MediaWatch

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • Donazione online con PayPal
  • C.C.P. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009, 74100 Taranto
  • Conto Corrente Bancario c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink - IBAN: IT65 A050 1804 0000 0001 1154 580
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

low tech utile

Ferrovie a base di bambù

13 luglio 2006 - P. Cor.
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

Si tagliano le corse e i treni viaggiano solo una volta la settimana rendendo difficoltosi gli spostamenti? Niente paura, l'alternativa è a portata di mano. Anzi, di bambù. La notizia, riportata dalla Bbc nelle newsdi qualche giorno fa, suscita non poca curiosità. Succede in Cambogia a Battambang, dove i suoi abitanti si sono organizzati creando un vero servizio in proprio. I noriso lorries, che, utilizzando la ferrovia principale, collegano Battambang a Phnom Penh (conosciuti dai visitatori stranieri come i bamboo train, i «treni di bambù»), percorrono quell'unico binario malmesso, a una velocità di circa 40 km orari. Scomodi? Sicuramente, e anche molto rumorosi, ma non saltano le fermate in nessuna stazione e, soprattutto, sono a basso costo.
Una piattaforma di bambù poggiata sopra quattro ruote, un piccolo motore elettrico che alimenta il veicolo poggiato a sua volta sulla piattaforma, due cinghie di trasmissione infilate tra ruote e motore e una stuoia dove sedersi. Tutto facilmente smontabile se due di questi treni si incontrano sull'unico binario di percorrenza. Basta smontare quello meno carico. Semplice no? Anche l'inversione del senso di marcia non è un problema. Si cambia verso alla trasmissione e il gioco è fatto. Problemi di sicurezza? I driverslocali tranquillizzano: «Siamo molto prudenti» afferma Sok Kimhor, 18 anni, un veterano dei treni di bambù. «Stiamo attenti ai bambini e agli animali che attraversano i binari o corrono lungo la linea ferroviaria e rallentiamo quando un altro 'treno' ci viene incontro».
Il direttore delle ferrovie cambogiane, Sokhom Pheakavanmony, ammette lo stato disastroso in cui versa il servizio, ma aggiunge che sono in cantiere progetti di rinnovamento. «Entro il 2010 dovremmo completare la ristrutturazione» ha detto, con l'obiettivo-speranza che «presto si possa utilizzare i treni per muoversi da una zona all'altra e da un paese all'altro».
Al di là dei piani di lavoro futuri e restando in attesa di fatti, i treni di bambù continueranno a transitare ancora per molto su quell'unico vecchio binario che congiunge Battambang a Phnom Penh.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.5.8 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)