Latina

Venezuela: Amnesty International in prima fila su disarmo e sicurezza

A Caracas una tre giorni su disarmo e sicurezza
9 giugno 2006
Alessandro Pilo

Nei giorni 6-7-8 di Giugno il Segretariato nazionale del Venezuela di Amnesty International è riuscito a riunire per tre giorni membri del governo, delle forze dell'ordine ed esperti internazionali di disarmo per discutere di controllo delle armi e sicurezza, il tutto all’interno della campagna internazionale Control Arms, che vede Amnesty International in prima fila insieme ad altre Ong nel richiedere un trattato internazionale sul commercio delle armi.
Il disarmo come elemento fondamentale per garantire il diritto del cittadino alla sicurezza, è da questa premessa che parte l’iniziativa ideata dall’organizzazione premio Nobel per la pace, che ha avuto tra l’altro l’appoggio fondamentale del Governo bolivariano.
Negli ultimi anni la sicurezza ha superato disoccupazione e povertà tra ciò che più spaventa i venezuelani, soprattutto nella città di Caracas che da sola raccoglie il 25% della popolazione del paese. Di certo i dati non fanno che dargli ragione: ogni anno avvengono nel paese circa 10.000 omicidi, e per ognuno di questi circa 13 rapine a mano armata.
L’apporto di esperti di vario tipo ha permesso di analizzare il problema del disarmo del Venezuela nei suoi vari aspetti: dalla cultura dell’autodifesa, ancora fortemente radicata in ampi strati della popolazione, ad impietose analisi delle forze di polizia e della giustizia da parte dei suoi stessi componenti, forse i più chiamati in causa per via della corruzione, l’inefficienza e l’uso eccessivo della forza. Certo è che la diffusa impunità e la mancanza di credibilità e fiducia nella polizia contribuisce a un circolo vizioso che genera insicurezza e immancabilmente altra violenza.
A questo proposito gli stessi funzionari di polizia hanno lamentato l’enorme differenza tra i vari corpi, alcuni altamente professionalizzati con percorsi formativi che durano più di un anno, altri che ricevono un’arma dopo solo due mesi di preparazione.
Le giornate hanno comunque portato a un impegno preciso per il disarmo da parte del Governo, sia con misure immediate che di lungo termine. Gli esperti, giunti da Svezia, Brasile e Argentina, hanno tutti messo l’accento sulla necessità di trovare l’appoggio delle comunità in cui la proliferazione delle armi è più forte e sensibilizzarle al problema: centri culturali, progetti che lavorino a livello educativo, uno studio delle necessità delle aree più a rischio, consegna delle armi in cambio di strutture sociali utili alla comunità, sono tutte misure che hanno hanno già ottenuto un notevole successo nel caso dell’Albania e del Brasile.
Sul lungo termine sembra che già inizi a prendere piede una nuova missione del Governo bolivariano, chiamata Missione disarmo, che troverà spazio affianco ai numerosi intervente già esistenti atti ad assicurare assistenza sanitaria, alimentare e istruzione avanzata alle comunità più bisognose del paese.

Articoli correlati

  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • I 60 anni di Amnesty International a "Più Libri Più Liberi"
    Migranti
    Migranti e diritti

    I 60 anni di Amnesty International a "Più Libri Più Liberi"

    Spegnere la luce sui fatti può essere una grave violazione dei diritti umani. Ne parlano due giornaliste, un artista e un attivista
    14 dicembre 2021 - Lidia Giannotti
  • Il diritto alla pace e al disarmo
    Disarmo
    In Italia e Germania: bombe nucleari B61-12 Nato nelle basi militari di Ghedi, Aviano e Buchel

    Il diritto alla pace e al disarmo

    Verso un coordinamento antinucleare europeo. L'obiettivo è di inserire la valutazione delle attività militari e belliche - e quindi il disarmo come soluzione al grave inquinamento da esse prodotte - negli accordi di Parigi sul clima.
    10 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • I partigiani della pace
    Storia della Pace
    Un soggetto politico, strumento di partecipazione, informazione politica e culturale per i popoli

    I partigiani della pace

    Alcuni dei fondatori di questo movimento furono Picasso, Einstein, Neruda e tra gli italiani Nenni, Vittorini, Guttuso, Quasimodo, Ginzburg, Einaudi e molti altri
    8 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)