Latina

Nicaragua

Opposizione sul libro paga degli Stati Uniti (+ video)

Giornalismo "indipendente", osservazione elettorale e diritti umani hanno ricevuto quasi $ 12 milioni nel 2018
8 luglio 2020
Giorgio Trucchi

Foto web

Nel programma “Sin Fronteras”, diretto dal giornalista William Grigsby Vado, sono state presentate le prove di qualcosa che era già noto da tempo, ma  troppo spesso taciuto dal mainstream: gli Stati Uniti, attraverso agenzie governative e private, hanno finanziato - e continuano a farlo - i principali gruppi e personaggi dell'opposizione nicaraguense.

Tra il 2017 e il 2018 sono stati erogati circa $ 28 milioni. In particolare nel 2018, le principali organizzazioni che hanno promosso e/o sostenuto il fallito tentativo di colpo di stato hanno ricevuto $ 16 milioni.

Tra i maggiori beneficiari ci sono Grupo CINCO (Carlos Fernando Chamorro / Sofia Montenegro | Confidencial e programmi affini) con $ 3,3 milioni, l'Istituto di studi strategici e politiche pubbliche IEEPP (Félix Maradiaga) con $ 2,1 milioni, Commissione permanente per i diritti umani CPDH (Marcos Carmona) con $ 2 milioni, il Centro nicaraguense per i diritti umani CENIDH (Vilma Núñez) con $ 1 milione e Gruppo Etica e Transparenza (Roberto Courtney) anche lui con $ 1 milione.

Sul libro paga dell'Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID) anche il Movimento per il Nicaragua MpN (Violeta Granera) con $ 803 mila, Hagamos Democracia (Luciano García) $ 800, Fondazione Violeta Barrios de Chamorro (Cristiana Chamorro) $ 600 mila, un sedicente Movimento contadino (Medardo Mairena?) $ 240 mila, la direzione esecutiva dell'Alleanza civica per la giustizia e la democrazia ACJD (composta da vecchie figure della politica reazionaria nicaraguense e dai settori più conservatori dell'impresa privata, con pennellate di gioventù) $ 212 mila, Fondazione Popol Na (Mónica López B.) $ 208 mila, Associazione nicaraguense per i diritti umani ANPDH (Álvaro Leiva) $ 200 mila e il Movimento autonomo delle donne MAM con $ 154 mila.

Documento presentato nel programma Sin Fronteras

Alcuni di questi gruppi e personaggi fanno parte della Unità nazionale azzuro e bianco (UNAB), formata da una ‘zuppa’ di oltre 90 micro-sigle per lo più legate a Ong  e gruppi dell’Articolazione dei movimiento sociali e organizzazioni della società civile (AMS-OSC) e ai dissidenti del partito di governo del Movimento rinnovatore sandinista (MRS).

Insieme - Alleanza Civica, UNAB e vecchi partiti della destra nicaraguense - hanno creato la Coalizione Nazionale in vista delle elezioni generali del 2021, un obiettivo per raggiungere il quale potranno contare sulla generosità di agenzie governative e private statunitensi ed europee.

Giornalismo "indipendente", osservazione elettorale e diritti umani hanno ricevuto il 75% dei fondi della USAID per il 2018, cioè circa $ 12 milioni.

Quelli segnalati da Grigsby sono comunque solo i fondi ricevuti dall’agenzia governativa statunitense e da altre agenzie (NED, NDI, IRI). A questi si devono poi aggiungere quelli che le organizzazioni dell'opposizione  - inclusa una vasta gamma di cosiddetti “media indipendenti” che dal 2018 hanno invaso i social e la web con un'altissima potenza di fuoco - hanno ricevuto sia da altre organizzazioni, come la Open Society Foundations di George Soros, sia da governi e agenzie europee.

Molto attivo anche il fenomeno della triangolazione di fondi, per farli arrivare a organizzazioni che non possiedono personalità giuridica o a cui è stata tolta dopo i fatti del 2018.

Qui il video del programma e maggiori dettagli sul finanziamento che l'opposizione riceve e continua a ricevere in Nicaragua (in spagnolo)

https://s3.amazonaws.com/rlp680/files/uploads/2020/07/05/william-video.mp4

 

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)