Latina

Cile

Lo strano "suicidio" di Daniela: Mimo

Le indagini sulla morte di Daniela Carrasco, trovata impiccata nel comune di Predro Aguirre Cerda
20 novembre 2019
Valentina González
Fonte: BioBioChile - 25 ottobre 2019

L'immagine divenuta celebra di Daniela Carrasco, conosciuta come "Mimo"

La procura del Sud sta indagando sulla morte di una trentaseienne, trovata impiccata domenica scorsa (20 ottobre, NdT) in una terra desolata vicino al parco "André Jarlan", nel comune di Pedro Aguirre Cerda, nella regione metropolitana.

Si tratta di Daniela Carrasco, conosciuta a tutti col nomignolo di "Mimo", il cui corpo è stato trovato da un uomo che ha effettuato una registrazione durante la quale dichiarava i propri sospetti a carico di carabineros che, stando al racconto, si sarebbero trovati nelle vicinanze del posto.

Sul luogo del delitto si è recato il personale della Polizia Investigativa Cilena (PDI) e del Servizio di Medicina Legale che ha effettuato l’autopsia il giorno successivo e consegnato il referto allafamiglia di Daniela mercoledì. La notizia è stata confermata a BioBioChile dal Servizio stesso.
 

L'immagine divenuta celebra di Daniela Carrasco, conosciuta come "Mimo"

Le accuse nei social network

Dal coordinamento di "Ni Una menos" (Non una di meno, (organizzazione transfemminista che ha il suo corrispettivo italiano in “Non Una di Meno” NdT), gravi accuse, attraverso post sui social media in riferimento al caso: "Daniela è stata violentata, torturata, si sono accaniti su di alei ancora, fino al punto di toglierle la vita".

Nel frattempo, la Rete delle Attrici Cilene, accusano che Daniela "è stata rapita dalle forze militari nei giorni della protesta il 19 ottobre".

L'immagine divenuta celebra di Daniela Carrasco, conosciuta come "Mimo"

E lo stupro?

Tuttavia, fonti dell'ufficio del procuratore, affermano che la scoperta del corpo è stata etichettata in primo luogo come un suicidio, poiché il rapporto del medico legale ha stabilito che la causa della morte è "soffocamento" dovuto dall'impiccagione, escludendo la partecipazione di terzi.

Allo stesso modo, il rapporto della polizia ha stabilito che il corpo non ha registrato lesioni fisiche attribuibili a una violenza sessuale.

Al momento attuale l’Instituto Nacional de Derechos Humanos (Istituto Nazionale per i Diritti Umani) non ha ricevuto una denuncia formale per questo caso, che viene indagato dalla Procura della Repubblica del Sud.

Tradotto da Giacomo Alessandroni, revisione di Marica Tarallo per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Titolo originale: Investigan muerte de mujer que fue encontrada ahorcada en sitio eriazo de Pedro Aguirre Cerda

Articoli correlati

  • Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange
    Conflitti
    Putin: il nuovo Bush?

    Lo sfondone di George W. Bush smaschera la guerra in Iraq e dà ragione a Assange

    Commettendo ciò che molti giornali chiamano “il lapsus freudiano del secolo”, l’ex presidente degli Stati Uniti, George W. Bush, ha inavvertitamente definito la propria invasione dell’Iraq nel 2003 come “ingiustificata e brutale.” Proprio ciò che Julian Assange aveva rivelato 12 anni fa.
    23 maggio 2022 - Patrick Boylan
  • Uno spiraglio di luce in mezzo a tanta oscurità
    Latina
    Honduras

    Uno spiraglio di luce in mezzo a tanta oscurità

    Lo Stato honduregno si dichiara responsabile dell’esecuzione sommaria di Herminio Deras e di decenni di violenze contro la sua famiglia
    19 maggio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Cile: i ministri che guardano al cambiamento
    Latina
    14 donne e 10 uomini nel governo di Boric che entrerà in carica l’11 marzo

    Cile: i ministri che guardano al cambiamento

    Alla Difesa Maya Fernandez, la nipote di Salvador Allende, ma al Bilancio e in altri ministeri sono diversi gli esponenti della vecchia Concertación
    24 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi
    Disarmo
    Rivista.eco rilancia l'appello dei 50 Premi Nobel per la riduzione delle spese militari nel mondo

    Nobel e intellettuali partigiani della pace, ieri e oggi

    Un appello di oltre 50 premi Nobel e diversi presidenti di accademie della scienza nazionali per la riduzione della spesa militare che, a livello globale, è quasi raddoppiata dal 2000 ad oggi, arrivando a sfiorare i duemila miliardi di dollari statunitensi l’anno
    21 dicembre 2021 - Laura Tussi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)