nostra situazione esistenziale. Non è il tempo del fracasso e dei fuochi d'artificio.
Abbiamo bisogno di feste religiose vere che diventino santuari all'interno della nostra vita interiore. I Santuari sono spesso i luoghi dell''innamoramento'. La visita al santuario preparata, non "turismo religioso", non visita turistica frettolosa fra un gelato e l'altro, fra la visita al monumento e l'altro, correndo...ma cercata, è quasi sempre incontro profondo con il Signore. Assillati da mille preoccupazioni, a volte anche da sofferenze, oppressi dal tempo che ci obbliga spesso a scelte difficili ecco che entrando nel santuario usciamo dalla dimensione del tempo e dello spazio secolarizzato e diventiamo ricettivi all'ascolto non di musiche o fuochi d'artificio, ma all'ascolto suo, del Signore... Molti oggi vivono il tempo delle 'identità fluttuanti' e in nome di un'apertura all'altro o alle altre religioni rinunciano ai segni esterni della nostra religione, come se non avessimo un passato e un'identità basata sulla fede e sulla Chiesa.
Più che mai oggi siamo chiamati a dar conto della nostra fede senza lotte o battaglie ma in un dialogo sereno e rispettoso. La nostra identità religiosa e di fede è qualcosa che cresce e si purifica ma non è mai rinunciataria.
Che cosa hanno a che fare tante feste patronali con tutto questo, perché tanto rumore per nulla? Perché tanto spreco economico in fuochi d'artificio? Non si onora il santo così! E tanto meno Gesù Cristo! Questo denaro sprecato potrebbe essere usato per praticare la giustizia? E per evitare ambiguità e confusioni termino con le parole del Profeta Michea: " ...pratica la giustizia, ama con tenerezza, cammina umilmente davanti al tuo Dio" (Confronta il capitolo 5)?Da tempo c'è l'associazione Casa per la non violenza di San Ferdinando di Puglia (Foggia) che propone un cammino nuovo insistendo contro lo spreco economico dei fuochi d'artificio affinché tutti noi possiamo ritrovare la compassione. *

Padre Giorgio Poletti
(Missionario comboniano - Castelvolturno)

www.uomoplanetario.org

Note: www.uomoplanetario.org

Articoli correlati

  • Una lettera aperta alla capogruppo di "Liberi e Uguali" al Senato
    Migranti
    Alla Senatrice Loredana De Petris:

    Una lettera aperta alla capogruppo di "Liberi e Uguali" al Senato

    Abrogare le misure razziste e incostituzionali, criminali e criminogene, imposte dal governo della disumanita' particolarmente con i due cosiddetti "decreti sicurezza della razza"
    30 agosto 2019 - Peppe Sini
  • Simone Weil, una vita di generosita' e abnegazione
    Storia della Pace
    Attivista e donna di cultura

    Simone Weil, una vita di generosita' e abnegazione

    Ricorre il 24 agosto l'anniversario della scomparsa, nel 1943, di Simone Weil, pensatrice somma, testimone di pace, resistente antifascista, maestra di nonviolenza.
    24 agosto 2019 - Peppe Sini
  • Cosa e' l'antifascismo
    Sociale
    Tutte le vittime vanno salvate

    Cosa e' l'antifascismo

    L'antifascismo e' la nonviolenza, non altro che la nonviolenza. L'antifascismo e' l'affermazione che ogni essere umano ha diritto alla vita, alla dignita', alla solidarieta' e che ogni persona bisognosa di aiuto tu devi soccorrerla, accoglierla, assisterla.
    18 agosto 2019 - Peppe Sini
  • Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino
    Pace
    Centro Studi Sereno Regis, PeaceLink, Disarmisti Esigenti:

    Festival della Nonviolenza e della Resistenza civile - Torino

    La nonviolenza è il filo conduttore sia per il caso Ilva di Taranto sia per il modello Riace: razzismo ambientale, razzismo verso i migranti
    16 agosto 2019 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.27 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)