Latina

Un violador en tu camino: il flash mob di protesta delle donne di tutto il pianeta

Dal Cile un inno contro la violenza di genere

Essere maschi o femmine è naturale; essere uomini o donne è molto più difficile

«E la colpa non era mia, né di dove mi trovavo, né di com’ero vestita. Lo Stato oppressone è un maschio stupratore.»

Questo è il grido che riecheggiava nella piazza di Santiago, il 25 novembre, in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Centinaia di donne sono scese in piazza, compatte, con una benda nera sugli occhi, per denunciare a suon di musica gli abusi, le violenze sessuali e le torture perpetrati da chi dovrebbe difenderle: la polizia; da chi dovrebbe far valere i loro diritti: la giustizia.

Tutto questo accade ‒ accusano nel loro flash mob ‒ sotto lo sguardo di uno Stato connivente e maschilista.

I numeri: secondo l’Istituto Nazionale dei Diritti Umani (INDH) del Cile, dall’inizio delle manifestazioni di protesta nel Paese, le denunce di abusi e violenza sessuale sono addirittura quadruplicate, rispetto agli ultimi nove anni, mentre i casi di tortura sono raddoppiati.

Un violador en tu camino (Uno stupratore sul tuo cammino, NdT) è questo il titolo delle strofe di denuncia composte dal gruppo femminista cileno LASTESIS (che vi invitiamo a seguire nel loro profilo Instagram a partire da questo video), è presto diventato un inno che ha fatto non solo il giro del Cile ma del mondo, oltrepassando i confini sudamericani per arrivare sino in Francia, Germania, Austria e altri Stati europei.

Di seguito la nostra traduzione:

Il patriarcato è un giudice,
che ci giudica per essere nate.
E il nostro castigo
è la violenza invisibile.
Il patriarcato è un giudice,
che ci giudica per essere nate.
E il nostro castigo
è la violenza che ora vedi.
È femminicidio,
impunità per il mio assassino!
È la scomparsa.
È lo stupro.

E la colpa non era mia,
né di dove mi trovavo,
né di com’ero vestita;
e la colpa non era mia,
né di dove mi trovavo,
né di com’ero vestita;
e la colpa non era mia,
né di dove mi trovavo,
né di com’ero vestita;
e la colpa non era mia,
né di dove mi trovavo,
né di com’ero vestita.

Lo stupratore eri tu.
Lo stupratore sei tu.
Sono i poliziotti.
I giudici.
Lo Stato.
Il Presidente.
Lo Stato oppressore
è un maschio stupratore!
Lo Stato oppressore
è un maschio stupratore!

Lo stupratore eri tu.

Infine, come già accennato, no: la protesta non si è fermata in Cile. Questa è la mappa parziale degli identici flash mob di cui si ha notizia.

Tradotto da Valentina Manca, revisione di Marica Tarallo per PeaceLink. Il testo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali citando la fonte (PeaceLink) e l'autore della traduzione.
N.d.T.: Video girato dal nostro corrispondente dal Cile Manuel Urbina Marchant

Articoli correlati

  • Cile: la rivolta anti- Piñera prosegue negli stadi
    Latina
    La Cidh ha contestato ai carabineros un uso sproporzionato della forza

    Cile: la rivolta anti- Piñera prosegue negli stadi

    La morte di Jorge Mora e Ariel Jesús Moreno ha scatenato una nuova ondata di proteste in tutto il paese
    5 febbraio 2020 - David Lifodi
  • Messico: ancora una donna assassinata
    Latina
    Il 17 gennaio, a Ciudad Juarez, uccisa l'attivista femminista Isabel Cabanillas

    Messico: ancora una donna assassinata

    Si tratta della quarta donna assassinata nella città nel solo mese di gennaio. La giovane è stata uccisa per il suo attivismo politico a favore dei diritti delle donne di fronte all'indifferenza delle istituzioni
    27 gennaio 2020 - David Lifodi
  • Le Ande rivendicano democrazia e giustizia sociale
    Latina
    In Bolivia, Cile e Colombia prosegue la protesta

    Le Ande rivendicano democrazia e giustizia sociale

    Duque, Piñera e Añez rappresentano solo gli interessi dell’oligarchia
    8 dicembre 2019 - David Lifodi
  • Migliaia di donne native scomparse nel nulla o barbaramente uccise
    Sociale
    Canada

    Migliaia di donne native scomparse nel nulla o barbaramente uccise

    E’ stato pubblicato, nel giugno 2019, un impressionante, spaventoso e documentatissimo Report su queste sparizioni e assassini di donne avvenute negli ultimi decenni composto di migliaia di pagine e voluto sotto la pressioni di molte associazioni e denunce di gruppi nativi
    28 novembre 2019 - Umberto Rondi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.32 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)