Latina

Cile

Lo strano "suicidio" di Daniela: Mimo

Le indagini sulla morte di Daniela Carrasco, trovata impiccata nel comune di Predro Aguirre Cerda
20 novembre 2019
Valentina González
Fonte: BioBioChile - 25 ottobre 2019

L'immagine divenuta celebra di Daniela Carrasco, conosciuta come "Mimo"

La procura del Sud sta indagando sulla morte di una trentaseienne, trovata impiccata domenica scorsa (20 ottobre, NdT) in una terra desolata vicino al parco "André Jarlan", nel comune di Pedro Aguirre Cerda, nella regione metropolitana.

Si tratta di Daniela Carrasco, conosciuta a tutti col nomignolo di "Mimo", il cui corpo è stato trovato da un uomo che ha effettuato una registrazione durante la quale dichiarava i propri sospetti a carico di carabineros che, stando al racconto, si sarebbero trovati nelle vicinanze del posto.

Sul luogo del delitto si è recato il personale della Polizia Investigativa Cilena (PDI) e del Servizio di Medicina Legale che ha effettuato l’autopsia il giorno successivo e consegnato il referto allafamiglia di Daniela mercoledì. La notizia è stata confermata a BioBioChile dal Servizio stesso.
 

L'immagine divenuta celebra di Daniela Carrasco, conosciuta come "Mimo"

Le accuse nei social network

Dal coordinamento di "Ni Una menos" (Non una di meno, (organizzazione transfemminista che ha il suo corrispettivo italiano in “Non Una di Meno” NdT), gravi accuse, attraverso post sui social media in riferimento al caso: "Daniela è stata violentata, torturata, si sono accaniti su di alei ancora, fino al punto di toglierle la vita".

Nel frattempo, la Rete delle Attrici Cilene, accusano che Daniela "è stata rapita dalle forze militari nei giorni della protesta il 19 ottobre".

L'immagine divenuta celebra di Daniela Carrasco, conosciuta come "Mimo"

E lo stupro?

Tuttavia, fonti dell'ufficio del procuratore, affermano che la scoperta del corpo è stata etichettata in primo luogo come un suicidio, poiché il rapporto del medico legale ha stabilito che la causa della morte è "soffocamento" dovuto dall'impiccagione, escludendo la partecipazione di terzi.

Allo stesso modo, il rapporto della polizia ha stabilito che il corpo non ha registrato lesioni fisiche attribuibili a una violenza sessuale.

Al momento attuale l’Instituto Nacional de Derechos Humanos (Istituto Nazionale per i Diritti Umani) non ha ricevuto una denuncia formale per questo caso, che viene indagato dalla Procura della Repubblica del Sud.

Tradotto da Giacomo Alessandroni, revisione di Marica Tarallo per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: Investigan muerte de mujer que fue encontrada ahorcada en sitio eriazo de Pedro Aguirre Cerda

Articoli correlati

  • Le Ande in rivolta
    Latina
    In Colombia la resistenza continua nonostante la repressione di Stato e una situazione allarmante

    Le Ande in rivolta

    In Cile le elezioni del 15-16 maggio hanno dimostrato che il pinochettismo può essere sconfitto e in Perù, in vista del ballottaggio presidenziale del 6 giugno, l’oligarchia trema per i sondaggi che assegnano la vittoria al maestro rurale Pedro Castillo.
    26 maggio 2021 - David Lifodi
  • La Palestina deve vivere
    Palestina
    Di chi sono le responsabilità?

    La Palestina deve vivere

    Le risoluzioni ONU in merito sono sempre state disattese e l’opinione pubblica è sempre più omertosa sulla questione palestinese anche perché vige il ricatto subdolo della retorica perversa di potere vantata e perpetrata dal governo di Israele
    17 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Per una nuova cultura di pace
    Pace
    La cultura di pace del XXI secolo si riassume nel motto “Prima l’umanità, prima le persone”

    Per una nuova cultura di pace

    Noi tutti amici della nonviolenza e del disarmo ci rendiamo sempre più conto di appartenere a un’unica razza e famiglia umana come sostenevano Einstein e il pacifista nonviolento Vittorio Arrigoni, barbaramente assassinato a Gaza in Palestina
    14 maggio 2021 - Laura Tussi
  • Donna: l’impegno pacifista
    Pace
    La donna emancipata e pacifista nella cultura dell'Ottocento

    Donna: l’impegno pacifista

    L’asprezza del misoginismo ottocentesco si scontra con l’esperienza dei primi gruppi emancipazionisti. La donna emancipata e pacifista diviene allora il bersaglio da colpire, l’emblema di disordine e della sregolatezza morale.
    11 aprile 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)